Apple

Apple e Google si alleano per il tracciamento del coronavirus su iOS e Android

Apple e Google si alleano per il tracciamento del coronavirus su iOS e Android

Apple e Google hanno annunciato un sistema per tracciare la diffusione del nuovo coronavirus, consentendo agli utenti di condividere i dati tramite trasmissioni Bluetooth Low Energy (BLE) e app approvate da organizzazioni sanitarie.

Il nuovo sistema, che è presentato in una serie di documenti, utilizzerà le comunicazioni Bluetooth a corto raggio per stabilire una rete volontaria di tracciamento dei contatti, mantenendo i dati sui telefoni vicini l’uno all’altro.

Le app ufficiali delle autorità sanitarie pubbliche avranno accesso a questi dati e gli utenti possono segnalare se è stato diagnosticato COVID-19. Il sistema avviserà anche le persone che le scaricano se erano in stretto contatto con una persona infetta.

Apple e Google introdurranno un paio di API iOS e Android a metà maggio e si assicureranno che le app di queste autorità sanitarie possano implementarle.

Durante questa fase, gli utenti dovranno comunque scaricare un’app per partecipare alla traccia dei contatti, che potrebbe limitare l’adozione.

Ma nei mesi successivi al completamento dell’API, le aziende lavoreranno sulla creazione di funzionalità di tracciamento nel sistema operativo sottostante. Come opzione immediatamente disponibile per tutti con un telefono iOS o Android.

La traccia dei contatti che implica capire con chi una persona infetta è stata in contatto e cercare di impedire loro di infettare gli altri. Una delle soluzioni più promettenti per contenere COVID-19, ma l’utilizzo della tecnologia di sorveglianza digitale per farlo solleva enormi problemi di privacy e domande sull’efficacia .

A differenza di altri metodi, come, ad esempio, l’utilizzo dei dati GPS, questo piano Bluetooth non traccia la posizione fisica delle persone. Fondamentalmente raccoglierebbe i segnali dei telefoni vicini a intervalli di 5 minuti e memorizzerebbe le connessioni tra loro in un database.

Loghi aziendali Apple e Google.

Se una persona risulta positiva al nuovo coronavirus, potrebbe dire all’app che è stata infettata e informare altre persone a distanza ravvicinata nei giorni precedenti.

Il sistema esegue inoltre una serie di passaggi per impedire che le persone vengano identificate, anche dopo aver condiviso i propri dati.

Mentre l’app invia informazioni tramite Bluetooth, trasmette una chiave anonima piuttosto che un’identità statica e tali chiavi si alternano ogni 15 minuti per preservare la privacy.

Anche quando una persona condivide di essere stata infettata, l’app condividerà le chiavi solo del periodo specifico in cui erano contagiose.

Apple e Google si alleano per il tracciamento del coronavirus su iOS e Android

Fondamentalmente, non esiste un elenco principale accessibile centralmente di cui telefoni abbinati, contagiosi o meno.

Questo perché i telefoni stessi eseguono i calcoli crittografici necessari per proteggere la privacy. I server centrali gestiscono solo il database delle chiavi condivise, anziché le interazioni tra tali chiavi.

Nelle aree affollate, potrebbe segnalare le persone nelle stanze adiacenti che non condividono effettivamente lo spazio con l’utente, facendo preoccupare le persone inutilmente.

È anche un programma relativamente nuovo e Apple e Google stanno ancora parlando con le autorità della sanità pubblica su come eseguirlo.

Questo sistema probabilmente non può sostituire i vecchi metodi di tracciamento ma potrebbe offrire un supplemento di alta tecnologia utilizzando un dispositivo che miliardi di le persone già possiedono.

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

Scarica la nostra App

app per iphone ios App Netflix news app per android

Related posts

iPhone X: Face ID, davvero un’innovazione efficiente?

Abbiamo provato le nuove funzionalità in arrivo con macOS Big Sur

Leonardo Playblog.it

Molte app VPN sull’App Store di Apple non possono essere ritenute attendibili

Leonardo Playblog.it

Lascia un commento