Prime Video

Death Parade una serie anime in streaming su Amazon Prime Video

death parade serie anime amazon prime video

Death Parade è una serie anime giapponese del 2015 scritta e diretta da Yuzuru Tachikawa ed è disponibile in streaming su Amazon Prime Video.

La serie è nata da un cortometraggio, Death Billiards , originariamente prodotto da Madhouse per Anime Mirai 2013 di Young Animator Training Project e pubblicato a marzo 2013. La serie televisiva è andata in onda in Giappone tra gennaio e marzo 2015.

Dopo la morte, gli esseri umani vengono mandati o in paradiso o all’inferno. Per questo esiste il Quindecim: questo è il luogo che serve ad emettere tale verdetto.

Secondo il regolamento però vi possono essere invitate solo due persone che siano morte nello stesso istante. Qui si decide chi avrà la vittoria e chi la sconfitta, chi verrà salvato e chi sarà dannato per l’eternità!

La trama della serie anime Death Parade

Ogni volta che qualcuno muore, viene mandato in uno dei tanti misteriosi bar gestiti da baristi che fungono da arbitri all’interno di una torre nell’aldilà.

Lì, devono competere in Death Games con le loro anime in gioco, i cui risultati rivelano quali segreti li hanno portati alla loro situazione e quale sarà il loro destino in seguito, con gli arbitri che giudicano se le loro anime verranno inviate per la reincarnazione o bandite nel vuoto.

La serie segue Decim, il barista solitario del bar in cui vengono inviate le persone morte nello stesso momento, noto come il bar Quindecim, e il suo assistente.

La serie Death Parade è disponibile in streaming su Amazon Prime Video

Death Parade è una serie del 2015 che arriva disponibile in streaming con la prima stagione di 12 episodi a partire dal 5 novembre 2022. Ciascun episodio ha durata pari a circa 20 minuti.

Guarda il trailer ufficiale della serie anime Death Parade in streaming ita su Prime Video

Decim è il barista del bar Quindecim (situato al 15° piano) che sovrintende ai Giochi della Morte tra persone che sono morte e devono essere giudicate. Il suo hobby è realizzare manichini che assomiglino agli ospiti che lo hanno colpito.

Si suppone che non abbia emozioni umane, proprio come tutti gli arbitri che vengono chiamati manichini perché non sono mai vissuti o morti. Come esperimento rischioso, Nona gli permette di sviluppare il suo interesse per l’apprendimento delle emozioni umane.

Chiyuki è invece un essere umano che inizialmente non ha memoria della sua vita o del suo vero nome e viene semplicemente chiamata “la donna dai capelli neri”. Lavora come assistente presso Quindecim, imparando i metodi usati dagli arbitri per giudicare le anime umane e aiutando Decim a conoscere il comportamento umano.

Altre curiosità sulla serie

La sigla di apertura è “Flyers” di Bradio mentre la sigla di chiusura è “Last Theatre” di NoisyCell. L’anime è concesso in licenza in Nord America da Funimation , che ha trasmesso in simultanea la serie mentre andava in onda.

Una versione dub trasmessa in streaming è iniziata in streaming dal 18 febbraio 2015, sia sul sito Web di Funimation che su un blocco di programmazione Dubbletalk trasmesso in streaming su Twitch .

Death Parade ha vinto gli Anime Trending Awards 2016 nella categoria “Miglior anime originale” ed è stato nominato per i loro “Anime dell’anno”, “Anime dell’anno soprannaturale”, “Anime dell’anno misteriosi o psicologici” e “Canzone del tema di apertura delle categorie dell’anno”.

Guarda la serie anime in streaming su Amazon Prime Video

Amazon Prime Video

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Il finale di This is Us stagione 5: la svolta a sorpresa

Alessio PlayBlog.it

Vitrum un docufilm sulla storia italiana del vetro su Amazon Prime Video

Sir Gawain e il cavaliere verde: il film di Amazon racconta la storia di Gawain, cavaliere di Re Artù

Alessio PlayBlog.it

Lascia un commento