Tecnologia

Amazon presenta la prima denuncia penale in Italia per fermare le recensioni false

Amazon presenta la prima denuncia penale in Italia per fermare le recensioni false

Amazon presenta la prima denuncia penale in Italia, prima causa civile in Spagna e altre 10 azioni legali contro i malintenzionati negli Stati Uniti nel suo continuo sforzo per proteggere i clienti e le piccole imprese dalle recensioni false.

Amazon ha continuato ad espandere i suoi sforzi legali per chiudere i broker di recensioni false, presentando la sua prima denuncia penale in Italia e la sua prima causa in Spagna. Questi due procedimenti legali, oltre ad altre 10 nuove cause avviate di recente, prendono di mira i cattivi attori che gestiscono più di 11.000 siti Web e gruppi di social media che tentano di orchestrare recensioni false su Amazon e altri negozi in cambio di denaro o prodotti gratuiti.

“Ritenere responsabili i cattivi attori attraverso contenziosi e segnalazioni criminali è uno dei tanti modi importanti con cui proteggiamo i clienti in modo che possano acquistare con fiducia”, ha affermato Dharmesh Mehta, vicepresidente dei servizi per i partner di vendita di Amazon. “Oltre a continuare a promuovere il nostro solido rilevamento e prevenzione delle recensioni false nel nostro negozio, Amazon rimarrà implacabile nell’identificare e far valere contro i cattivi attori che tentano di impegnarsi in abusi di recensioni. Non c’è posto per recensioni false Amazon o in qualsiasi altra parte del settore”.

La prima denuncia penale di Amazon in Europa si rivolge a un broker di alto profilo in Italia vendere recensioni false.

L’imputato afferma di aver costruito una rete di individui disposti ad acquistare prodotti Amazon e pubblicare recensioni a 5 stelle in cambio di un rimborso completo. La decisione di Amazon di avviare un procedimento penale in questo caso segnala la determinazione dell’azienda a fermare i malintenzionati che traggono profitto dall’inganno di clienti e partner di vendita. Le persone condannate per questo tipo di reato in Italia può essere punito con la reclusione e con l’ammenda.

Oltre a queste cause senza precedenti inEuropa,Amazonaggiunto ai suoi casi in crescita nelNOIpresentando altre 10 cause legali 1 contro broker di recensioni false e altri cattivi attori che tentano di ingannare i sistemi di valutazione di Amazon.Amazonha anche inviato lettere di avvertimento a cinque siti web con sede aGermaniache stavano indirizzando i visitatori a un falso broker di recensioni. Da allora tutti e cinque i siti Web hanno deciso di interrompere questa attività firmando una lettera di cessazione e cessazione.

Queste azioni legali hanno lo scopo di scoprire gli autori e fermare la frode. Tuttavia, la collaborazione e gli investimenti continui in tutto il settore sono fondamentali per fermare definitivamente le recensioni false. Amazon ha continuato a cercare assistenza e supporto da altri attori del settore, nonché da agenzie governative, organismi di regolamentazione e forze dell’ordine per migliorare il rilevamento e aumentare le azioni di contrasto contro i broker di recensioni false.

“Amazon continuerà a dedicare risorse significative alla lotta contro le recensioni false e garantire ai clienti un’esperienza di acquisto affidabile”, ha aggiunto Mehta. “Continuiamo a migliorare i nostri controlli proattivi, inventare nuove tecnologie e apprendimento automatico per rilevare i malintenzionati e trovare nuovi modi per ritenerli responsabili”.

Amazon Prime Video

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

L’aggiornamento di Windows 10 rimpiazza Microsoft Edge: il futuro è con Chromium

Alessio PlayBlog.it

Come funziona l’Eurovision Song Contest 2022?

Alessio PlayBlog.it

La FTC avvia una causa per bloccare l’acquisizione di Arm Limited da parte di Nvidia

playblog.it

Lascia un commento