Android

Google Play Store limita la disponibilità di app obsolete

Google Play Store limita la disponibilità di app obsolete

Google si prepara a limitare la disponibilità di app obsolete sul Play Store, ha annunciato l’azienda. Dal 1° novembre, tutte le app esistenti nello store dovrebbero mirare a raggiungere un livello API entro due anni dall’ultima versione principale del sistema operativo Android. In caso contrario, Google afferma che porrà limiti ai quali gli utenti sono in grado di scoprirli o installarli.

Le modifiche hanno lo scopo di garantire che il software disponibile dal Play Store utilizzi le ultime funzionalità di privacy e sicurezza di Android. I proprietari di dispositivi “si aspettano di realizzare il pieno potenziale di tutte le protezioni di privacy e sicurezza che Android ha da offrire”, scrive il direttore della gestione dei prodotti di Google Krish Vitaldevara in un post sul blog . “L’espansione dei nostri requisiti API di livello target proteggerà gli utenti dall’installazione di app meno recenti che potrebbero non disporre di queste protezioni”.

Ci sono un paio di avvertenze importanti da notare.

Il primo è che le restrizioni si applicheranno solo quando un dispositivo esegue una versione di Android più recente del livello API dell’app. Quindi chiunque utilizzi ancora una versione precedente del sistema operativo Android sarà comunque in grado di scaricare app realizzate pensando alla loro (vecchia) versione di Android. In secondo luogo, Google afferma che gli utenti potranno riscaricare e installare tutte le app che hanno precedentemente scaricato dal Play Store.

Gli sviluppatori possono richiedere un’estensione di sei mesi se il loro software non sarà pronto in tempo per la scadenza del 1° novembre.

Google ha già adottato una norma simile per le app nuove e aggiornate che vengono inviate al Play Store per la revisione. Attualmente un’app deve raggiungere un livello API entro un anno dall’ultima versione principale del sistema operativo Android per essere pubblicata. Ciò che fa questa nuova politica è espandere la copertura alle app esistenti o eventualmente abbandonate sul Play Store, piuttosto che solo a quelle che ancora ricevono aggiornamenti.

In passato, alcuni nomi sorprendentemente grandi hanno continuato a prendere di mira le vecchie API Android nell’apparente tentativo di evitare politiche di privacy e sicurezza più nuove e più restrittive.

 

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

LIVE – Come guardare l’evento di Google Pixel 4

AirPods Pro e Android: ne vale la pena?

Xiaomi Mi 9 specifiche, prezzo e informazioni pre-ordine

Leonardo Playblog.it

Lascia un commento