Netflix News

Chi ha commesso gli omicidi di Atlanta: la vera storia di Mindhunter 2

mindhunter 2 la vera storia

La stagione 2 di Mindhunter ruota attorno al serial killer che ha terrorizzato Atlanta in Georgia tra il 1979 e il 1982, ma qual è la vera storia sul serial killer?

La serie drammatica di Netflix Mindhunter entra in un territorio oscuro nella seconda stagione, coprendo una serie di omicidi che hanno avuto luogo ad Atlanta, in Georgia, alla fine degli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80.

Nella serie, Holden Ford interpretato da Jonathan Groff e il suo partner Bill Tench (Holt McCallany) vengono inviati nella città del sud degli Stati Uniti per applicare le loro tecniche di profilazione criminale. Il loro compito è indagare sui crimini che all’epoca causarono grandi disordini nella città.

Ma quanto c’è di vero nella storia raccontata in Mindhunter 2?

La vera storia macabra degli omicidi di Atlanta ha scosso tutta la città e non solo. Nel 1979, 1980 e 1981, 24 bambini – dai sette ai diciassette anni, per lo più giovani ragazzi afroamericani – furono rapiti e uccisi ad Atlanta. I loro corpi apparvero settimane e spesso mesi dopo la loro scomparsa.

La regolarità con cui si sono verificate queste atrocità durante questo periodo è stata la fonte di molta ansia nella comunità. Il trailer della seconda stagione evidenzia proprio questa situazione.

Trailer stagione 2 di Mindhunter in streaming su Netflix

Nel video, un presentatore di un notiziario chiede “Sono le dieci e mezza – sai dove sono i tuoi figli?” Nel 1981, è stato ordinato un coprifuoco alle 21.00 per i bambini sotto i 15 anni “nella speranza di prevenire ulteriori morti e sparizioni”, secondo un articolo del New York Times dell’epoca.

La serie Mindhunter 2 presenta anche una scena presa dalla vita reale, che vede il sindaco Maynard Jackson in TV mostrando 100.000$ in contanti ammucchiati su una scrivania di fronte a lui. I soldi sarebbero stati dati come ricompensa a chiunque potesse aiutarli a rintracciare l’assassino.

Muhammad Ali ha aggiunto poi $ 400.000 al bottino, perché 100.000$ “non comprerebbero nemmeno una Rolls-Royce”.

Si credeva che gli omicidi fossero stati crimini razzisti, commessi da un uomo bianco. “Perché la città nega che gli omicidi siano razzisti?”, Chiese allora il commissario di polizia Lee P. Brown in una rivista del New York Times del 1981.

Chi era Wayne Williams – e chi ha commesso gli omicidi di Atlanta?

Nel 1982, un promotore di musica afroamericana di 23 anni chiamato Wayne Williams è stato arrestato e accusato dell’omicidio del 27enne Nathaniel Cater e del 21enne Jimmy Ray Payne.

Durante il processo, un esperto di fibre dell’FBI ha testimoniato che fibre e peli di cane trovati su nove giovani neri assassinati potevano essere rintracciati nella casa e in macchina di Williams. La polizia crede che sia responsabile della maggior parte dei bambini assassini, oltre alle uccisioni di quattro adulti.

Williams è stato processato e condannato per i due omicidi sopra menzionati e attualmente sta scontando due ergastoli. Tuttavia, non è mai stato processato e condannato per aver ucciso nessuno dei bambini.

Nessuno lo era. Tuttavia, 22 casi di omicidio sono stati chiusi dopo la sua condanna. Wayne Williams ha continuato a insistere sul fatto di non aver commesso gli omicidi di bambini di Atlanta.

Perché i casi di Atlanta Child Murders sono stati riaperti?

Quasi quarant’anni dopo, l’attuale sindaco di Atlanta, Keisha Lance Bottoms, ha riaperto il caso. Il sindaco ha ordinato che le prove venissero nuovamente testate utilizzando l’attuale tecnologia del DNA, nella speranza che possa “aiutare a portare un po’ di pace alle famiglie che per così tanto tempo sembrava che fossero stati dimenticati.”

Playblog.it

Apple        Android        Tecnologia        Game        Netflix        Prime Video        Offerte

Seguici su FacebookTwitterPinterest
Seguici su Telegram: Netflix, Offerte Amazon Prime, Prime Video

Related posts

Netflix socks i Calzini Netflix con il rilevamento del sonno

Leonardo Playblog.it

La Rapina del Secolo da non perdere la prima stagione su Netflix

Mattia PlayBlog.it

Hope Frozen: si può vivere due volte?Arriva un docufilm Controverso su Netflix

Mattia PlayBlog.it

Lascia un commento