In che modo Apple Arcade cambierà i giochi per cellulari

L’ecosistema delle app di gioco si basa su acquisti e annunci in-game. Cosa succede quando li porti via?

Oggi Apple rilascia iOS 13, l’ultima versione del suo sistema operativo mobile. Avrà alcune nuove funzionalità divertenti, come la modalità scura e un’app Foto rinnovata.

Ma il suo contributo maggiore potrebbe essere Apple Arcade, un nuovo hub di gioco pieno zeppo che ha implicazioni reali sul modo in cui le app vengono realizzate e su come pagarle.

Image result for apple arcade

Apple Arcade colpisce. Cinque dollari al mese ti consentiranno di accedere a più di 100 nuovi giochi; diverse decine saranno disponibili al momento del lancio, se la versione rilasciata in iOS 13 beta è un indicatore affidabile.

Puoi giocare tutti i giochi che vuoi, tutte le volte che vuoi. I tuoi giochi si sincronizzeranno tra il tuo iPhone e iPad e Apple TV. Puoi scaricare giochi per giocare offline e condividere un abbonamento tra cinque membri della famiglia.

Ma è quello che manca a Apple Arcade che è decisamente rivoluzionario: pubblicità e acquisti in-app, la linfa vitale dell’economia delle app di gioco. Facendo un forte perno verso un abbonamento per giocarli tutti, Apple ha la possibilità di spingere un intero settore verso qualcosa di un po ‘più salutare rispetto ai costanti prelievi in ​​contanti.

Dai un’occhiata alle app più performanti nell’App Store. Ognuno dei 50 migliori giochi di incassi ha acquisti in-app. Quarantuno dei 50 giochi gratuiti più scaricati li hanno.

Anche tra i giochi per i quali paghi in anticipo spesso ti assillano per ulteriori soldi mentre giochi.

Image result for apple arcade

L’economia delle app ha funzionato per anni con questi acquisti in-app, con giochi gratuiti come Pokémon Go che hanno incassato miliardi di dollari da persone che scambiano denaro con denaro in-game per acquistare Pokéball e altri widget digitali assortiti.

Caratteristiche come i bottini, in cui paghi soldi veri per i premi in-game casuali, sono state recentemente esaminate in modo particolare, con i critici che sostengono che equivalgono al gioco d’azzardo.

Apple è stata complice di tutto ciò, con una riduzione del 30% di tutti gli acquisti in-app. (Google lo fa anche con il Play Store.) Tuttavia, ha anche cercato di promuovere app che prendono una strada diversa.

Image result for apple arcade

Nel 2015, Apple ha dedicato un’intera sezione dell’App Store ai giochi “Paga una volta e gioca”. Ma al di fuori del colpo occasionale questi giochi percorrono una strada difficile.

I loro concorrenti “freemium”, dopo tutto, inizialmente sembrano indistinguibili dalla libera, rendendoli una vendita più facile. E così gli studi si sono progressivamente allontanati dai giochi a pagamento, rendendoli una specie relativamente in pericolo.

“C’è stata un’ondata di giochi indie negli ultimi cinque o dieci anni che ha avuto un po ‘di slancio, ma negli ultimi due o tre anni sembrava che il mercato stesse iniziando a crollare un po’”

Nell’agosto 2014, il 37 percento dei giochi dell’App Store in tutto il mondo è stato pagato, secondo la società di analisi delle app SensorTower. All’ultimo mese, quel numero era sceso al 13 percento. Solo il 5,5% dei giochi rilasciati su App Store ad agosto è stato pagato, contro quasi il 25% nello stesso mese di cinque anni fa. E le entrate dei giochi a pagamento hanno rappresentato solo l’1,4% delle entrate complessive dei giochi dell’App Store il mese scorso.

L’introduzione di Apple Arcade non inverte improvvisamente quei numeri. I maggiori editori continueranno a spingere gli acquisti in-app e i loro clienti continueranno a fare i conti.

