Prime Video

Goodnight Mommy: le differenze tra il remake e l’originale del 2014

goodnight mommy differenze tra l'originale e il remake

Goodnight Mommy: le differenze tra il remake del 2022 e il film originale del 2014. Entrambi i film sono degli horror psicologici, il film originale è austriaco mentre il remake è americano.

Il film del 2014 è stato terrificante e acclamato dalla critica e racconta la storia di due fratelli gemelli che temono che un impostore malvagio abbia invaso la loro casa, al posto della loro madre.

Scritto e diretto da Veronika Franz e Severin Fiala, il film originale è un trionfo di un discreto terrore a combustione lenta, poi di snervante body horror che indugia con te molto tempo dopo gli ultimi inquietanti momenti, e ti lascia a disagio consapevole delle capacità degli umani di infliggere dolore l’uno sull’altro.

Goodnight Mommy segue i fratelli gemelli Elias e Lukas (interpretati da Elias e Lukas Schwarz), la cui madre (Susanne Wuest) torna con le bende al viso dopo l’intervento chirurgico nella loro casa di campagna modernista per riprendersi.

Quando inizia a mostrare comportamenti irregolari e abusivi, i ragazzi sospettano che la persona sotto le bende potrebbe non essere affatto la loro madre.

Con una sceneggiatura adattata di Kyle Warren, il regista di Brand New Cherry Flavor Matt Sobel ha lavorato al remake del 2022 per Prime Video.

Cameron e Nicholas Crovetti (i figli di Nicole Kidman in Big Little Lies ) interpretano i ruoli di Elias e Lukas, il cui padre li accompagna nella casa di campagna americana della madre, interpretati da un’altra star australiana, l’appassionata di remake horror Naomi Watts. (Vedi anche: The Ring e Funny Games . O sai, non farlo.)

Le differenze tra l’originale e il remake del film Goodnight Mommy

In poche parole, il remake diluisce gli elementi più scioccanti e violenti dell’originale, in un modo che riduce il film a poche ore piuttosto stantie di tormento emotivo e fisico che sottovalutano il talento di Watts.

Poi arrivano tiepide verità domestiche che non arrivano in alcun modo con la stessa abilità del film agghiacciante del 2014.

Quindi, sebbene Sobel prenda in prestito alcune tecniche di ripresa che seguono il personaggio dal film di Franz e Fiala, quali sono le differenze tra i due film?

Se non ti piacciono gli spoiler, ti consigliamo di non leggere oltre.

Il mistero centrale di Goodnight Mommy è stato risolto: è lei o no?

Nell’originale, l’identità della madre è tenuta in discussione fino alla fine, mantenendo il pubblico timoroso della sua presenza come Lukas ed Elias.

I movimenti snervanti e robotici di Wuest che si aggirano per la casa, il suo sguardo minaccioso, il trattamento crudele del gatto randagio dei ragazzi e il rifiuto di confermare completamente la sua identità fanno sì che il pubblico si chieda costantemente se questa persona sia in realtà la madre dei ragazzi, o anche se sia completamente umano grazie a una scena surreale nella foresta si rifà a The Witch di Robert Eggers .

In entrambi i film, la prevalenza dell’oscurità e del silenzio nella casa della madre ha un senso narrativo, come regola ferrea imposta come necessaria per la sua guarigione.

Ma l’originale usa questa mancanza di suono e luce per un terrificante effetto tematico, mentre sembra semplicemente un orrore dato nel remake.

La versione della madre di Watt è molto più calorosa e apparentemente più umana del personaggio originale.

Si muove per casa come una persona normale, all’inizio parla gentilmente ai ragazzi e schiarisce immediatamente ogni dubbio. Questo rende più difficile per il pubblico sentire il terrore strisciante dei sospetti dei gemelli. “Ci sono ancora io qui sotto”, dichiara quando i ragazzi arrivano per la prima volta. “Odio che tu debba vedermi così. Ma non c’è niente di cui aver paura.”

Le differenze tra l’originale e il remake del film Goodnight Mommy

I ragazzi raccolgono prove in entrambi i film, ma l’originale offre indizi importanti per indicare che in realtà potrebbe non essere la loro madre: una sua foto con una donna identica, la sua insistenza nell’indossare contatti che non vediamo mai confermati e un neo disegnato rivelato durante l’interrogatorio.

Il remake risponde a tutte queste domande o non include affatto questi indizi. Sono state aggiunte più scene che mostrano il padre dei ragazzi, il che significa che diventa chiaro che Watts è davvero la loro madre.

Questo livello di conferma coerente dell’identità riduce il livello di minaccia per Elias e Lukas e mette in primo piano la rivelazione finale all’inizio del pezzo, rallentando il tutto.

