Intel presenta lo stacking di chip Foveros 3D

Foveros 3DIn occasione di un evento Architecture Day, Intel ha articolato una strategia insolitamente lucida per lo sviluppo di futuri processori , la maggior parte dei quali ruotano attorno alla frammentazione dei vari elementi di una moderna CPU in singoli “chiplets” impilabili.

stacking di chip Foveros 3D  - chiplet da 14 nm e 22 nm

Il grande obiettivo di Intel per la fine del 2019 è quello di offrire prodotti costruiti su quello che chiama Foveros Stacking 3D:

Un’implementazione del settore dei componenti di elaborazione in pila all’interno di un chip. Abbiamo già visto la memoria impilata. Ora, Intel sta facendo qualcosa di simile con la CPU, permettendo ai suoi progettisti di abbandonare essenzialmente il muscolo di elaborazione extra in cima a un die chip già assemblato. Quindi la tua memoria on-die, la regolazione della potenza, la grafica e l’elaborazione AI possono costituire trucioli separati.Alcuni dei quali possono essere impilati uno sopra l’altro. I vantaggi di una maggiore densità e flessibilità computazionale sono ovvi, ma questo approccio modulare aiuta anche Intel a superare una delle maggiori sfide: costruire chip completi su scala 10nm.

Le precedenti mappe stradali a 10 nm di Intel sono costantemente e ripetutamente scivolate. Ci sono buone ragioni per ritenere che l’azienda si trovi di fronte a sfide ingegneristiche insormontabili per quel progetto. Un rapporto di ottobre da SemiAccurateha persino suggerito che Intel abbia cancellato del tutto i suoi piani da 10nm. Anche se il grande vecchio chipmaker ha smentito le voci e ha detto che stava “facendo buoni progressi su 10nm.”

I due potrebbero, in realtà, essere entrambi veri, a giudicare dalle nuove rivelazioni di Intel. Sulla strada per Foveros, Intel suggerisce che farà qualcosa che chiama stacking 2D.

Ovvero una separazione dei vari componenti del processore in chiplet più piccoli, ognuno dei quali può essere prodotto utilizzando un diverso nodo di produzione. Pertanto, Intel potrebbe fornire CPU nominalmente da 10 nm, che tuttavia avranno al loro interno vari moduli chiplet da 14 nm e 22 nm.

stacking di chip Foveros 3D  - chiplet da 14 nm e 22 nm

stacking di chip Foveros 3D  – chiplet da 14 nm e 22 nm

Non sarebbe un annuncio di Intel senza una nuova microarchitettura codename da memorizzare, che, in questo caso, si chiama “Sunny Cove“. Sunny Cove sarà al centro dei processori Intel e Xeon di nuova generazione di Intel nella seconda metà di l’anno prossimo.Intel fa alcune promesse generali su come migliorare la latenza e consentire l’esecuzione di più operazioni in parallelo. Sul fronte grafico, Intel ha anche una nuova grafica integrata Gen11 “progettata per superare la barriera 1 TFLOPS “. Farà parte dei processori “basati su 10nm” del 2019. L’unica cosa che apparentemente non è cambiata nei piani di Intel è l’intenzione di introdurre un processore grafico discreto entro il 2020.

È immediatamente evidente dagli annunci di oggi che Intel ha intrapreso un importante ripensamento e riorganizzazione della sua strategia e filosofia di progettazione dei chip. Non meno di quanto ci si potrebbe aspettare da una società che ha assunto un nuovo capo architetto, Raja Koduri , un anno fa da archrival AMD. Koduri era una figura di alto livello presso AMD.

Logo PlayBlog.it

Seguici su Facebook

Lascia un commento

Navigate