Tecnologia

Dreamers with Purpose: Come connettersi con i primi veri nativi digitali del mondo

Dreamers with Purpose: Come connettersi con i primi veri nativi digitali del mondo. Chi è questa nuova generazione? Cosa li motiva? Come sono diversi dal resto della popolazione? In questo momento, dobbiamo prepararci per Gen Z, una generazione di giovani nati dopo il 1996, che ora si uniscono alla forza lavoro globale e sono diventati un importante gruppo di consumatori.

La maggior parte delle persone con cui parlo sono sorpresa quando dico loro che Gen Z conta già quasi due miliardi e mezzo di persone. Questo è più che i tanto discussi Millennial. Per noi di Samsung, il ricambio generazionale non è una novità. Siamo nel nostro 50 ° anno come azienda, e capire veramente i consumatori – i loro desideri, bisogni e aspirazioni – è sempre stato al centro della nostra innovazione. Per come la vedo io, Samsung non è tanto la tecnologia che creiamo; piuttosto, si tratta di dare alle persone gli strumenti di cui hanno bisogno per fare ciò che non possono.

Tuttavia, con ogni generazione, dobbiamo ripensare a come possiamo farlo accadere. Dopotutto, la relazione tra marchi e consumatori cambia continuamente, quindi dobbiamo chiederci: cosa dobbiamo fare per rimanere pertinenti?

Una generazione di sognatori

Ogni generazione è unica a modo suo e Gen Z non è diversa. Ma ho pensato che sarebbe stato utile condividere alcune delle nostre idee su questa nuova generazione, perché credo che i loro valori e le loro motivazioni siano molto vicini a ciò che Samsung rappresenta.

Abbiamo iniziato la nostra ricerca chiedendo chi sono i Gen Z. Sì, sono molto diversi e unici, ma cosa hanno in comune che li guida? Cosa apprezzano di più? Abbiamo fatto sondaggi e ne abbiamo parlato direttamente a molti di loro, ascoltando davvero quello che avevano da dire.

Quello che abbiamo imparato è che Gen Z è una generazione molto resiliente. Sono cresciuti durante una crisi economica e crisi globali – ma non hanno perso la speranza. In realtà, sono determinati a cambiare il mondo per il meglio.

Quindi, sono dei sognatori, ma sono dei sognatori con uno scopo. Sanno cosa vogliono e sono appassionati in quello che rappresentano, e si aspettano lo stesso dai marchi. Sognano in grande, e dobbiamo sognare con loro.

L’era di ‘Storyliving’  Dreamers with Purpose

Per questa nuova generazione di responsabili del cambiamento, non è sufficiente che i marchi abbiano semplicemente ottimi prodotti o servizi. La Gen Z si preoccupa dei valori di un marchio e di come si misurano rispetto ai propri. Il settantasette percento di loro ritiene che “fare del bene” dovrebbe essere parte integrante della gestione di un’impresa. Ciò significa che i brand non possono più concentrarsi solo sulla narrazione, perché questa è l’era della “storyliving”.

Qui a Samsung, abbiamo dovuto considerare davvero come si integrano i nostri valori.

Gen Z è una generazione che sogna di sfidare le barriere – e anche noi. “Fai ciò che non puoi” è il nostro grido di battaglia. Rappresenta ciò che rappresentiamo come un marchio, e penso che risuoni perfettamente con la prospettiva di Gen Z.

Con una mentalità di innovazione inarrestabile, continuiamo a cercare nuove opportunità per creare esperienze che possano cambiare la vita delle persone.

Si tratta di molto più della semplice tecnologia. Riguarda il valore che offriamo. Che sia con l’app di realtà virtuale Be Fearless, che aiuta le persone ad affrontare le loro paure più profonde, come la paura di parlare in pubblico o l’ansia dell’altezza, al Samsung Blind Cap, che consente ai nuotatori Paralimpici di ricevere spunti dai loro allenatori che indicano quando sfogliare a la fine della loro corsia.

Sfidare le barriere

I Gen Z sono i primi veri nativi digitali dell’umanità. Non conoscono una vita senza Internet e l’utilizzo della tecnologia è completamente naturale per loro. Lo trovo molto eccitante, perché credo davvero che sbloccherà il potenziale della nostra tecnologia come nessuna generazione prima.

Useranno la tecnologia per raggiungere nuove vette e saremo lì con loro in quel viaggio. 

Ci connettiamo con loro aiutandoli ad avere successo. E questo inizia con ciò che sappiamo fare meglio: ascoltare e capire. Vogliamo aiutarli a raggiungere il loro potenziale con qualsiasi strumento, abilità o lifehack di cui abbiano bisogno.

Ma Gen Z è tanto diverso quanto può essere, e Samsung è un marchio globale che deve soddisfare l’individuo su scala internazionale. In ogni regione, paese e anche comunità, prendiamo i nostri valori fondamentali e li applichiamo a livello locale per soddisfare esigenze specifiche. 

A Kings Cross, a Londra, è in corso un progetto entusiasmante che mostra davvero come si presenta.

Samsung sta creando un nuovo spazio in un’area che ha già subito grandi cambiamenti, lasciando alcuni locali a sentirsi disconnesso. Vogliamo aiutare – non prescrivendo soluzioni, ma ascoltando e aiutando dove c’è bisogno. 

Ecco perché non vedo Samsung Kings Cross come un negozio, ma come un centro di cultura, innovazione e apprendimento. Stiamo persino reclutando personale in grado di parlare tutte le diverse lingue disponibili nella comunità locale, inclusa la lingua dei segni britannica, perché nelle vicinanze c’è una grande scuola per i non udenti.

Ascolteremo questa nuova generazione e li aiuteremo a guidare cambiamenti positivi, raggiungere il loro potenziale, essere cittadini responsabili e sognare … con uno scopo.

Il nostro obiettivo è quello di essere un marchio autentico e rilevante che risuoni con la Gen Z.



Apple        Android        Tecnologia        Game        Netflix

Seguici su Facebook



Related posts

Tidal è ora disponibile sugli altoparlanti Amazon Echo

Edge si trasforma in un browser basato su Chromium

Intel presenta i processori notebook del futuro

Lascia un commento