“Il free-to-play continuerà a essere il modello dominante con cui viene generata la maggior parte delle entrate dei giochi per dispositivi mobili”

“Ha dimostrato di essere il metodo ideale per monetizzare il tipo di esperienze che la maggior parte dei giocatori occasionali desidera dai propri dispositivi mobili.”

Ma Apple Arcade crea una strada per gli sviluppatori indipendenti per perseguire giochi ambiziosi che le persone scopriranno e giocheranno davvero. Scatta in vita un modello di business che premia l’ingegnosità sulla coazione. E premia i giochi appositamente progettati tenendo presente i dispositivi iOS, anziché una porta per un’altra piattaforma, rendendo l’esperienza complessiva del gioco più coerente.

Tutto per cinque dollari al mese. Non male.

Arcade Fire
Il lancio di Apple Arcade, Where Cards Fall , ha richiesto quasi un decennio. Sam Rosenthal ha ideato per la prima volta un progetto studentesco alla University of Southern California. Originariamente concepiva il gioco puzzle come un’esperienza solo per iPad, che puoi ancora percepire anche dal trailer; ha una portata e una portata quasi cinematografiche, di solito riservate ai giochi per console e PC.

“Negli ultimi anni, abbiamo pensato a questo dilemma in cui vogliamo che tutti lo sperimentino, ma non è certo un gioco free-to-play. Sarebbe assolutamente distrutto dalle pubblicità “, afferma Sam Rosenthal . “Sapevamo che sarebbe stato un gioco premium. E il problema è che Where Cards Fall è il tipo di gioco che probabilmente costerebbe intorno ai 20 euro.”

Where Cards Fall

Invece di dover scegliere tra più opzioni sbagliate per trovare un modello di business sostenibile per Where Cards Fall , ora ne hanno uno potenzialmente molto valido. Sta anche per trovare un pubblico molto, molto più ampio di quello che avrebbe mai potuto avere da solo.

“Apple Arcade potrebbe coinvolgerli in un gioco di golf o in un altro gioco di azione o di gioco di corse, per poi inciampare su Where Cards Fall e provarlo, mentre non avrebbero necessariamente speso quei soldi da soli” . “È un nuovo modo per le persone di scoprire i giochi.”

Ci sono anche insidie ​​qui. Apple Arcade è un’esperienza curata, il che significa che molti sviluppatori verranno lasciati fuori. E l’abbonamento è così conveniente, rischia di deprimere il valore percepito dei giochi di alta qualità, o almeno rendere le persone meno propense a spendere soldi in giochi a pagamento al di fuori. Perché perdere otto dollari su un’indie intrigante di tanto in tanto quando Apple Arcade ha più titoli di quanti potresti mai sperare?

Image result for Where Cards Fall

Tuttavia, l’effetto netto è questo: incentiverà gli sviluppatori a creare giochi divertenti e coinvolgenti, esplorando strutture e narrazioni che non si adattano allo schema del free-to-play.

Ciò non significa che tutti i giochi di Apple Arcade lo faranno. Gli sviluppatori possono essere pagati in parte in base al tempo trascorso in un determinato gioco, il che significa che cercheranno comunque di tenerti nei loro mondi il più a lungo possibile. La differenza, tuttavia, è che il tempo che passi lì non ti costerà mai più di quell’abbonamento.

È importante sottolineare che non si tratta solo di indie; grandi hit come Ubisoft, Square Enix, Konami, Capcom e Lego hanno tutti contribuito alla lineup di lancio di Apple Arcade. Ma loro e i negozi più piccoli avranno la licenza per innovare, per seguire percorsi che, prima di Apple Arcade, erano sembrati troppo insidiosi.

Ben oltre un decennio dopo il lancio dell’App Store, è giunto il momento.


Apple        Android        Tecnologia        Game        Netflix

Seguici su Facebook


Leave A Reply

Navigate