Netflix News

Il finale spiegato del film Kate di Netflix

finale film kate netflix

Il finale del film thriller Kate di Netflix con protagonista Mary Elizabeth Winstead alla ricerca di vendetta.

Mary Elizabeth Winstead dimostra anche in questo film una buona performance. Con una tragica storia passata e un debole per una balestra, il pubblico ha iniziato ad amare il personaggio, che aveva sicuramente dei problemi con il gestire la rabbia.

Winstead interpreta l’omonima assassina che si rende conto che è ora di uscire dal gioco dopo aver ucciso inavvertitamente un uomo di fronte a sua figlia.

Mesi dopo, quando è in città, scopre che qualcuno l’ha avvelenata e le restano solo 24 ore di vita. Usa il poco tempo che le rimane per rintracciare l’uomo responsabile della sua morte.

A differenza di molti altri film con una premessa simile, Kate non si preoccupa di cercare una cura. Accetta praticamente il suo destino e prende alcune droghe per aumentare la sua adrenalina per il momento.

Vuole semplicemente la chiusura e la consapevolezza di essersi vendicata della persona responsabile della sua morte. Il film non ti tiene esattamente per mano durante il tortuoso atto finale, quindi ecco cosa devi sapere sul finale ricco di azione di “Kate”.

Attenzione spoiler

Il finale del film Kate su Netflix

Kate va su tutte le furie e uccide vari membri della Yakuza mentre cerca risposte su chi l’abbia avvelenata. Una volta che ottiene un nome, è solo questione di tirarlo fuori dal nascondiglio in modo che lei possa piantargli una pallottola in testa.

Quando arriva il momento per lei di confrontarsi con Kijima (Jun Kunimura), lui le dice che non ha motivo di ucciderla. È allora che rivela le reali macchinazioni di ciò che è successo per tutto il tempo. 

A quanto pare, Kijima non era dietro a tutto questo. Renji (Tadanobu Asano) ha ordinato il colpo nella prima scena che ha provocato la morte del padre di Ani (Miku Martineau). Renji ha collaborato con Varrick ( Woody Harrelson ), e anche se quest’ultimo non ha saputo della trama fino a dopo il fatto, alla fine è andato d’accordo.

Renji non poteva rischiare che Kate vivesse una vita civile e potenzialmente divulgando i segreti di ciò che aveva fatto, altrimenti avrebbe messo a repentaglio il potere che desiderava così disperatamente. 

Il doppio gioco nel finale del thriller Kate

È il classico doppio gioco del thriller di vendetta. Varrick non ha mai avuto a cuore i migliori interessi di Kate. L’ha usata come uno strumento per eliminare chiunque avesse una taglia sulla testa, ma nel momento in cui diventa anche solo un piccolo ostacolo, lui vuole farla finita con lei. 

Una volta che Varrick rivela ad Ani che Kate ha ucciso suo padre, Ani spara a Kate. Poi se ne va con Varrick, ed è allora che ci rendiamo conto di quale sia stato il suo gioco per tutto il tempo. 

Attraverso una sequenza di flashback, apprendiamo che i genitori di Kate sono morti quando lei aveva 12 anni. Poco dopo, Varrick la raccolse e presumibilmente iniziò ad addestrarla per essere un’assassina mortale.

A quanto pare, voleva fare la stessa cosa con Ani. Kate ha praticamente ucciso tutta la sua famiglia cercando di trovare il responsabile dell’avvelenamento, quindi non le è rimasto nessuno. Sarebbe stata l’assassina ideale a quel punto, e sapeva già come maneggiare una pistola abbastanza bene. 

Ovviamente Kate non permetterà che ciò accada poiché i due hanno legato nel corso del film. Non c’è modo in cui Kate possa salvarsi, quindi elimina Varrick e Renji per il suo ultimo atto di coraggio. Allo stesso tempo, si riconcilia con Ani, mostrandole che c’è un altro modo di vivere.

Crea un senso di chiusura che Kate alla fine voleva ottenere e, alla fine, tecnicamente ha ottenuto ciò che voleva. Ha cercato di smettere di essere un’assassina in modo da poter mettere su famiglia, e per un breve periodo ha ottenuto esattamente questo con Ani.

Kate è morta?

Sì, entro la fine del film, Kate ha ceduto alle ferite. Non c’è davvero niente da fare. Oltre all’avvelenamento, è stata anche colpita e affettata così tante volte; è una specie di miracolo che sia stata in grado di camminare e combattere per tutto il tempo che ha fatto.

Tuttavia, una volta che i suoi nemici sono morti e Ani è al sicuro, non c’è motivo di continuare a combattere. Si sdraia mentre si sente il debole suono di un battito cardiaco sopra la musica. Poco prima che il film passi ai titoli di coda, il battito cardiaco si ferma, indicando la sua morte.

Durante tutto il film, arriviamo a entrare in empatia con Kate. Non vogliamo che muoia, e mentre continua la sua follia omicida, continuiamo a sperare che si parli di una cura. Ma questo non arriva mai. Quando vivi una vita di violenza, c’è solo un modo per uscirne.

Almeno Kate è morta sapendo di aver fatto qualcosa di buono nel mondo per rimediare a tutti i danni che ha causato. Questo ovviamente porta ad una conclusione che non da la possibilità di alcun sequel al film. Non ci sarà un Kate 2 all’orizzonte.

Kate segue una tendenza dei film di assassini femminili

Il film Kate è il terzo film che vede una serie killer addestrata fin da piccola ad uccidere. Netflix nel mese di luglio 2021 ha proposto anche “Gunpowder Milkshake”. In agosto è poi uscito “The Protégé”, che vedeva Maggie Q nei panni della hitwoman armata.

Ovviamente, le donne assassine non sono una novità nella cinematografia, però è curioso sottolineare come Netflix abbia investito in tre progetti di questo tipo.

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Sierra Burgess è una sfigata, a volte la cosa più coraggiosa è essere te stessa

Matrimonio a Long Island – Film Originale Netflix

Quando arriva Good Witch stagione 6 su Netflix?

Lascia un commento