Prime Video

Amazon Studios è rimasto indietro nella competizione dello streaming

amazon studios film streaming

Amazon Studios sarebbe rimasto indietro nella competizione dello streaming. La società ha avuto scarso successo al botteghino e al tempo stesso ha ottenuto pochi premi quest’anno.

Lo scorso fine settimana negli States la Disney ha conquistato il trono al botteghino con Frozen II, mentre ha trattenuto i propri fan a casa con la continuazione di The Mandalorian, che era tra le altre offerte Disney+.

Ancora più chiacchierato nel fine settimana è stato l’ultimo originale di prestigio di Netflix, Marriage Story. Il colosso dello streaming ha anche rivelato che la sua prima release, The Irishman, era stata guardata da circa 26 milioni di persone in tutto il mondo nella prima settimana sulla piattaforma (metà negli Stati Uniti solamente nei primi cinque giorni, secondo Nielsen).

E nonostante Netflix non sia così interessata alle proiezioni teatrali o alla rivelazione dei loro guadagni al botteghino, secondo indiscrezioni The Irishman ha incassato quasi $ 7 milioni durante la sua corsa sul grande schermo. Marriage Story ebbe meno successo, ma fece ancora quasi $ 2 milioni a livello nazionale.

Amazon Studios e il lancio di Brittany Runs a Marathon

Nel frattempo, Amazon Studios ha fatto debuttare una delle sue grandi acquisizioni sul servizio di streaming Prime Video poche settimane fa. Se qualcuno parla di Brittany Runs a Marathon, che era abbastanza popolare al Sundance a gennaio, la conversazione sembra inclinarsi negativamente, focalizzata sul suo modo di gestire l’immagine corporea.

La commedia indipendente ha incassato oltre $ 7 milioni durante la sua corsa teatrale alla fine dell’estate, ma la compagnia ha pagato $14 milioni per la promozione. Chissà quante persone lo hanno visto su Prime Video, dal momento che Nielsen non tiene traccia dello streaming Amazon come fa invece con Netflix.

La compagnia ha avuto più fortuna all’inizio di quest’anno con Late Night, che ha raccolto $ 13 milioni. Solo in un altro caso Amazon è riuscita ad incassare di più al botteghino (15,5 milioni di dollari) ma in quel caso era in partnership con Roadside Attractions, Lionsgate e altri distributori. Il film secondo Amazon è molto popolare sul Prime Video.

Amazon e gli Oscar: un riconoscimento che non arriva

Amazon non ha avuto altrettanto successo agli Oscar da quel primo anno di riconoscimento, quando è diventato il primo servizio di streaming multimediale nominato per il miglior film (con Manchester).

Hanno anche avuto nomination per il miglior film documentario (I Am Not Your Negro) e il miglior film in lingua straniera (The Salesman). Con quest’ultimo ha vinto oltre a portare a casa trofei per il miglior attore e la migliore sceneggiatura originale.

L’anno seguente, Amazon ricevette una nomination all’Oscar per la sceneggiatura di The Big Sick. Altri auspici furono ignorati dall’Accademia, incluso Wonderstruck, che fu il primo film di Todd Haynes in più di 20 anni (da prima di Velvet Goldmine) senza un singolo cenno all’Oscar.

E ancora l’anno scorso quando Beautiful Boy, che ha battuto il record di botteghino di Amazon da solo (prima di Late Night ha superato) e ha avuto un sacco di premi in particolare per Timothée Chalamet, e poi nonostante fosse un concorrente Golden Globe e SAG Award è stato snobbato dal Academy. Suspiria non ha potuto nemmeno truccarsi; Joaquin Phoenix poi non ha ottenuto un’altra nomination per una delle sue migliori esibizioni di sempre (il suo Joker non è niente rispetto al suo Joe). Fortunatamente, Amazon si è trovato bene con Cold War, che è stato nominato come miglior regista e miglior cinematografia oltre alla scommessa sicura del miglior film in lingua straniera. Nessuna vittoria, però.

Di certo è vero che neanche Netflix è stata così fortunata con riconoscimenti e premi nonostante gli altissimi investimenti.

Alcuni risultati Amazon Studios li ha ottenuti con le serie: Fleabag, La fantastica Signora Maisel

Qualche riconoscimento è arrivato. Infatti la società ha ottenuto otto nomination ai Golden Globe questa settimana, ma la maggior parte sono state per la serie tv Fleabag. Fleabag è uno dei punti di riferimento della cultura pop del 2019. Poi accanto a questa c’è la signora Maisel (The Marvelous Mrs. Maisel) arrivata alla terza stagione.

La comparsa di Les Misérables nella categoria film come miglior film in lingua straniera è stata una sorpresa per Annette Bening. L’attrice ha ricevuto una nomination come migliore attrice non protagonista per The Report e Emma Thompson come migliore attrice.

Film anche di qualità ma senza star di punta: una riflessione per Amazon Studios

Il motivo principale per cui Amazon ha avuto problemi come distributore di film di successo non è certo la qualità dei film. Molti sono stati apprezzati dalla critica e hanno ricevuto premi. Spesso però non hanno le star più importanti, non compaiono molte commedie e i film drammatici con la speranza di ricevere qualche premio risultano a volte un po’ pesanti per il grande pubblico.

Al tempo stesso, Amazon ha bisogno di ripensare alla propria pubblicità e altre strategie per ottenere qualche risultato. L’azienda ha i soldi per permettersi tutto ciò che è necessario. Potrebbero anche avere i soldi per non preoccuparsi del botteghino e dei premi in questo momento se i loro abbonati Amazon Prime aumentano.

L’offerta di film di Amazon Studios sembra interessante per il futuro. Ci sarà un musical Leos Carax interpretato da Adam Driver e Marion Cotillard (Annette), una storia d’amore lesbica per adolescenti di Jennifer Kent di The Babadook (TBD), un dramma su un musicista che diventa sordo con un sound design fenomenale (Sound of Metal), e un adattamento di una graphic novel del regista visionario Marjane Satrapi su Marie Curie (Radioactive). Poi arriverà anche l’intrigante Blow the Man Down.

Ma riuscirà Amazon con queste offerte ad appassionare anche gli appasionati di cinema? Staremo a vedere.

Playblog.it

Apple        Android        Tecnologia        Game        Netflix        Prime Video        Offerte

Seguici su FacebookTwitterPinterest
Seguici su Telegram: Netflix, Offerte Amazon Prime, Prime Video

Playblog.it

Scarica la nostra App

App Store                                Google Play

Related posts

Modern Love dalla rubrica del New York Times a Prime Video

Alessio PlayBlog.it

James May: Our Man In Japan – un viaggio alla scoperta dell’autentico Giappone

Alessio PlayBlog.it

Quattro commedie speciali disponibili su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Lascia un commento