Tecnologia

Il piano del processore Mix-and-Match di Chip Giants potrebbe accelerare la legge di Moore

Il piano del processore Mix-and-Match di Chip Giants potrebbe accelerare la legge di Moore

Un’alleanza di poteri tecnologici potrebbe accelerare la legge di Moore e semplificare la combinazione di più “chiplet” in un unico processore più potente.

Quasi tutti i più grandi produttori di chip del mondo si sono uniti nel tentativo di semplificare l’assemblaggio di elementi del processore chiamati chiplet in un dispositivo più grande. Lo sforzo è di aiutare a mantenere la legge di Moore ticchettante, anche se difficoltà ingegneristiche e costi elevati ostacolano il progresso nella produzione di semiconduttori.

I membri della nuova alleanza Universal Chiplet Interconnect Express (UCIe), annunciata mercoledì,
includono i produttori di chip Intel, Samsung e Taiwan Semiconductor Manufacturing Co.
insieme ai designer di chip AMD, Arm, Google, Meta, Microsoft e Qualcomm.

Il piano di Mix-and-Match di Chip Giants per potrebbe accelerare la legge di Moore

I processori per anni erano costituiti da singoli rettangoli, chip completi pieni di circuiti. Tuttavia, sempre più designer e produttori di chip assemblano raccolte di chiplet in dispositivi più grandi.

L’idea, chiamata integrazione eterogenea, consente ai produttori di chip di riutilizzare gli elementi
per anni per abbassare i costi, scegliere tra produttori con capacità diverse e investire
nella produzione più avanzata solo dove ha un senso economico.

Ciò, a sua volta, dovrebbe significare sempre più transistor, la tecnologia di elaborazione di base dei chip, per dispositivi più avanzati.

“Ci aspettiamo che il consorzio UCIe promuova un vivace ecosistema di chiplet”.

HA AFFERMATO CHEOLMIN PARK, VICEPRESIDENTE DEL SETTORE DELLE MEMORIE DI SAMSUNG ELECTRONICS E UNO DEI NUMEROSI DIRIGENTI CHE HANNO ELOGIATO LO SFORZO.

Le assenze più cospicue dall’elenco sono Nvidia e Apple, nessuna delle quali ha commentato.

L’esempio più estremo di questo packaging avanzato è il processore Intel Ponte Vecchio,
che combina chiplet separati per elaborazione, grafica e memoria in un dispositivo mastodontico
con oltre 100 miliardi di transistor.

Il vantaggio di Ponte Vecchio e l’abilità dell’IA sono progettati per il supercomputer Aurora, ma il packaging si sta diffondendo a dispositivi più tradizionali come i nuovi processori AMD che utilizzano la tecnologia di packaging della memoria 3D V-Cache dell’azienda.

Lo sforzo dell’UCIe è progettato per standardizzare i collegamenti di comunicazione tra diversi chiplet,
chiamati anche die poiché sono tagliati a dadini da wafer di silicio circolari più grandi.

Idealmente, ciò dovrebbe abbassare le barriere che impediscono a tutti i progettisti di chip di utilizzare l’approccio.

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Samsung Unpacked 2019: oltre ai Galaxy Note c’è di più

Il documentario su Serge Ibaka gratis su Rakuten Tv

Come il Machine Learning sta migliorando la business intelligence

Lascia un commento