Tecnologia

Intel apre le porte a due fabbriche di chip in Arizona

Intel apre le porte a due fabbriche di chip in Arizona

Intel ha avviato la costruzione di due impianti di chip avanzati in Arizona, che aiuteranno l’azienda a costruire una maggiore capacità produttiva e una catena di approvvigionamento globale più resiliente.

La mossa arriva nel mezzo di una corsa per espandere le capacità di produzione di chip ed è motivata dall’ambizione dell’azienda di riprendere la posizione di leadership nella tecnologia di processo e confezionamento.

In precedenza, Intel ha aperto la strada a due impianti di chip in Arizona che dovrebbero diventare pienamente operativi nel 2024.

I due impianti di produzione sono soprannominati Fab 52 e Fab 62 e saranno costruiti vicino
a quattro fabbriche esistenti nel campus Ocotillo dell’azienda a Chandler, in Arizona.

Il CEO di Intel Pat Gelsinger ha incontrato i funzionari del governo per una cerimonia per celebrare quello che, secondo lui, è il più grande investimento privato nella storia dell’Arizona.

Il progetto da 20 miliardi di dollari amplierà la capacità produttiva di Intel e ospiterà linee di produzione EUV all’avanguardia per produrre i chip più avanzati al mondo.

Gelsinger ritiene che ciò aiuterà Intel a reclamare la sua “leadership indiscussa
nella tecnologia di processo e confezionamento” entro il 2025 e creare migliaia
di nuovi posti di lavoro.

Ciò include 3.000 posti di lavoro ad alta tecnologia e ben pagati, 3.000 posti
di lavoro nell’edilizia e 15.000 posti di lavoro indiretti aggiuntivi nella regione.

I nuovi impianti di chip fanno parte della rinnovata strategia IDM 2.0 di Intel che vedrà la nuova divisione Intel Foundry Services (IFS) dell’azienda assumere la produzione a contratto per altre aziende per la prima volta nella storia dell’azienda.

Allo stesso tempo, l’azienda afferma che sta facendo la sua parte nell’aiutare a ricostruire la leadership degli Stati Uniti nello spazio dei semiconduttori e nello sviluppo di una catena di approvvigionamento globale più equilibrata per i chip avanzati.

A tal fine, il presidente dell’IFS Randhir Thakur ha chiesto all’amministrazione Biden di prendere in considerazione l’aumento dei finanziamenti per la produzione nazionale di semiconduttori oltre i 52 miliardi di dollari attualmente stanziati in quella direzione.

Il nuovo impegno del Team Blue è iniziato alla grande.

A luglio, Intel Foundry Services ha rivelato i suoi primi due clienti di alto profilo: Qualcomm e Amazon.

Il mese scorso, ha anche ottenuto un contratto con il Pentagono per la prima fase
del programma Rapid Assured Microelectronics Prototypes – Commercial (RAMP-C)
per costruire sistemi con chip di fabbricazione americana.

Quando saranno operative, le due nuove fabbriche in Arizona produrranno chip utilizzando
il processo 20A di Intel, la prima ad utilizzare la sua versione “RibbonFET” di transistor
Gate-All-Around (GAA) e interconnessioni PowerVia.

Gelsinger non direbbe quanta della nuova capacità sarà riservata ai clienti di Intel Foundry Services, poiché è troppo presto per fornire una stima accurata.

Tuttavia, ha affermato che i due fab avranno una capacità produttiva combinata di “migliaia” di wafer a settimana.

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Dovresti lasciare il caricabatterie del tuo smartphone sempre collegato? Quanta energia consumano?

Leonardo Playblog.it

Oltre 1,3 milioni di account di Clubhouse sono stati pubblicati nel forum di hacker

playblog.it

Il nuovo Microsoft Store di Windows 11 è ora disponibile per i tester di Windows 10

Leonardo Playblog.it

Lascia un commento