Apple AppStore

La sede Apple in Corea è stata perquisita dalle autorità antitrust per le commissioni su App Store

La sede Apple in Corea è stata perquisita dalle autorità antitrust per le commissioni su App Store

Il quartier generale sudcoreano di Apple è stato perquisito dalle autorità di regolamentazione antitrust dopo che gli sviluppatori hanno sollevato un reclamo secondo cui addebita loro una commissione superiore al 30% standard dell’App Store .

Il raid all’alba della Korea Fair Trade Commission (KFTC) è stato riportato dai media locali lunedì e coperto venerdì dal blog Foss Patents, evidenziando le indagini in corso nel paese sul presunto abuso di potere di mercato da parte di Apple.

Secondo quanto riferito, la denuncia che ha scatenato il raid è stata presentata da sviluppatori di giochi per dispositivi mobili che hanno affermato che Apple addebita una commissione superiore al 30% tipico per gli acquisti effettuati nell’App Store.

Come sottolinea Foss Patents, Apple addebita il 30% del prezzo pagato dagli utenti finali, che include l’imposta sul valore aggiunto (IVA), rendendola superiore del 10% rispetto all’importo su cui Google basa la sua commissione del 30%, che non include l’IVA.

Apple sta quindi raccogliendo il 33% (30% del 110%), non il 30% del titolo su App Store secondo l’antitrust.

Quanto sopra entra in gioco anche per l’aliquota del 15% applicata alle piccole imprese o agli abbonamenti nel primo anno: agli sviluppatori coreani viene addebitato il 16,5% perché Apple riscuote la commissione sul prezzo lordo che è comprensiva di IVA. Secondo quanto riferito, il 3% aggiuntivo è circa 345 miliardi di won (240 milioni di dollari) nel periodo dal 2015 al 2020.

È una storia simile in altri paesi in cui Apple opera, tra cui Francia e Italia (32,1%), Turchia 35,25% e Regno Unito (31,5%) quando si tiene conto delle tasse, sebbene nessuno abbia ancora presentato un reclamo formale sulla pratica in uno qualsiasi di quei paesi.

Lo sviluppo significa che Apple è ora oggetto di indagine da parte di due agenzie governative coreane. Ad agosto, la Korea Communications Commission (KCC) ha affermato di aver condotto un’ispezione di Apple, Google e One Store dal 17 maggio per determinare se avessero violato le leggi sui pagamenti in-app e ha concluso che tutte e tre le società potrebbero averlo fatto . Se la nuova indagine scopre una negligenza, il KCC potrebbe emettere ordini di correzione e infliggere sanzioni fino al 2% del reddito medio annuo derivante da pratiche commerciali pertinenti.

A gennaio, Apple ha annunciato che si sarebbe conformata a una nuova legge sudcoreana che vieta agli operatori di app store di richiedere agli sviluppatori di utilizzare i propri sistemi di acquisto in-app. Alla fine di giugno, la modifica è entrata in vigore , consentendo agli sviluppatori di offrire sistemi di pagamento alternativi in ​​Corea del Sud.

Tuttavia, Apple agisce in malafede rendendo proibitivo l’utilizzo di servizi di pagamento alternativi. Apple addebita una commissione del 26% sui pagamenti elaborati da altri fornitori di servizi, il che significa che gli sviluppatori che utilizzano un processore di pagamento di terze parti in Corea avrebbero un costo totale che è circa il doppio rispetto a se utilizzassero gli acquisti in-app di Apple.

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Apple prepara l’aggiornamento del Mac mini 2020

Apple e i programmi iPad per il 2019

Il passatempo perfetto per iPhone Android PC e Mac

Leonardo Playblog.it

Lascia un commento