Tecnologia

5 altri modi per monitorare la tua posizione

Come monitorare la tua posizione invadente attraverso le app, che potrebbe aver causato la disattivazione di questa particolare autorizzazione per un gruppo di app sullo smartphone. Ma il rilevamento della posizione è molto più profondo di così.

Ecco cinque modi in cui le app, le aziende e i professionisti del marketing possono sapere dove sei stato, anche dopo aver disattivato le autorizzazioni di posizione all’interno delle tue app preferite. Non possiamo dirti esattamente come vengono utilizzati questi dati, ma possiamo darti alcune idee su come vengono raccolti da te.

Per gentile concessione del New York Times, abbiamo appena ricevuto un altro promemoria su come può essere il monitoraggio invadente della posizione attraverso le app, che potrebbe aver causato la disattivazione di questa particolare autorizzazione per un gruppo di app sullo smartphone. Ma il rilevamento della posizione è molto più profondo di così.

Ecco cinque modi in cui le app, le aziende e i professionisti del marketing possono sapere dove sei stato, anche dopo aver disattivato le autorizzazioni di posizione all’interno delle tue app preferite. Non possiamo dirti esattamente come vengono utilizzati questi dati, ma possiamo darti alcune idee su come vengono raccolti da te.

1) Monitorare la tua posizione: Accesso ai siti Web

Ogni volta che accedi a Gmail, Amazon, Facebook o in qualsiasi altro luogo, questi siti web sanno da dove stai navigando, grosso modo. In alcune situazioni, è utile, ad esempio, individuare accessi insoliti e non autorizzati, ma tutto ciò si aggiunge ai punti dati che queste aziende hanno su di te e che potrebbero scegliere di vendere ad altre parti interessate.

Quando sei online, ti verrà rivelato un indirizzo IP pubblico legato al tuo provider di servizi Internet (ISP), che è collegato alla tua area geografica approssimativa. Di per sé, non è sufficiente rivelare esattamente dove vivi, ma può essere legato ad altre informazioni per saperne di più su di te. È per questo che a volte vedi annunci online per la tua area locale anche quando non hai effettuato l’accesso da nessuna parte.

In altre parole, anche se non hai detto a Facebook la tua città, probabilmente lo sa ( vedi qui per le posizioni dei tuoi attuali accessi a Facebook). L’unico vero modo per aggirare questo è utilizzare un servizio di rete privata virtuale (VPN), che può connettersi al web attraverso un nodo che non è affatto correlato alla posizione corrente, potrebbe persino essere dall’altra parte del mondo. I siti saranno ancora in grado di registrare un IP quando si accede a loro, ma non sarà geograficamente accurato.

2) Tagging le tue foto

Come forse già saprai, tagliando un luogo in una foto di Instagram, Snapchat, Facebook o Twitter, tale posizione viene collegata al tuo account e alla tua identità. Dovresti riflettere molto attentamente sulla georeferenziazione delle tue immagini, specialmente se vengono pubblicate pubblicamente, specialmente se sono in giro per casa o nel luogo di lavoro.

Anche se non pubblichi queste immagini per il mondo in generale, i dati sulla posizione possono ancora essere registrati e condivisi con qualsiasi partner di dati con cui le tue app lavorano. Come abbiamo visto nel rapporto NYT, questi dati sono spesso descritti come anonimi nella maggior parte delle politiche sulla privacy, ma non è troppo difficile per qualcuno unire i punti.

Tuttavia, peggiora anche se: anche se non pubblichi georeferenziazione delle tue foto pubblicamente e disattivi le autorizzazioni di posizione di un’app, può comunque funzionare dove sei stato se gli concedi l’accesso alle tue foto. Come lo sviluppatore Felix Krause ha rivelato l’anno scorso , se un’app può accedere alla tua libreria di foto (una specie di essenziale per Instagram e Snapchat), può anche leggere i metadati della posizione collegati alle tue foto esistenti e vedere i punti in cui fai delle foto.

3) Accesso al wifi

Siamo spesso così disperati per un wifi buono e forte che faremo clic attraverso le caselle di consenso e le finestre di avviso, solo per andare online in un hotel o in un bar. Il wifi pubblico non è sicuro nel migliore dei casi , ma stai anche dando via la tua posizione ogni volta che accedi a una rete che non è la tua.

Non possiamo parlare per ogni operatore di wifi pubblico nel mondo, ma sappiamo che consentire al tuo indirizzo email o numero di telefono di essere collegato alla rete potrebbe essere una delle condizioni di accesso. Le aziende spesso non offrono la connessione wifi per la bontà del loro cuore: lo fanno per fare soldi con gli inserzionisti che vogliono fare pubblicità con te, e per farlo hanno bisogno di sapere di più su dove ti trovi.

Certo, nessuno sarà in grado di perseguitarti in base a due assegni di coffee shop al mese. Ma i broker di dati sono esperti che stanno costruendo profili di persone basate su fonti di informazione eterogenee, e l’accesso pubblico al wifi può alimentarsi. Se puoi, accedi solo ad altre reti wifi se ti fidi delle persone che le gestiscono.

4) Monitorare la tua posizione: Pubblicazione dei dati di fitness

Questo è legato alle app, e in particolare alle app di fitness, ma forse non nel modo in cui si pensa: si potrebbe ricordare lo scarico anonimo dei dati rilasciato da Strava che ha rivelato alcune delle posizioni delle basi militari segrete o l’ hack Polar Flow API che potrebbe essere utilizzato per ottenere i dati sulla posizione degli utenti, anche se tali dati non sono stati pubblicati pubblicamente.

Ora, se vuoi monitorare le tue corse intorno al parco, dovrai dare alla tua app di idoneità l’accesso alla tua posizione, è un compromesso. Oltre a questo, vale la pena considerare anche dove stai postando le mappe di queste esecuzioni, sia che si tratti di altri utenti all’interno della app o di social network come Facebook.

Logo PlayBlog.it

Seguici su Facebook



POST CORRELATI

La ricerca di Nvidia AI indica un’evoluzione del business dei chip

Amazon Music e la sua crescita

Come scaricare l’Assistente Google su Apple ed Android

Lascia un commento