Disney+

Che cos’è la dubstep? La gag del film Deadpool 2

dubstep deadpool 2 film

Che cos’è la dubstep? Nel film Deadpool 2 c’è una simpatica gag che si ripete sulla dubstep e nelle battute finali del film Ryan Reynolds fa un’ennesimo riferimento.

Deadpool 2 ha una gag durante il film su quanto sia pessima la dubstep. Probabilmente il team di sceneggiatori non apprezza particolarmente questa musica, fino al punto di renderlo uno scherzo nel lungometraggio.

Deadpool 2 è un degno seguito dell’originale del 2016, un film godibile anche per chi non ha (ancora) visto il primo film. Il film presenta una storia di supereroi interessante con tanti momenti divertenti e battute esilaranti.

Il protagonista del film di Deadpool è Ryan Reynolds, che fa azioni da supereroe. Accanto a lui in questa nuova storia ci sono altri personaggi, alcuni ritorni e nuove aggiunte.

La gag in Deadpool 2: che cos’è la dubstep?

Nelle scene del film troviamo tutta una serie di gag e battute sulla dubstep, sembra che non piaccia a nessuno, tranne che a Ryan Reynolds. Ma di che si tratta?

Dubstep è un genere nato come “figlio dell’amore” di pochi DJ del sud di Londra. Presto è diventato uno dei movimenti culturali più popolari, diffusi e ben accolti negli ultimi anni.

Dubstep trova il suo suono centrale e omonimo tra i ritmi nervosi della batteria e il riverbero oscuro della musica dub giamaicana. Da lì, il suono è stato raccolto da artisti grime londinesi e abbinato a quella che viene definita sensazione in due fasi.

In termini di specificità musicali, i due tempi comportano un controtempo che si muove a metà della velocità del tempo, mentre i ritmi rimanenti procedono a tempo pieno. Per dirla in termini più semplici: è un ritmo veloce che senti come un ritmo lento.

La caratteristica più distintiva e sempre presente del dubstep è la sua forte dipendenza dal basso. Tantissimi bassi. La differenza tra il basso dubstep e il tuo comune basso potente è che il basso della dubstep è “basso”.

Sono necessari meno di 100 hertz per ottenere un effetto particolare che fa suonare il basso come se oscillasse violentemente avanti e indietro.

Qual è la storia del dubstep? Com’è nato?

La storia del dubstep sembra muoversi in modo esponenziale piuttosto che lineare. È iniziato lentamente ed è esploso più velocemente di quanto chiunque avesse previsto.

Dal 1999 al 2005 circa, la dubstep ha iniziato a ottenere un passaparola dopo l’esposizione di alcuni programmi radiofonici londinesi, acquisendo una sorta di notorietà positiva che lentamente ha iniziato a diffondersi in tutta la scena elettronica.

Nel 2006, la dubstep ha iniziato la sua improvvisa ascesa nel mainstream attraverso un programma radiofonico della BBC1, Dubstep Warz, condotto dalla leggendaria DJ Mary Anne Hobbs.

Da lì la crescita del dubstep si è estesa negli Stati Uniti e nel resto d’Europa e trovando la sua strada nei festival popolari. Quindi in meno di un decennio, la dubstep si è espansa da un paio di lati B dimenticati su oscuri dischi di batteria e basso ad essere messa in risalto anche da artisti del calibro di Britney Spears.

Perché? È un genere con una formula progettata per emarginare tutte le sensibilità mainstream con melodie dissonanti, rumori stridenti, ritmi intricati e suoni che possono rasentare l’apocalittico.

Eppure, in qualche modo, ha trovato fascino con tutti, dai festeggiati hippie agli appassionati di metal intensi. Il fascino o forse no del dubstep è poi cresciuto fino ad arrivare in Deapool 2 e dedicarci alcune tra le scene più divertenti del film.

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

 

POST CORRELATI

Noelle la sorella di Babbo Natale in un film Originale di Disney+

L’unico e insuperabile Ivan film su Disney Plus

Terra chiama Ned con Jim Henson su Disney+ il talk show più strano in streaming

Lascia un commento