Android

Google conferma la condivisione nelle vicinanze di Android

Google conferma la condivisione nelle vicinanze di Android

Google sta  finalmente rendendo ufficiale la “condivisione nelle vicinanze”. Mentre la funzione non è ancora  del tutto pronta per il lancio, Google ha confermato nelle vicinanze di condivisione è in arrivo e, meglio ancora, è già rotolando fuori per alcuni utenti beta su Android.

Google conferma che la funzione di condivisione nelle vicinanze di Android è ora in beta test limitato

Che cos’è la “condivisione nelle vicinanze?” In sostanza, è la versione di Google di AirDrop, una funzione molto utile sui prodotti Apple che consente il trasferimento rapido e semplice di file tramite una connessione Wi-Fi. 

È qualcosa che gli utenti Android chiedono da anni ormai, e ora finalmente sta arrivando.

Google ha confermato che sta eseguendo un beta test limitato della condivisione nelle vicinanze con determinati utenti Android. Anche eseguendo l’aggiornamento alla versione beta di Google Play Services , potresti non riuscire a pubblicare la funzione sul tuo dispositivo. Quando la condivisione nelle vicinanze viene lanciata ampiamente, Google afferma che verrà eseguita su dispositivi Android 6.0+ e “altre piattaforme”. Come accennato in precedenza, quelle altre piattaforme includono Windows, Mac e Chrome OS .

Attualmente stiamo conducendo un beta test di una nuova funzione di condivisione nelle vicinanze su cui prevediamo di condividere ulteriori informazioni in futuro. Il nostro obiettivo è lanciare la funzione con supporto per dispositivi Android 6+ e altre piattaforme.

Google

Come funziona questa nuova funzionalità? 

Come accennato, questo non è live sul mio dispositivo, ma  Ryne Hager di AP è stato in grado di farlo funzionare sul suo dispositivo.

La condivisione nelle vicinanze consente preferenze di visibilità, impostazione del nome del dispositivo e persino una notifica per consentire rapidamente la possibilità di accettare file, collegamenti o praticamente qualsiasi altra cosa.

Entrambi gli utenti devono accettare esplicitamente la possibilità di inviare o accettare dati e, una volta ricevuti, questi verranno automaticamente aperti. Ad esempio, un’immagine potrebbe essere aperta in Google Foto mentre potrebbe essere aperto un collegamento nel browser o un’app che apre tale URL. 

Non è chiaro quando la condivisione nelle vicinanze si estenderà ampiamente ad altri dispositivi Android, ma il beta test è un ottimo segno che non è troppo lontano.

Playblog.it

AppleAndroidTecnologiaNetflix Prime Video Offerte

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

Scarica la nostra App

app per iphone ios
App Netflix news
app per android

POST CORRELATI

Google rilascia la sesta e ultima beta per Android Q

Presto sarai in grado di utilizzare un controller Xbox One per giocare ai giochi Android

Galaxy Chromebook 2 il primo Chromebook QLED al mondo

Lascia un commento