Prime Video

Il finale spiegato del film Ad Astra

ad astra finale film

Spiegazione del finale di Ad Astra: cosa è successo e qual è il messaggio che vuole dare il film sulla storia del personaggio Roy McBride interpretato da Brad Pitt.

Attenzione: l’articolo contiene spoiler sul film Ad Astra. Se non hai ancora visto il film, ti consigliamo di non rovinarti la storia. Puoi leggere l’articolo che presenta il film qui.

Il finale del film Ad Astra lascia il pubblico confuso su quello che ha appena visto sullo schermo. Infatti il momento in cui Brad Pitt completa la una missione che lo porta nelle profondità dello spazio conosciuto, spiazza.

Quella che sembra iniziare come una missione nello spazio di routine si trasforma in un viaggio di catarsi emotiva, con alcuni momenti di azione.

Vedere il momento in cui l’astronauta Roy McBride rivaluta la vita alla luce dell’apprendimento della vera eredità di suo padre, Clifford (Tommy Lee Jones) potrebbe coglierti alla sprovvista.

Questa parte del film è stata anche discussa dal regista James Gray in un’intervista che ha spiegato che cosa significa questo momenot nell’intera struttura della storia.

Cosa è successo nel finale del film Ad Astra?

Padre e figlio si scontrano alla periferia di Nettuno, mentre Roy, disobbedendo agli ordini dei suoi superiori allo US Space Command (SPACECOM), si reca per cercare di riportare a casa suo padre.

L’unico problema è che Clifford non vuole tornare, poiché ammette prontamente di aver lasciato la sua famiglia e la Terra per il suo “destino”: trovare una vita intelligente, a qualunque costo.

Ben oltre il suo compito originale di svolgere semplicemente il ruolo di esca per attirare suo padre fuori dall’esilio, la missione di Ad Astra per salvare la Terra dal presunto ammutinamento di Clifford si rivela essere un grande malinteso.

Il Surge che minaccia la Terra, e la vita in tutto l’universo, è stato un incidente colossale, non una sorta di complotto malvagio da parte dell’anziano McBride.

Una colluttazione tra Roy e Clifford fa sì che il figlio debba lasciare andare il padre. Clifford preferisce fluttuare nella vastità dello spazio piuttosto che vivere con la consapevolezza che non c’è vita intelligente nelle stelle.

Recuperando il vasto tesoro di dati raccolti da suo padre per “The Lima Project”, la missione per trovare la vita extraterrestre tra le stelle, Roy torna sulla Terra come un uomo cambiato.

È in grado di riconnettersi con l’umanità in un modo che non abbiamo mai visto prima, con il suo matrimonio con la ex moglie Eve (Liv Tyler) che potrebbe essere riparato.

Ad Astra: da dove viene il conflitto – il finale spiegato del film

Nonostante il conflitto in Ad Astra sia stato originariamente impostato come semplice caccia a un pazzo ai margini dello spazio, le più grandi minacce e agenti di cambiamento nel viaggio di Roy sono le cose che nota durante il suo viaggio.

Il cuore del film è il viaggio e non la destinazione anche se le aspettative del pubblico da questa narrazione erano ben diverse.

Nel corso della sua vita, Roy McBride sta cercando di essere all’altezza del lavoro di suo padre con The Lima Project. Rifugge le connessioni personali e tutto ciò che sembra una vita normale, per tenere gli occhi sulla sua missione personale verso le stelle.

Per lui, il viaggio nello spazio è ancora uno dei grandi equalizzatori, e la ricerca per trovare un significato più alto nell’universo è un richiamo da sirena per lui, come lo era per Clifford.

Tuttavia, vediamo lentamente che la sua visione del mondo di Ad Astra crolla a ogni passo del suo viaggio. Roy impara lentamente che l’ossessione dell’umanità per lo spazio non è più speciale.

La Luna sembra una trappola per turisti in stile aeroporto di Newark, con i predoni che combattono per le risorse. E con la consapevolezza che non c’è vita extraterrestre là fuori, il protagonista di Brad Pitt se ne va con una chiave da asporto: “Ora sappiamo, siamo tutto ciò che abbiamo”.

Il conflitto di Ad Astra in origine sembra riguardare Roy che trova suo padre e impedisce che accada un evento orribile. Ma la vera lotta è che Roy scopre la verità sull’eredità di Clifford, sul viaggio dell’umanità nello spazio e, di conseguenza, sulla sua decisione di riconnettersi con l’umanità stessa.

Roy si riconnette con l’umanità

Roy interpretato da Brad Pitt è una persona che preferisce la solitudine, dedito alla navetta spaziale. Gli piace lavorare sull’Antenna Spaziale Internazionale e finge il più possibile di godersi la compagnia degli altri. Così, quando lo SPACECOM gli chiede di andare in missione per stabilire un contatto con suo padre perduto da tempo, Roy coglie al volo l’occasione.

La sua ossessione sparisce gradualmente e alla fine Roy sceglie di riconnettersi con la sua umanità nel finale di Ad Astra. Roy fa questa scelta a causa soprattutto della sua disillusione nei confronti del mondo dei viaggi spaziali.

SPACECOM si rivela meno che fiducioso quando si tratta di Roy che potrebbe potenzialmente uccidere suo padre e distruggere l’avamposto del Progetto Lima, al fine di impedire un’altra ondata di spazzare via tutta la vita.

Con il padre sostituto che ha dedicato la sua vita e il suo tempo a trasformarlo funzionalmente usandolo per i propri mezzi, e la verità sull’eredità di Clifford McBride è prontamente evidente: Roy sceglie di impegnarsi nuovamente nella vita sulla Terra.

Il finale spiegato del film Ad Astra

Con la frase “Non vedo l’ora che arrivi il giorno in cui la mia solitudine finirà e sarò a casa”, Roy mostra come il suo viaggio nello spazio lo abbia cambiato.

Alla fine di Ad Astra, la prima cosa che viene salutato quando atterra sulla Terra è una mano che si protende per aiutarlo, e lui accetta volentieri. Sapendo che l’umanità deve fare affidamento solo su se stessa, Roy McBride è ora ufficialmente un membro della razza umana ancora una volta.

Ad Astra, nel suo nucleo, parla di un uomo che, una volta apprese alcune dure verità sul sistema che idealizza, si permette di diventare di nuovo umano.

La grande domanda: “Siamo soli nell’universo?” si risponde facilmente nel film. Anche se non esiste una vita intelligente, noi come specie abbiamo l’altro per tenerci compagnia in un così vasto universo.

Le risposte che l’umanità cerca non sono “là fuori”, ma sono più vicino di quanto uno pensi: a casa; perché se non possiamo affrontare i problemi sulla Terra, questi si ripeteranno ovunque andiamo.

Imparando la verità su quanto suo padre e la SPACECOM lo apprezzino davvero come persona, il personaggio di Brad Pitt è in grado di tornare a casa sulla Terra con le idee chiare, cercando di sistemare le cose con sua moglie e l’umanità in generale.

Amazon Prime Video

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Hotel Transylvania 3: Una Vacanza Mostruosa in streaming su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Il film Yesterday è in streaming su Amazon Prime Video: e se i Beatles fossero dimenticati?

Alessio PlayBlog.it

Vita da Carlo in arrivo una nuova produzione Amazon Prime Video

Lascia un commento