Tecnologia

Come aggirare le restrizioni di installazione di Windows 11

Come aggirare le restrizioni di installazione di Windows 11

Vediamo come aggirare le restrizioni di installazione di Windows 11 con Rufus versione beta 3.19 un programma per creare pendrive di installazione di Windows che può saltare i requisiti dell’account Microsoft e altro ancora.

Windows 11 viene fornito con requisiti di installazione più restrittivi rispetto al suo predecessore, comprese le restrizioni sui processori meno recenti e la richiesta di una connessione Internet e di un account Microsoft. Fortunatamente, esistono soluzioni alternative che consentono gli aggiornamenti a Windows 11 su CPU non supportate e l’azienda non sta bloccando tali elusioni.

Ma se stai cercando di eseguire un’installazione pulita di Windows 11
e configurare il sistema solo con un account locale,
ora puoi farlo facilmente con uno strumento chiamato Rufus.

L’app è stata a lungo utilizzata dai dipartimenti IT per creare rapidamente programmi di installazione di Windows avviabili.

Come aggirare le restrizioni di installazione di Windows 11

L’ ultima versione beta ha ora la possibilità di rimuovere il requisito di un account Microsoft online, insieme ad altre elusioni. Può ignorare i computer privi di TPM 2.0 (inclusi i Mac Intel), i computer con meno di 4 GB di RAM o 64 GB di spazio di archiviazione e puoi anche disabilitare automaticamente la raccolta dei dati.

Dovrai comunque mantenere il computer completamente offline durante l’installazione per ignorare il requisito dell’account Microsoft, proprio come nei metodi precedenti. Ma il metodo Rufus lo rende molto più semplice saltando le modifiche manuali del registro, inoltre il software è gratuito e open source.

Come eseguire l’aggiornamento da Windows 10 a Windows 11 gratuitamente
Il modo più semplice per installare Windows 11 su CPU non supportate
Microsoft ha infastidito alcuni utenti durante l’aggiornamento a Windows 11 Home l’anno scorso richiedendo una connessione Internet e un account Microsoft e ora con l’ultimo aggiornamento 22H2, le restrizioni si estendono anche a Windows 11 Pro.

E per coloro che aggirano le restrizioni, Microsoft potrebbe iniziare a utilizzare una filigrana su quelle macchine, proprio come tratta le installazioni non serializzate di Windows. Microsoft potrebbe anche bloccare gli aggiornamenti software su macchine non supportate ogni volta che lo riterrà necessario.

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Le 10 conquiste su Google Play per celebrare 10 anni

Nvidia abbandona l’acquisizione di ARM di fronte a “significative sfide normative”

Leonardo Playblog.it

Processori Qualcomm per competere con Apple M1 nel 2023

Leonardo Playblog.it

Lascia un commento