Elias viene portato in primo piano

Nel nuovo film, uno dei gemelli è posto al centro della storia, mentre il film originale bilanciava i tre personaggi principali. Sobel presta la massima attenzione a Elias nel film, che rischia di rivelare la svolta della storia troppo presto per coloro che non hanno visto l’originale.

Fortunatamente, Cameron e Nicholas Crovetti offrono performance individuali avvincenti. Cameron, in particolare, è tenuto a fare la maggior parte del pesante sollevamento emotivo nei panni di Elias, e in realtà porta più sfumature ed emozioni al personaggio rispetto al terrore spettrale dell’originale.

Ma poi di nuovo, gli è stato chiesto di fare atti meno violenti come personaggio, quindi si verifica.

È la sfida più grande per gli attori e i registi in entrambi i film, poiché sia ​​Lukas che Elias hanno un senso in ogni scena fino alla rivelazione senza rendere il pubblico consapevole del fatto che la loro madre sta interagendo solo con Elias.

E onestamente, sia il remake che l’originale fanno un lavoro eccezionale nel farlo funzionare con un blocco esperto e dialoghi ben misurati.

Il destino di Lukas non è più un mistero

Una delle domande più sconcertanti dell’originale è cosa sia successo esattamente a Lukas. Nell’originale è ambiguo, poiché Lukas scompare in un tunnel buio nel bosco tra suoni inesplicabili e sinistri all’inizio.

Nella scena successiva, vediamo Elias galleggiare su un lago, chiamando Lukas, e non vediamo altro che bolle dalle profondità. Se questo significa che Lukas è annegato e che la scena del tunnel fosse rappresentativa della sua morte è lasciato allo spettatore.

Nel remake, non ci sono dubbi su come Lukas sia morto. È molto chiaramente rivelato. Il personaggio di Watts porta Elias nel fienile proibito e spiega che ha accidentalmente sparato a suo fratello mentre stavano giocando con una pistola.

In entrambi i casi, sembra che Elias abbia completamente bloccato la morte di Lukas dalla sua memoria e misuri la verità sull’identità di sua madre in base al fatto che lei giochi o meno insieme alla sua fantasia di mantenere in vita Lukas.

Goodnight Mommy: le differenze tra il remake e l’originale del 2014

Sia nell’originale che nel remake, Elias trattiene in modo scioccante sua madre nel terzo atto del film per interrogarla sulla sua identità.

Uno degli elementi agghiaccianti che definiscono il film originale sono le successive scene di tortura, che dimostrano le capacità davvero insidiose degli esseri umani, anche dei bambini.

Il personaggio di Wuest viene sottoposto a un’orribile tortura, prima di essere bruciato vivo in un incendio appiccato intenzionalmente da Elias. Sono scene davvero angoscianti con una recitazione eccezionale di Wuest.

Nel remake, Elias limita i suoi metodi di tortura e riesce a separarsi da Lukas abbastanza a lungo da connettersi con sua madre in un momento emotivo e presente per entrambi. Il personaggio di Wuest non ha mai questo momento.

Sfortunatamente anche la madre di Watts incontra la morte per mano di suo figlio. Ma nel remake sembra accidentale, il che rende il finale (leggermente) meno straziante.

Il remake di Goodnight Mommy è migliore dell’originale?

In definitiva, il remake di Goodnight Mommy di Sobel abbandona le scene di violenza scioccanti dell’originale e costringe le opportunità narrative a rispondere pienamente alle domande lasciate senza risposta da Franz e Fiala.

Sorprendentemente, Fiala sembra stare bene con questo, dicendo in un comunicato stampa: “Penso che abbiano risolto alcuni problemi nella loro sceneggiatura che non siamo riusciti a risolvere nella nostra, quindi è stato molto interessante da vedere”.

Tuttavia, il risultato è l’antitesi di ciò che ha reso la versione austriaca così incredibilmente memorabile: un inquietante esame privato del dolore e del trauma che dimostra freddamente di cosa è capace un bambino, uno che lascia il pubblico ancora chiedendosi se fosse davvero la mamma augurando buonanotte a.

La surreale scivolosa è stata una parte importante di ciò che ha reso l’originale così soddisfacentemente sinistro.

Sfortunatamente, la ricerca del remake per colmare le lacune indebolisce il puro terrore di una lodata gemma horror internazionale. Non abbiamo mai avuto bisogno di conoscere tutte le risposte.

Amazon Prime Video

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Il film Press Play – La musica della nostra vita è un film romantico fantascientifico solo su Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Wolfblood: Sangue di Lupo la serie su Amazon Prime Video

Vitrum un docufilm sulla storia italiana del vetro su Amazon Prime Video

Lascia un commento