Prime Video

Intervista di Robert Kirkman su Invincible, il creatore di The Walking Dead

invincible amazon prime video robert kirkman

In un’intervista telefonica all’inizio del mese Robert Kirkman ha parlato della serie Invincible adattamento del fumetto, Robert è lo stesso creatore di The Walking Dead.

Robert Kirkman ha scritto il primo e l’ultimo episodio della prima stagione di “Invincible”, nell’intervista ha discusso del cast vocale, del bilancio degli effetti speciali e di un possibile ritorno al fumetto di Invincible.

Adattare il fumetto Invincible per la TV è stato più facile o più difficile che adattare The Walking Dead?

In un certo senso è un po’ più facile di “The Walking Dead” solo perché il fumetto era concluso, quindi avevamo una road map molto più definitiva su dove andare e come arrivarci.

È stato fantastico sedersi e dire, “OK, beh, sai, se questo è un successo, questa è una struttura di sette stagioni, questa è una struttura di cinque stagioni”.

Volevo assolutamente essere coinvolto. Ho lavorato a stretto contatto con Simon Racioppa, il nostro scrittore capo, per delineare quali parti del libro sarebbero state trattate in questa stagione e come avremmo riorganizzato le cose.

Scrivere il pilot e il finale di stagione è stato molto importante per me perché c’era del materiale in quegli episodi che volevo davvero affrontare. Inoltre, adoro l’animazione.

Non avrei perso l’opportunità di essere abbastanza pratico nel portare Invincible nel mondo dell’animazione.

Intervista a Robert Kirkman su Invincible: C’erano preoccupazioni per portare sullo schermo il livello di violenza del fumetto?

La mia principale preoccupazione era forse che saremmo stati limitati su ciò che eravamo in grado di fare. Il sangue che esiste nel fumetto di Invincible non è altro che estremo, ma allo stesso tempo penso che sia assolutamente essenziale per rendere Invincible quello che è.

A differenza del fumetto, Mark e sua madre sono di origine coreana in “Invincible”.
A differenza del fumetto, Mark e sua madre sono di origine coreana in “Invincible”. Credito…Amazon Studios

I creatori di fumetti spesso dicono di avere un budget illimitato per gli effetti speciali. Quanto è diverso nell’animazione o nell’azione dal vivo?

Ogni volta che qualcuno dice nei fumetti che lavori con un budget illimitato, stai un po’ arrabbiando un artista. Tecnicamente è vero, ma ricade sulle spalle dell’artista.

Questa incredibile invasione aliena che stai dedicando a scrivere 12 pagine che richiede un po ‘di tempo, l’artista deve fare un livello di lavoro monumentale per raggiungerla.

Direi che l’animazione è la stessa. Non stai affittando set, ma è davvero un costo del lavoro. Saremmo stati in grado di fare tutte queste cose folli in questo show che non saremmo stati in grado di fare in uno show televisivo live-action, ma sarebbe stato uno sforzo estremo per il nostro studio di animazione Maven Image Platform.

Abbiamo dovuto negoziare molto con loro su come sarebbe stato gestito.

Puoi parlare dei cambiamenti nella razza o nell’etnia di alcuni personaggi?

Bene, il fumetto Invincible è stato realizzato da ragazzi bianchi all’inizio degli anni 2000. Di tanto in tanto, pensi: “Oh, sì, dobbiamo mettere un po ‘più di diversità in questo”. Ma alla fine della giornata, non hai davvero un libro che rappresenti necessariamente la popolazione del paese o il mondo.

La vera corsa di Mark e Debbie nei fumetti era alquanto ambigua. Ma sapevo di voler scritturare Steven Yeun, e questo ha reso davvero facile dire che questi personaggi sono di origine coreana.

E stiamo molto attenti con il nostro casting vocale per assicurarci che tutte le etnie dei personaggi corrispondano all’attore che è stato scelto.

La madre di Invincible sembra avere un ruolo più importante nello show che nel fumetto. E’ così?

Penso che la ragione principale di ciò, a parte il casting di Sandra Oh, sia che Debbie diventa un personaggio molto più grande con il progredire della serie.

Nei fumetti, all’inizio, non credo che avessimo una reale comprensione di ciò che volevamo. Quindi è sicuramente un sottoprodotto di entrare con il senno di poi e dire: “Porteremo un personaggio in queste diverse direzioni; andiamo avanti e iniziamo a costruirlo ora e rendiamolo un personaggio più completo sin dall’inizio.”.

E poi ottieni Sandra, che migliorerà mille volte con la sua performance. Quindi questo lo rende un personaggio ancora più ricco e robusto con cui giocare.

Hai un cast vocale piuttosto distinto, incluso Jon Hamm. A riguardo ho trascorso molto tempo con Jon Hamm in varie funzioni AMC. È bello poter implorare un ragazzo di recitare un ruolo ogni tanto.

“Non avevo intenzione di perdere l’opportunità di essere abbastanza pratico nel portare Invincible nel mondo dell’animazione”, ha detto Robert Kirkman.

Covid non ha influenzato le produzioni animate così profondamente come quelle live-action, ma ha creato sfide per “Invincible”?

Sicuramente ci è costato un po’ di tempo perché avevamo una squadra a Los Angeles, una squadra a Vancouver e una squadra in Corea del Sud, e lavoravano tutti insieme negli uffici.

Tutti dovevano fermarsi e assicurarsi di avere la tecnologia disponibile per passare dal lavoro in ufficio al lavoro da casa.

Quindi ci sono, non so, un migliaio di persone diverse che cercano di ricostruire la configurazione dell’ufficio a casa e di mettersi al passo. Ma dopo quel processo di transizione, sembrava abbastanza senza soluzione di continuità.

È strano che la serie animata continui con il film live-action in fase di sviluppo?

No, semmai sono solo più ricerche di mercato. Abbiamo il fumetto che ha realizzato certe cose, e ora abbiamo la serie animata che ha realizzato certe cose.

La versione cinematografica sarà un’esperienza un po’ diversa: queste differenze impediscono alle cose di sovrapporsi.

Lavorare allo show ti fa venire voglia di tornare al fumetto?

Sono decisamente tentato. Penso molto a dove è finita la storia e alle diverse possibilità di fare piccole cose.

Per ora, mi sento a mio agio con i fumetti completati e con l’animazione in esecuzione, ma chissà cosa riserverà il futuro?

La serie Invincible del creatore Robert Kirkman è ora in streaming su Amazon Prime Video.

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Il cuore di Sergio Ramos – la docuserie su Amazon Prime Video

Gauguin il film storico sul viaggio a Tahiti del pittore è su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Tutte le novità di ottobre 2019 in uscita su Amazon Prime Video

Lascia un commento