Apple AppStore

La causa di Epic contro Apple può andare avanti anche in Australia

La causa di Epic contro Apple può andare avanti anche in Australia

Venerdì la Corte federale australiana ha deciso che il caso antitrust di Epic Games contro Apple può andare avanti, un’inversione di una precedente sentenza che ha bloccato l’azione mentre le due parti attendono una sentenza negli Stati Uniti

Epic ha intentato causa per la prima volta contro Apple in Australia lo scorso novembre, sostenendo che lo stretto controllo del produttore di iPhone sull’App Store era in contrasto con le leggi del paese.

Come un caso quasi identico negli Stati Uniti, che da allora è stato ascoltato in un tribunale della California, Epic ha contestato il taglio delle vendite dell’App Store da parte di Apple, le politiche che vietano l’elaborazione dei pagamenti esterni e le restrizioni sugli app store di terze parti.

A dicembre, Apple ha chiesto alla Corte federale australiana di archiviare il caso, citando l’azione statunitense in sospeso.

Dopo aver considerato la mozione, il giudice Nye Perram ha concesso ad Apple una
sospensione di tre mesi che sarebbe stata resa permanente.

Epic si appellò, sostenendo che le questioni di ordine pubblico in gioco erano più importanti delle formalità giurisdizionali.

La Corte federale completa ha ascoltato l’appello venerdì e ha concordato con Epic, ribaltando la decisione di Perram, riporta l’Australian Financial Review.

“Epic Games è lieta che il nostro caso proceda presso la Corte federale e venga esaminato nel contesto delle leggi australiane”.

Ha affermato Epic in una nota.

“Questo è un passo avanti positivo per i consumatori e gli sviluppatori australiani, che hanno diritto a un accesso equo e a prezzi competitivi nei negozi di app mobili. Non vediamo l’ora di continuare la nostra battaglia per una maggiore concorrenza nella distribuzione delle app e nell’elaborazione dei pagamenti in Australia e nel mondo.”

Apple ha promesso di presentare ricorso e in una dichiarazione ha dichiarato:

“La decisione iniziale di aprile della Corte federale australiana ha correttamente stabilito che Epic dovrebbe essere tenuta all’accordo che ha stipulato per risolvere le controversie in California. Siamo rispettosamente in disaccordo con la sentenza emessa oggi e abbiamo intenzione di presentare ricorso.”

La gestione dell’App Store da parte di Apple è al centro della spinta legale di Epic.

Lo sviluppatore ha fomentato la mischia lo scorso agosto quando ha implementato silenziosamente un’opzione di pagamento in-app alternativa per il suo gioco molto popolare, “Fortnite”.

Eludendo il meccanismo di commissione dell’App Store, Epic ha apertamente violato l’accordo con gli sviluppatori di Apple.

Apple ha ritirato l’app lo stesso giorno e in seguito ha disattivato l’account sviluppatore
di Epic, innescando una spinta legale preparata e un blitz multimediale lucido da parte di Epic.

Epic ha intentato causa contro Apple negli Stati Uniti, in Australia e nel Regno Unito, sebbene quest’ultima sia stata respinta a febbraio.

Il giudice Yvonne Gonzalez Rogers dovrebbe pronunciarsi sull’azione degli Stati Uniti nei prossimi mesi.

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

In moto verso nord – la serie con Ewan McGregor e Charley Boorman su Apple Tv+

Prezzo “iPhone 13”, date dell’evento Apple e molto altro sulla settimana Apple più attesa

Leonardo Playblog.it

Dead Island Survivors per iphone

Lascia un commento