Prime Video

Kevin Can F**k Himself: due spettacoli in uno – com’è stata realizzata la serie?

kevin can fuck himself come è stato realizzato

Come i creatori di Kevin Can F**k Himself hanno realizzato due spettacoli in uno: dalla risata alla “tragedia”.

Il tutto è nato quando quattro anni fa, Valerie Armstrong stava ascoltando una discussione su un podcast su come le attrici divertenti e di talento siano ancora bloccate a fare audizioni per ruoli generici di moglie da sitcom.

Da lì è scaturita l’idea che è poi diventata un episodio pilota di una serie: “Mi è venuta in mente la prima immagine, che era solo una moglie di una sitcom che camminava fuori dallo schermo con un vestito e il pubblico che rideva in sottofondo”, ricorda.

“Ma quando varca la porta a battente della cucina, non stiamo con il marito buffo. La seguiamo. La traccia della risata si interrompe e siamo dritti in faccia ed è infelice. L’ho appena vista guardare dritto nella telecamera e dire: “Odio mio marito, ca**o”. “

Quel flash di una scena di apertura è stato ora trasformato in uno spettacolo AMC con un nome schietto senza scuse: Kevin Can F**k Himself .

Il primo episodio si apre quasi esattamente nel modo in cui Armstrong aveva immaginato la serie, con una moglie di nome Allison McRoberts ( Annie Murphy di Schitt’s Creek ) che lascia il suo soggiorno illuminato, girato in un formato multi-camera, ed entra in una cucina realistica.

Le due trame di Kevin Can f**k himself

Lo spettacolo non smette mai di alternare queste due modalità : una che replica sitcom di rete familiari come Everybody Loves Raymon. E questa è incentrata qui sul marito di Allison, Kevin (Eric Petersen) — e una presentata come una commedia oscura che ruota attorno ad Allison. Questa seconda girata nello stile più grintoso e cinematografico di uno spettacolo come Breaking Bad o Barry.

Le loro trame corrono su binari separati ma paralleli, informandosi e commentandosi a vicenda. Mentre apprendiamo la verità sulla vita insieme di Kevin e Allison nelle scene a telecamera singola, quella che può sembrare una commedia innocua nella realtà di Kevin.

Lo vediamo abitualmente prendere decisioni importanti senza consultare sua moglie, una battuta su come ha fatto espellere il loro postino – comincia a sembrare più inquietante.

Infatti quando Allison scopre che Kevin ha segretamente prosciugato i loro risparmi per anni, la spinge a considerare alcuni modi “duri” per sfuggire al loro matrimonio.

Armstrong riconosce che il titolo è un riff della defunta sitcom di “Kevin James Kevin Can Wait” che notoriamente ha eliminato il personaggio della moglie, interpretato da Erinn Hayes, così che l’ex re di James La co-protagonista del Queens , Leah Remini, potesse essere scelta come nuova protagonista femminile.

Ma la satira non è l’obiettivo di Armstrong. La metà più realistica di Kevin ha uno scopo più grande: illuminare la misoginia che è alla base di decenni di sitcom americane.

Inoltre attraverso il rapporto in evoluzione tra Allison e la sua vicina di casa Patty (Mary Hollis Inboden), possiamo vedere come le donne possano essere migliori alleate l’una con l’altra.

Com’è stata creata la serie Kevin Can F**k Himself: Prendi le sitcom sul serio

“Lo spettacolo, per me, non parla di un matrimonio tossico”, afferma Armstrong. “Non si tratta di Kevin. Riguarda il modo in cui le donne possono tirarsi fuori a vicenda da situazioni tossiche”.

Scrivere lo spettacolo è stato un puzzle in cui le trame multi-cam e single-cam sono diventate così intrecciate che Armstrong ammette che erano come “una treccia a coda di pesce.

Tiri una cosa e tutto si sgretola”. Passare così tanto avanti e indietro era un rischio: una mossa falsa poteva rovinare il tono e tutte le macchinazioni della trama che gli sceneggiatori avevano messo in atto. Per evitarlo, dice Armstrong, lei e il team di Kevin dovevano stabilire “alcune regole rigide”.

Per le scene multi-cam, Armstrong e gli sceneggiatori hanno deciso di ricreare direttamente quello stile senza impegnarsi nella parodia. “Se togliessi quelle scene dallo show e le schiacciassi insieme, avresti un vero episodio TV di 12 minuti”, dice lo showrunner Craig DiGregorio.

Lui e Armstrong hanno lavorato nella stanza degli sceneggiatori con persone che avevano esperienza di lavoro in un mix di generi – dramma, commedia multi e single-cam – e hanno passato tutti del tempo a rivedere sitcom come Last Man Standing e, sì, Kevin Can Wait e Il Re delle Regine.

Kevin Can F**k Himself

Come in qualsiasi sitcom di rete televisiva, non ci sono parolacce, con una piccola eccezione verso la fine della stagione.

