Apple AppStore

La class action nel Regno Unito sulla commissione dell’App Store potrebbe costare ad Apple 2 miliardi di euro

La class action nel Regno Unito sulla commissione dell'App Store potrebbe costare ad Apple 2 miliardi di euro

Una class action intentata contro Apple presso il Competition Appeal Tribunal di Londra contesta le consuete tariffe di commissione dell’App Store di Apple, sostenendo che la commissione dello sviluppatore viene trasferita ai consumatori.

In un comunicato stampa martedì, i ricorrenti nel caso sostengono che Apple ha sovraccaricato per anni quasi 20 milioni di clienti dell’App Store nel Regno Unito imponendo agli sviluppatori un taglio “eccessivo” e “illegale” del 30% degli acquisti in-app.

La class action sta chiedendo danni fino a 1,5 miliardi di sterline quasi 2 miliardi di euro, riferisce la BBC.

Come notato dalla pubblicazione, la struttura giuridica della class action del Regno Unito
differisce dai procedimenti statunitensi, sebbene le richieste di “optout”
siano state accettate dal 2015.

Se approvata dal tribunale, l’azione riguarderebbe tutti gli utenti del Regno Unito che
hanno acquistato app a pagamento, abbonamenti o acquisti di app su iPhone o iPad da ottobre 2015.

“Apple protegge gelosamente l’accesso al mondo delle app e addebita quote di ingresso e utilizzo completamente ingiustificate”.
“Questo è il comportamento di un monopolista ed è inaccettabile. L’uso delle app da parte delle persone comuni è in continua crescita e l’ultimo anno, in particolare, ha aumentato la nostra dipendenza da questa tecnologia”.

Ha affermato la dottoressa Rachel Kent, specialista in economia digitale e docente al King’s College che guida l’azione collettiva.

Gli argomenti di Kent seguono da vicino quelli sostenuti in tribunale degli Stati Uniti nell’ambito del caso Epic Games contro Apple.

Presunte pratiche anticoncorrenziali di Apple sono al centro della denuncia, riporta il News and Stella.

“Apple non ha il diritto di addebitarci un affitto del 30% per così tanto di quello che paghiamo sui nostri telefoni, in particolare quando Apple stessa sta bloccando il nostro accesso a piattaforme e sviluppatori che sono in grado di offrirci offerte molto migliori”,

Ha detto Kent, aggiungendo che una recente inchiesta del Congresso ha stimato le entrate globali dell’App Store a $ 15 miliardi.

“Apple ottiene questo risultato aggiungendo addebiti ingiustificati sui suoi utenti.

Non sarebbe in grado di imporre questi costi esorbitanti se le piattaforme e i sistemi
di pagamento della concorrenza fossero autorizzati a competere sui suoi dispositivi”.

Apple in una dichiarazione ha definito la class action “senza merito”.

“Crediamo che questa causa è meritless e accogliamo con favore l’opportunità di discutere con la corte il nostro incrollabile impegno per i consumatori e dei molti benefici l’App Store ha consegnato alla economia dell’innovazione del Regno Unito”, ha detto che Apple, in base a Bloomberg.

“La commissione addebitata dall’App Store è molto più diffusa di quelle addebitate da tutti gli altri mercati digitali. In effetti, l’84% delle app sull’App Store sono gratuite e gli sviluppatori non pagano nulla ad Apple. E per la stragrande maggioranza degli sviluppatori che pagano una commissione ad Apple perché stanno vendendo un bene o un servizio digitale, hanno diritto a una commissione del 15%”.

All’inizio di quest’anno, Apple ha ridotto le commissioni dell’App Store al 15% all’anno
per gli sviluppatori che generano meno di 1 milione di dollari di entrate
annuali dalle vendite in negozio.

I produttori di app che superano quella filigrana pagano la consueta commissione del 30%.

La causa del Regno Unito è l’ultimo attacco alle pratiche commerciali dell’App Store di Apple.

Sviluppatori come Spotify ed Epic sono fermamente contrari alla “tassa sull’App Store”, nonché ad altre disposizioni che limitano gli app store di terze parti e metodi di pagamento in-app alternativi.

Il mese scorso, il Comitato giudiziario della Camera degli Stati Uniti ha accusato Apple e altre società Big Tech di abusare del potere di mercato, mentre la Commissione europea in una decisione preliminare ha dichiarato Apple in violazione della legge sulla concorrenza dell’UE.

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Transmission 3.0 per Mac Dark mode per la più popolare Applicazione per i torrent

iOS 11.4 beta contrasta dispositivi come GrayKey

SQUID: tra le tue notizie preferite arriva PlayBlog.it

Lascia un commento