Netflix News

C’era una seconda volta: spiegazione del finale e stagione 2

c'era una seconda volta finale stagione 2

C’era una seconda volta: la spiegazione del finale della serie francese su Netflix e tutte le notizie sulla stagione 2.

La serie C’era una seconda volta ci presenta il protagonista Vincent Dauda, interpretato da Gaspard Ulliel. Vincent è un uomo ​​sulla trentina che sogna di riconquistare la sua ex, Louise.

L’uomo è addolorato e spinto alla disperazione, va da una festa all’altra per dimenticare quello che ha perso. Tutto questo fino al giorno in cui un fattorino gli dà un pacco che non ha mai ordinato.

Una strana scatola, senza fondo, attraverso la quale può viaggiare nel tempo, che lo riporta al fianco di Louise, prima che si separino. Ma di chi è il pacco? Quale costo c’è nel poter viaggiare nel tempo e con quali conseguenze?

Il finale emblematico di C’era una seconda volta

La prima stagione si C’era una seconda volta (Twice Upon A Time) si compone di soli 4 episodi. Una trama lenta e un po’ complessa. Il finale ci lascia un po’ di stucco e tutta aperta per una seconda stagione.

Dopo un breve montaggio flashback dei momenti insieme di Louise e Vincent, iniziamo con il vero finale della stagione 1 di C’era una seconda volta. Vincent è in ospedale e Nadege lo prende e lo porta a casa, lamentando la sua stupidità per essersi precipitato in una casa in fiamme.

Continua dicendogli che possono finalmente vivere insieme ora che lei e Stephanie si stanno separando.

Le chiede fermamente di andarsene e, mentre lo fa, si trova faccia a faccia con il cubo carbonizzato nel seminterrato. Sembra intatto ma sfortunatamente la magia sembra essere andata. Come spiega Jordan, il cubo gira su fotoni e il Maestro della Luce gli ha inviato un avvertimento.

In un flashback, vediamo Louise e Vincent discutere del loro tempo insieme e di come sia stato un incidente il fatto che sia siano incontrati.

Tuttavia, questo ci riporta alla seduta di terapia in cui chiede a Vincent cosa avrebbe fatto per salvarla. Dato che non ha modo di tornare al passato, finalmente riconosce che è morta ma, alla fine della seduta, gli viene chiesto di tornare due volte a settimana.

Il finale della prima stagione di C’era una seconda volta

Vincent tornato a casa pensa ai commenti di Jordan sulla luce e decide di posizionare il cubo sotto una lampadina solitaria nel seminterrato. Prendendo un respiro profondo, si arrampica nel cubo e riesce ad arrivare dall’altra parte.

Nella linea temporale del passato, Vincent si intrufola nel condominio di Louise e suona ripetutamente, implorando Louise di parlare. Si scopre che è passata una settimana da quando lui è stato lì e lei non è molto felice con lui per questo.

Quando si sveglia la mattina, tuttavia, litigano per la sua assenza finché lei non menziona di nuovo il suo mal di testa. Insieme, si siedono in riva al lago e discutono del passato, inclusa la donna misteriosa che saltò davanti al treno quegli anni fa.

Questa, come accade, è la stessa donna che Louise ha graffiato la foto nel cimitero. Ancora in passato, Louise discute della donna con James prima di tornare da Louise e Vincent, che tornano a casa insieme.

Di punto in bianco, chiede di vedere il cubo ed è qui che striscia dentro e lo attraversa, passando dall’altra parte. Vincent la guarda andare e mentre la segue dentro, non la ritrova più da nessuna parte. Tornando indietro, la trova svenuta sul pavimento della linea temporale del passato.

Louise e Vincent si lasciano nel finale

Il giorno successivo, Vincent lascia Stanley con Andre mentre in passato Vincent segue Louise e rovina il suo primo colloquio. Mentre torniamo al presente, il fattorino gli parla del cubo al lavoro, continuando a commentare con soggezione che Vincent ha conservato il misterioso artefatto.

Sfortunatamente, nel suo tentativo di cambiare il passato e salvare Louise, Vincent li ha anche inavvertitamente fatti allontanare. Non puoi cambiare il passato, come abbiamo imparato da innumerevoli altri spettacoli sui viaggi nel tempo, e Vincent si rende conto che ha bisogno di rompere con lei per salvare la vita di Louise.

Questo spiegherebbe perché non ricorda di aver rotto con lei in passato poiché questa è sempre stata la sua linea temporale.

Vediamo poi Vincent era lì nel momento in cui Louise è stata colpita, oltre ad essere dentro l’ospedale per raccontarle cosa è successo. Continua a dirle la verità sull’emorragia cerebrale e la supplica di non andarsene. Se lo fa, morirà.

Qualche tempo dopo, vediamo Vincent festeggiare e entrare in intimità con una ragazza mentre è fuori al parco eolico, una bomba esplode e apparentemente esplode. Mentre lo fa, Vincent scopre che Louise è morta di nuovo, portandolo a giurare di trascorrere la sua vita cercando di salvare Louise.

Il cliffhanger di C’era una seconda volta

Nel cuore della notte, due uomini che abbiamo misteriosamente visto spuntare durante la serie attendono il suo arrivo. Chiedono dove sia il cubo prima che uno di loro giri la pistola contro il suo socio e spari, restituendo la pistola a Vincent.

“Dov’è il cubo?” Chiede di nuovo, come il nostro protagonista gli dice che è nel seminterrato. Così finisce la serie e l’episodio.

C’era una seconda volta è stata una serie strana e spesso confusa. La serie si sviluppa su tre linee temporali che sono generalmente facili da distinguere. Purtroppo però alcune modifiche sono un po’ troppo complesse da seguire.

Il finale cliffhanger anziché rispondere ad alcune domande, apre letteralmente un nuovo capitolo ancora più controverso della storia.

Ci sarà una nuova stagione: C’era una seconda volta 2?

Il finale della serie lascia presagire che vedremo nuovi episodi e troveremo molte spiegazioni a tutti quei nuovi punti interrogativi che troviamo nelle scene finali dell’ultimo episodio. Purtroppo non saerà così.

Non ci sarà una stagione 2 di C’era una seconda volta. La serie è infatti stata cancellata. Gli utenti non hanno infatti gradito il ritmo lento della serie e la trama sufficiente.

Su questo ammettiamo che una serie lenta non ci è dispiaciuta. Forse avremmo gradito un po’ più di chiarezza in alcuni passaggi e un finale che concludesse l’arco narrativo. Peccato.

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Riepilogo Prima Settimana di Luglio su Netflix

Confermata la seconda stagione di Russian Doll: Natasha Lyonne commenta il finale di stagione

Da non perdere la prima stagione di AJ and the Queen su Netflix

Lascia un commento