Tecnologia

Come scaricare l’Assistente Google su Apple ed Android

Per utilizzare al meglio l’assistente vocale offerto da Google, ti consiglio di effettuare alcuni controlli preliminari sul telefono e non avere brutte sorprese al momento dell’installazione o dell’avvio di quest’ultimo.

Assistente vocale Google per Android Apple - Guida su come scaricare l'Assistente vocale
Assistente vocale Google

Android
Per usare l’Assistente Google devi avere un telefono o un tablet con:

  • Android 5.0 o versioni successive
  • App Google 6.13 o versioni successive
  • Google Play Services
  • 1 GB di memoria
  • La lingua del dispositivo impostata su una delle lingue sopra elencate

Puoi controllare la versione del sistema operativo e il quantitativo di RAM disponibile facendo tap sull’icona Impostazioni e aprendo il menu Info sul telefono.

Per controllare, invece, la versione dell’applicazione Google presente sul dispositivo, avvia l’app Assistente vocale, fai tap sul menu Altro collocato in basso e sulla voce Impostazioni. A questo punto, scorri il nuovo menu fino a trovare la voce Informazioni, così da poter controllare la versione dell’app attualmente installata sul device.

iOS
Cosa ti occorre per scaricare l’Assistente vocale Google:

  • iPhone o iPad con iOS 10 o versioni successive
  • La lingua del dispositivo impostata su una delle lingue sopra elencate
  • App Assistente Google

Ora metti alla prova Google Assistant

Fai sapere a Google Assistant che sei annoiato: ci sono tante cose che può fare per intrattenerti. Basta chiedergli “Cosa sai fare?” e ti elencherà una serie di attività tra cui scegliere. È un po’ timido e non te lo dice, ma può anche recitare una poesia, riprodurre video divertenti, fare la beatbox o insegnarti qualcosa a caso. I giochi sono tra i migliori, come Trivial o il classico solitario.
Se vuoi metterlo alla prova puoi chiedergli di raccontarti una barzelletta o una filastrocca (ha un humor molto particolare) o se è nato prima l’uovo o la gallina (ha la risposta!).

C’è persino chi si è divertito a scoprire cosa è meglio non chiedere a Google Assistant!

Ad esempio frasi come “mi vuoi baciare?” hanno come risposta “E io che pensavo volessi soltanto chiacchierare ;-)”. E poi lui adora le citazioni: da Harry Potter, a Game of Thrones, 007, Amici Miei e persino Zoolander, Johnny Stecchino e Masterchef. Prova a chiedere a Google Assistant “Come ti chiami?” otterrai una risposta in pieno stile Attila, il film con Abatantuono oppure, se sei toscano, non puoi esimerti dal chiedergli “se fosse antani?”.

Potrebbe interessarti anche:

Cosa puoi chiedere all’Assistente Google

Logo PlayBlog.it

Seguici su Facebook

Related posts

Scopri le nuove custodie Smart Battery di Apple

Microsoft è diventato protagonista di una petizione online

Google: la correzione per il bug della fotocamera Pixel 2 XL è in corso

2 commenti

Facebook: bloccare il tracciamento della posizione è ora possibile - PlayBlog.it 01/03/2019 at 9:00 am

[…] introducendo un nuovo controllo della posizione in background su Facebook per Android. In questo modo che le persone possono scegliere se vogliono che raccogliamo le informazioni sulla […]

Reply
Android TV: le novità Google I/O 2019 - PlayBlog.it 12/05/2019 at 3:00 pm

[…] l’ Assistente Google è già collegato con i servizi video on-demand , un aggiornamento in arrivo farà emergere le […]

Reply

Lascia un commento