Netflix News

La serie La ragazza di Oslo: spiegazione del finale

la ragazza di oslo finale serie

La serie La ragazza di Oslo è una nuova serie norvegese tra thriller e suspense: ecco la spiegazione del finale della prima stagione.

La serie norvegese, La ragazza di Oslo (intitolata anche Bortført), appartiene a un genere emergente in cui la realtà è radicata e senza drammi. Questo è un genere che non cerca di dirigere le emozioni dello spettatore.

Presenta i fatti della storia per quello che sono, in modo lineare, e lascia decidere allo spettatore senza portarlo a conclusioni .

Riassunto della trama di “La ragazza di Oslo”

La storia inizia con il rapimento di tre adolescenti: Nadav e Noa Salem, entrambi israeliani, e Pia Bakke, norvegese. Il rapimento avviene quando i tre sono in vacanza in Egitto.

Lo spettacolo parla dei tentativi della madre di Pia di proteggerla e riportarla indietro e dei passi successivi che compie, che comportano alcune manipolazioni politiche e personali delle persone intorno a lei.

I rapitori hanno due condizioni. Uno che un terrorista di Oslo, Abu Salem, venga liberato, per il quale il padre di Pia, Karl Bakke, che è in Norvegia, deve lavorare per ottenere un nuovo processo. La seconda condizione è che altri 12 prigionieri politici vengano liberati, in cambio degli ostaggi.

Tornata in Israele, la madre di Pia, Alex, sta lavorando a stretto contatto con il ministro Arik Shor, che sta supervisionando le operazioni di salvataggio.

La famiglia e la carriera di Arik dipendono dal sicuro ritorno degli ostaggi. Si spinge fino ad assumere un mercenario di nome Grant, che era uno dei suoi compagni nell’esercito, per un’operazione di salvataggio, che alla fine fallisce.

Durante la successiva indagine su chi c’era dietro l’operazione, c’è un momento in cui Arik viene interrogato. Un altro personaggio fondamentale nella storia è Yusuf, figlio di Layla Al-Kelani, medico e burocrate amico di Alex. Yusuf è uno dei terroristi e segretamente progetta di lasciare l’organizzazione e riportare in salvo gli adolescenti.

Perché la serie sta conquistando una fetta di pubblico in Europa?

Una cosa che ti fa davvero decidere di guardare la serie è il modo in cui tutto viene mostrato clinicamente.

Non c’è un solo caso di teatralità e persino momenti di grande dolore, quando uno dei personaggi sta attraversando un crollo completo, viene mostrato in modo così poco drammatico e come parte di una storia piuttosto che il fulcro del momento che arriva come uno shock allo spettatore quanto velocemente finisce.

La ricostruzione della vita quotidiana riesce a farti vivere, come se fossero in tempo reale, gli avvenimenti della storia.

Spiegazione del finale di “La ragazza di Oslo”

Il finale riunisce i pezzi sparsi del puzzle e termina con una nota agrodolce. Mentre Pia e Nadav si sono riuniti alle loro famiglie, lo stesso non si può dire per gli altri. Yusuf, che ci rendiamo conto che è solo un ragazzo che vuole combattere per il suo paese, quella che considera la buona battaglia, ha un bel viaggio di disillusione che termina con una nota molto tragica.

Gli attentati a Gaza sono stati fermati per 24 ore dal governo israeliano, come un modo per riunire in sicurezza Pia e Nadav con le loro famiglie e anche come un modo ingannevole per concludere un accordo con Bashir.

Negli ultimi momenti di “La ragazza di Oslo”, vediamo che Layla ha registrato un video di Arik che dice che fermerà completamente i bombardamenti, che gli è stato inviato da Bashir.

Quindi, possiamo solo supporre che abbiano negoziato la pace dell’area in base a questo. E questo è il vero messaggio del finale!

Anche se una missione temporanea ha avuto successo, il panorama politico continua a essere altrettanto turbolento dopo che i giochi di potere hanno la precedenza sulla vita delle persone.

La ragazza di Oslo: il finale della serie

La serie è scritta in modo tagliente, anche se impiega un paio di episodi per ingranare. La serie si colloca tra il conflitto israelo-palestinese e uno spettacolo immaginario, che non approfondisce le questioni politiche.

Una cosa eccitante che accade nella serie è quella che assumiamo come conclusione, in cui le famiglie si riuniscono, è che è l’inizio di una prospettiva diversa e uno sguardo duro all’assunzione generale di “agende terroristiche” e al modo in cui sono collegato alla vita di molti innocenti.

In una scena, Karl Bakke dice: “Il terrorista di un uomo è il combattente per la libertà di un altro”.

La linea è aperta a qualche interpretazione molto prudente, quando ci rendiamo conto che Bashir, con le sue connessioni militanti, è solo sinceramente preoccupato per la sicurezza e il benessere del suo popolo. Al contrario, Arik, una persona al governo, uno dei “bravi ragazzi”, è disposto a rischiare tutto per il potere.

Lo spettacolo solleva molte domande ed è meglio ricercarle al di fuori di Netflix, considerando cosa sta succedendo nel mondo in questo momento.

Nel complesso, questo è uno di quegli spettacoli che, nonostante alcuni errori, non si limita a intrattenere lo spettatore. Li fa pensare e interrogare.

Ci sarà La ragazza di Oslo stagione 2?

Riguardo ad una seconda stagione, al momento sembra improbabile che ci sia un seguito della storia, però su questo non ci sono ancora notizie.

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Go Dog Go arriva su Netflix una serie animata targata DreamWorks

Mattia PlayBlog.it

Human Resources la prima Stagione Netflix dai creatori Big Mouth

playblog.it

Rick e Morty 4 parte 2 è in arrivo su Netflix!

Lascia un commento