Apple

La vera storia del film Greyhound di Tom Hanks

copertina La vera storia del film Greyhound di Tom Hanks apple tv plus

Il film Greyhound di Tom Hanks porta in scena la più lunga campagna militare della Seconda Guerra Mondiale, ispirata ad una storia vera sulla Battaglia dell’Atlantico: una lotta di sei anni per il controllo dell’oceano Atlantico.

Durante la seconda guerra mondiale ci sono state varie battaglie navali. Quelle che si ricordano di più, almeno nei film americani, sono quelle avvenute nelle acque dell’oceano Pacifico.

L’ultimo film di Tom Hanks, Greyhound, mette in luce questo capitolo molto trascurato della storia navale. La storia si basa su precedenti storie della Seconda Guerra Mondiale (soprattutto, “Salvate il Soldato Ryan”, “Band of Brothers” e “The Pacific”). Il film offre così scene claustrofobiche e mostra le dura battaglia tra navi alleate e sottomarini tedeschi o U-boat.

Greyhound si basa su una storia vera?

In verità, no. Come afferma il trailer del film, Greyhound si ispira alla vera storia e non si basa su eventi reali. Tom Hanks interpreta il ruolo del comandante della Marina degli Stati Uniti Ernest Krause. Il personaggio è adattato per la sceneggiatura dal romanzo di CS Forester del 1955, The Good Shepherd. Anche se immaginario, il libro di Forester è profondamente studiato e noto per la sua accurata rappresentazione della guerra navale.

Greyhound è il soprannome di USS Keeling ed è un cacciatorpediniere sotto il comando di Krause. Il film è ambientato nell’inverno del 1942 e presenta Hanks come un ufficiale recentemente promosso. Ernest Krause è incaricato di guidare il suo primo convoglio transatlantico attraverso una zona nnota come “Black Pit”.

Secondo la descrizione ufficiale del film, Krause deve proteggere la sua flotta dai U-boat nazisti (i sottomarini tedeschi) per un periodo di cinque giorni senza copertura aerea. In vero stile cinematografico, il capitano alla fine combatte non solo un nemico militare, ma i suoi demoni personali.

Cosa c’è di vero e di finzione nella storia del film Greyhound?

Greyhound si svolge in un momento critico della battaglia dell’Atlantico, della guerra iniziata nel settembre del 1939, e conclusasi solo con la resa dei tedeschi l’8 maggio 1945. Il conflitto era incentrato principalmente sulle forniture. Una nazione insulare come il Regno Unito richiedeva un flusso costante di merci e materie prime importate, molte delle quali originarie degli Stati Uniti.

L’Unione Sovietica invece era assediata dall’operazione nazista Barbarossa. Aveva anche un disperato bisogno di cibo, petrolio e altre forniture essenziali, che arrivavano attraverso i porti marittimi sull’Oceano Artico .

“Se l’Atlantico fosse stato perso, si sarebbe persa anche la Gran Bretagna”, scrive lo storico James Holland. “Non ci sarebbe stata nessuna campagna mediterranea, nessun D-Day, nessun VE o VJ Days. La vasta catena di approvvigionamento globale da cui dipendevano gli Alleati … sarebbe stata tagliata, e con essa una linea vitale.”

Winston Churchill ha coniato la frase “Battaglia dell’Atlantico” nel marzo del 1941, “facendo eco deliberatamente alla battaglia della Gran Bretagna per enfatizzarne l’importanza”.

Più tardi nella vita, il primo ministro ha affermato che “l’unica cosa che mi ha davvero spaventato durante la guerra è stato il pericolo dell’U-boat”.

La paura dei sottomarini U-boat tedeschi

La principale strategia degli Alleati per garantire l’arrivo sicuro del carico in Europa era l’invio di navi mercantili in convogli o gruppi scortati da navi da guerra. Se possibile erano scortati anche da aerei.

Sebbene questo approccio abbia salvato molte navi alleate dalla distruzione, l’incubo logistico di spostare 40 navi come unità coesiva ha notevolmente ridotto l’efficienza delle singole unità. Questo le ha rese vulnerabili alle squadre di caccia degli U-boat conosciute come branchi di lupi.

Nei primi anni della battaglia, la Germania mantenne il vantaggio navale, strappando facilmente navi mercantili debolmente difese, anche se sostenendo gravi perdite proprie. Dopo che gli Stati Uniti entrarono in conflitto nel dicembre 1941, gli U-boat ottennero un grande successo al largo della costa orientale.

Tra gennaio e luglio 1942 90 navi (inclusi quattro U-boat) affondarono al largo della costa della Carolina del Nord. Oltre 1.100 marinai mercantili morirono, secondo il Monitor National Marine Sanctuary. Queste vicende fanno da sfondo al film di Greyhound.

Le somiglianze con lo scontro reale tra USS Borie e gli U-boat U-405

Un duello tra sottomarini e cacciatorpediniere che si vede nel trailer ricorda uno scontro reale tra USS Borie e U-boat U-405. Il 1° novembre 1943, il cacciatorpediniere americano stava tentando di speronare il sottomarino tedesco quando un’onda fece schiantare la prua sulla sommità del sottomarino, intrappolando le due navi.

Per i successivi dieci minuti, i membri dell’equipaggio incapaci di puntare correttamente le pistole del distruttore a una distanza così ravvicinata, investirono l’U-boat con ogni fucile, mitragliatrice che riuscirono a trovare. L’U-405 affondò quella notte; il Borie gravemente danneggiato fu affondato il giorno seguente.

Incontri così ravvicinati furono rari durante la Battaglia dell’Atlantico. Più spesso la battaglia è stata combattuta con siluri e cariche in profondità. I progressi nella tecnologia degli Alleati e alla corrispondente obsolescenza dei progetti standard di U-boat cambiarono il corso della battaglia mentre il conflitto si allungava.

Nel maggio 1943 gli Alleati riuscirono a vincere ma i tedeschi riuscirono comunque a impedire a una considerevole quantità di rifornimenti di raggiungere gli alleati.

Gli esiti delle battaglie nel mare atlantico durante la seconda guerra mondiale

Nel corso della battaglia di sei anni, furono uccisi fino a 80.000 marinai alleati, marinai mercantili e aviatori. Si stima che tra i 28.000 e i 30.000 uomini dell’equipaggio della U-boat morirono, una percentuale sbalorditiva pari a circa il 70 percento dei 41.000 marinai tedeschi che combatterono nella campagna.

Oltre all’alto costo delle vite umane, entrambe le parti hanno subito perdite materiali significative. Tra il 1939 e il 1945, gli Alleati persero più di 2.700 navi mercantili; nello stesso tempo, affondarono circa 800 delle 1.100 sottomarini tedeschi.

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

Scarica la nostra App

app per iphone ios App Netflix news app per android

Related posts

Clinica iPhone: l’esperienza di Playblog.it

Asphalt 9: Legends è stato lanciato sul Mac App Store con Catalyst

Leonardo Playblog.it

iPhone X lo Smartphone più venduto al mondo – PlayBlog.it

Lascia un commento