Kevin è supportato incondizionatamente da suo padre, Pete (Brian Howe), e dal suo debole migliore amico, Neil (Alex Bonifer), che è il fratello di Patty, una dinamica che ribalta le discussioni tra Allison e Kevin in uno scenario tre contro uno.

Armstrong e DiGregorio volevano che questa parte dello spettacolo fosse abbastanza divertente da essere credibilmente guardabile e abbastanza sprezzante dei suoi personaggi femminili da sottolineare i punti dello spettacolo.

Alcune delle battute più sessiste potrebbero facilmente essere apparse in una sitcom degli anni ’90. Il pilot mostra Allison che rompe un boccale di birra tre volte: una quando è sola, una in una sequenza fantasy e una terza volta nella cucina multi-camera, dove è circondata da suo marito, suo padre, Neil e Patty.

Com’è stata creata la serie Kevin Can F**k Himself: cam singola vs multicamera

È chiaro che si è spezzata e la sua mano inizia a sanguinare. Ma invece di esprimere preoccupazione, Kevin fa una battuta sul suo ciclo: “Non significa che diventi lunatico. Hai usato quella scusa una volta questo mese.

Sebbene ci sia un meta aspetto in queste sequenze, i personaggi non rompono mai il quarto muro. Questa parte dello spettacolo è una metafora della “prigione emotiva e situazionale in cui si trova Allison”, afferma Anna Dokoza, che ha diretto gli episodi dal tre all’otto.

Armstrong dice che mette in evidenza “il beneficio del dubbio che abbiamo dato a ragazzi come Kevin per sempre”, offrendo loro un’autorità che non si sono guadagnati.

In origine, le parti multi-cam dello spettacolo erano previste per le riprese di fronte a un pubblico completo in studio.

Ma poiché le riprese sono iniziate lo scorso autunno secondo i protocolli covid, alcune risate mascherate e socialmente distanziate sono state portate a guardare. Armstrong ha scoperto che sono diventati immediatamente protettivi nei confronti di Allison.

“Tutti sono passati attraverso il covid guardando Schitt’s Creek per conforto, quindi si sono detti, chi è questo ragazzo che sta scherzando sulla nostra Annie Murphy? ” lei dice.

La cam singola imposta la posta in gioco

Il lato a telecamera singola di Kevin Can F**k Himself è il punto in cui le conseguenze delle azioni di Kevin vengono messe a nudo, la spina dorsale attorno alla quale è costruita la serie.

È qui che scopriamo il suo tradimento finanziario e vediamo quanto Allison sta crollando sulla sua scia. Kevin ha infatti infranto i suoi sogni di comprare una casa più bella, che lei vede come il biglietto per la vita perfetta.

È anche il momento in cui vediamo lei e Patty diventare amiche e mettersi in pericolo, comprando e vendendo droga e contemplando gravi crimini.

Mentre la telecamera multipla tende a inquadrature che catturano l’ampiezza del set, la telecamera singola viene spesso girata per comunicare che ora siamo nella testa di Allison, vedendo la sua città natale di Worcester, nel Massachusetts, come la vede lei.

L’idea di concentrare le scene a telecamera singola su ombre e imperfezioni è venuta dalla defunta regista Lynn Shelton, che è stata profondamente coinvolta nel processo creativo iniziale dello show e ha pianificato di dirigere il pilot.

La produzione doveva iniziare a marzo 2020 ma è stata posticipata a causa della pandemia. Nel maggio 2020, Shelton è morto inaspettatamente di leucemia mieloide acuta.

Quando in seguito Oz Rodriguez ha assunto le funzioni di regia del pilota, lui e il team hanno spesso posizionato Allison dove non avrebbe mai potuto essere nella multi-cam. Al centro dell’inquadratura, con la telecamera ingrandita per catturare ogni sottile cambiamento nella sua espressione.

Noelle Valdivia, una delle autrici dello show, afferma che lo staff si è concentrato sulla creazione dell’arco narrativo di Allison prima di cercare trame classiche di sitcom. Queste trame poi hanno chiarito “la sua storia e consentirle di motivarla ed espandere ciò che stava provando”.

Com’è stata creata la serie Kevin Can F**k Himself: l’approccio multicamera

Questo approccio consente agli autori di mostrare come gli eventi da una parte influenzino l’altra. Quando Kevin decide di arrostire un maiale da utilizzare in una ricetta per il peperoncino, poi lo abbandona nel cortile, Allison e Patty si ritrovano a fissare l’animale ancora allo spiedo il giorno dopo.

Mentre la multi-cam lo presenta come divertente, nella singola cam “si vede la realtà”, afferma Armstrong. “Che Allison deve ripulirlo, ed è disgustoso e marcio e probabilmente starà lì per altri tre giorni se non fa nulla al riguardo.”

Kevin e i suoi compagni appaiono solo nelle scene a telecamera singola nelle fantasie occasionali di Allison. Questo mondo “reale” appartiene interamente a lei e Patty, gli unici personaggi che si muovono regolarmente tra le due metà dello spettacolo.

