Prime Video

Dispatches from Elsewhere: com’è nata la storia della serie?

dispatches from elsewhere storia stagione 1 copertina

La serie tv Messaggi da Elsewhere, Dispatches from Elsewhere ha visto quattro persone comuni e tanto diverse trovarsi, ma com’è nata la storia della serie? Si tratta di una storia vera? A cosa si sono ispirati i creatori della serie?

Per coloro che sentono che manca qualcosa nella loro vita, Dispatches From Elsewhere di AMC, disponibile in Italia in streaming su Prime Video, potrebbe essere la risposta.

La nuova serie, ispirata a un coinvolgente gioco di realtà alternativa, si concentra su quattro persone normali che sono state selezionate per frequentare l’Istituto Jejune, un misterioso ritiro che li porta in una caccia all’oca selvaggia per trovare Clara. Ma chi è Clara? Bene, questo è quello che devi scoprire.

“Dispatches From Elsewhere” è stata creata da Segel e presentata in anteprima nel mese di marzo sul canale americano AMC. La storia si basa sul documentario di Jeff Hull e Spencer McCall “The Institute”.

L’idea della serie Messaggi da Elsewhere Dispatches from Elsewhere dal documentario The Institute: com’è nata la storia?

Lo spettacolo segue quattro persone normali che scoprono un puzzle di realtà alternativa e si addentrano nel suo regno mentre tentano di risolvere il mistero dietro di esso.

Segel ha dichiarato di essere rimasto affascinato dalla stesura dell’argomento dopo aver visto “The Institute”, mentre si preparava per il suo ruolo di David Foster Wallace in “The End of the Tour” del 2015.

Il documentario segue un gioco di realtà alternativa del 2008 ambientato a San Francisco che ha accumulato oltre 10.000 giocatori in tre anni. Per giocare, ogni giocatore doveva essere “inserito” in un edificio per uffici chiamato Jejeune Institute.

Dopo aver cercato i diritti sulla storia di Hull e McCall, Segel ha dovuto subire la stessa induzione di tutti gli altri giocatori. Segel ha dichiarato di essere incuriosito dalla stranezza del gioco e dall’opportunità di raccontare storie non lineari che ha presentato.

“Era davvero esattamente l’opposto di fight club”, ha detto Segel. “Le persone che si sentivano come se dovessero esserci di più, si riuniscono nel segreto della notte. La differenza rispetto a fight club è che invece di picchiarsi l’un l’altro, in questo caso stavano facendo magie. Era come l’arte come un atto di sfida.”

Dispatches from Elsewhere: la storia da film a serie tv

Sebbene originariamente stesse scrivendo la sceneggiatura come film, Segel in seguito lo cambiò in formato TV in modo che la trama potesse concentrarsi maggiormente sulle singole persone che giocavano al gioco, piuttosto che sul gioco stesso.

“Ciò che mi ha colpito è che se lo avessi fatto ogni settimana in televisione e mi fossi concentrato su qualcosa di interessante per me, che è chi estrae un volantino e perché, allora potrei farlo sulle persone invece che su una caccia immaginaria al tesoro”, ha detto Segel. “Potrei farcela con la crisi esistenziale”.

A causa del focus incentrato sulle persone dello show, era anche importante per Segel trovare attori che avevano una connessione con la sceneggiatura e un messaggio da trasmettere attraverso il loro personaggio. E la scelta è caduta su André Benjamin come Fredwynn, Eve Lindley come Simone e Sally Field come Janice.

Per interpretare Fredwynn, Benjamin ha affermato di aver tratto ispirazione da una varietà di persone diverse nella sua vita, nonché dai teorici della cospirazione.

La scelta del cast di Dispatches from Elsewhere

“Ci sono molte persone come Fredwynn al mondo che hanno tutte queste teorie cospirative e credono in questo tipo di cose selvagge. E quindi è stato un po’ facile per me coinvolgerlo nel progetto”, ha detto Benjamin. “E molte volte sullo schermo, coinvolgo persone che già conosco. Sto solo tirando le piccole cose che le vedo fare e in qualche modo riesco a farcela con un pasticcio di carne di un’altra persona.”

Per costruire il personaggio di Simone, Lindley ha iniziato con lo stereotipo di una “ragazza da sogno folletto maniacale” e ha aggiunto un tocco unico.

Segel ha cercato di avere un netto contrasto tra i quattro personaggi per dimostrare, attraverso i loro viaggi sovrapposti, che si tratta di somiglianze tra ogni essere umano.

“Lo spettacolo è basato su questa premessa, questo tipo di tesi di fondo che in realtà siamo tutti molto più simili di quanto ci viene detto di credere quotidianamente e che se ci aprissimo l’un l’altro, ciò sarebbe rivelato”, ha detto Segel .

“E tutto ciò che serve è solo un piccolo atto di fede per dire ‘Questo è quello che sono’, e sarai accolto dai tuoi compagni che diranno: ‘Ehi. Sono proprio così. Ho paura della stessa cosa.”

Jason Segel, creatore della serie

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

Scarica la nostra App

app per iphone ios App Netflix news app per android

Related posts

Il film Cambio Tutto! è su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Spiegazione del finale della prima stagione di Tales from the Loop

Alessio PlayBlog.it

All or Nothing: la stagione 5 dei Philadephia Eagles su Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Lascia un commento