Android

La modalità dark di WhatsApp arriva nell’ultima versione beta di Android

La modalità dark di WhatsApp arriva

L’ultima versione beta introduce la modalità dark in WhatsApp ha introdotto una modalità dark da lungo attesa. “Dark Theme” è disponibile per tutti gli utenti beta con la versione 2.20.13 e può essere abilitato nella sezione “Chat” del menu delle impostazioni dell’app.

Hai la possibilità di attivare o disattivare permanentemente la modalità scura di WhatsApp, o che sia dettato dalla modalità scura a livello di sistema di Android o dalle impostazioni di risparmio batteria.

I sostenitori affermano che le modalità scure rendono le interfacce delle app più facili per gli occhi in ambienti bui e possono anche migliorare la durata della batteria dei dispositivi con display OLED. È probabile che i puristi si oppongano al fatto che la modalità scura di WhatsApp sia più grigia che nera, ma è ancora molto più scura rispetto alla normale combinazione di colori verde e bianco dell’app.

La modalità dark di WhatsApp arriva nell’ultima beta

Con la versione beta, WhatsApp è diventata la terza delle principali app di Facebook a ottenere il trattamento in modalità oscura dopo Facebook Messenger e Instagram . Non è chiaro quando la modalità sarà disponibile per gli utenti iOS.

La nuova modalità è disponibile per gli utenti beta Android per ora, ma poiché WhatsApp non sembra accettare nuove iscrizioni, gli utenti non beta dovranno caricare lateralmente un APK che si può reperire online e vederlo sul proprio dispositivo.

Playblog.it

Apple        Android        Tecnologia        Netflix        Prime Video        Offerte

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su Telegram: Netflix, Offerte Amazon Prime, Prime Video

App Playblog

Scarica la nostra App

App Store      Google Play

Related posts

Google prepara un restyling di Gmail

OnePlus 7T e 7T Pro: rivelate tutte le specifiche tecniche e novità sulla data di lancio

Alessio PlayBlog.it

10 migliori giochi di tennis per Android e iOS

Leonardo Playblog.it

Lascia un commento