Inboden e Murphy affermano entrambi che le scene multi-cam hanno fatto riflettere le attrici che avevano interpretato il ruolo della moglie in passato.

“È stato difficile essere una donna in quell’ambiente dopo aver guardato attraverso il filtro di ciò che Kevin Can F**k Stesso sta cercando di fare”, dice Inboden.

“Era difficile sedersi sul divano in quell’ambiente e non andarsene, è disgustoso. Questo è ingiusto. “

Murphy ricorda un giorno sul set multi-camera in cui stavano girando una scena in cui Petersen doveva rigurgitare una bistecca addosso mentre si dava la manovra di Heimlich. “Alla fine della giornata, ero tipo, Fanculo.

È stata una bella occhiata al mondo di così tante donne che non hanno avuto il lusso di entrare in un mondo a telecamera singola e mostrare alle persone un lato alternativo di se stesse”.

“Abbiamo sconvolto il modo in cui vedi l’esperienza multi-cam ora”, afferma Dokoza. “Non puoi guardare quelle scene come se non sapessi cosa sta succedendo nella telecamera singola.”

Le due parti devono rimanere collegate

Quando hanno iniziato a discutere di Kevin, Armstrong e DiGregorio hanno immaginato uno spettacolo che sembrava muoversi tra un episodio di Roseanne e il film di David O. Russell The Fighter, due scorci divergenti della vita familiare dei colletti blu.

Le transizioni dovevano essere mirate senza essere troppo drastiche — “tagliare senza interruzioni ed essere semplicemente qualcosa a cui non pensi nemmeno” mentre stai guardando, dice Dokoza.

“L’audio ti aiuta davvero a uscire dal multi-cam e al punto di vista di Allison”, afferma Rodriguez. Nel pilot, un ronzio nella testa di Allison segnala spesso l’interruttore. Lo sbattere di una porta nella multi-cam funziona come un modo efficace per tagliare la scena con la singola cam.

Ci sono anche Easter Eggs sparse in tutto il multi-cam che confermano informazioni che abbiamo appreso altrove, come le scarpe da ginnastica nuove di zecca che Kevin indossa sempre – la prova che ha davvero speso tutti i risparmi della coppia in cose frivole per se stesso.

Lo scenografo Tony Fanning ha utilizzato gli stessi set per le location che appaiono in entrambi i formati, inclinando i due lati per scopi multi-cam e facendo scorrere una quarta parete e un soffitto per il singolo.

Sorprendentemente, nessuno degli altri dettagli, fino alle lampade da tavolo, cambia affatto. Ciò che cambia è il modo in cui questi ambienti vengono ripresi e illuminati: mentre la multi-camera rende la casa aperta e invitante, per la telecamera singola Rodriguez e Dokoza hanno scelto angoli che catturano la quarta parete e il soffitto.

La luce del sole entra con parsimonia, rendendo tutto più fioco e cupo.

Le differenze dei colori nelle scene

Fanning ha dovuto calibrare attentamente la tavolozza dei colori in modo che funzionasse in entrambe le versioni. “Non potresti impazzire troppo con il motivo e la luminosità del colore perché sembrerebbe falso o falso nel mondo della telecamera singola”, dice.

Vernice, carta da parati e altri pezzi sono stati intaccati e sfregati per apparire consumati e strappati, ma non così consumati e strappati da sembrare fuori posto nella multi-cam. I costumi hanno svolto allo stesso modo il doppio dovere.

Nel pilot, Allison fa un buco nel suo maglione nella telecamera singola, ma non vediamo mai l’inconveniente nelle scene multi-cam; è coperto da una giacca e le telecamere non ingrandiscono abbastanza per catturarlo.

In tanti modi, Kevin Can F**k Stesso sta dicendo al suo pubblico di guardare più da vicino: Allison, battute sminuite, dinamiche di genere in TV e nella vita reale, e come gli esseri umani, le donne in particolare, possono fare un lavoro migliore sostenendosi l’un l’altro.

“Penso che se questo spettacolo può far vedere anche una sola donna e dire, oh, giusto. Questa è la vita che potrei avere per il resto della mia vita, ma non la voglio. Voglio cambiare, quindi penso che lo spettacolo sarà stato un enorme successo”, afferma Murphy.

Spera che la scena di apertura, in cui Allison rompe il suo bicchiere di birra, risuoni con chiunque l’abbia avuto dopo l’anno passato.

“Vorrei che milioni e milioni e milioni di donne là fuori avessero un bel boccale di birra finto da frantumare”, dice. “Perché, ooh , questo fa uscire un sacco di aggressività repressa.”

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Wonder Park: un film animato d’avventura su Amazon Prime Video

Il lupo e il leone (2022) un film d’avventura da vedere su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Il film L’ultimo Yakuza arriva in streaming su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Lascia un commento