Netflix News

La vera storia dietro al film Il truffatore di Tinder

il truffatore di tinder la vera storia

La vera storia dietro al film: chi è il vero truffatore di Tinder? Ecco tutto ciò che sappiamo sul film documentario.

Il truffatore di Tinder racconta la storia sorprendente di un fantasioso impostore che si finge un playboy milionario su Tinder e delle donne che decidono di smascherarlo.

Tra uno swipe e l’altro, trovare l’amore online non è facile. Per questo Cecilie non crede ai propri occhi quando fa match con un playboy ricco e belloccio, scoprendo che è l’uomo dei suoi sogni.

Ma la realtà si rivela ben diversa: quando la donna si rende conto che il sedicente uomo d’affari internazionale non è chi dice di essere, lui le ha già preso tutto e la favola lascia il posto a un thriller con vendetta.

Il film documentario ridefinisce la categoria del “cattivo appuntamento”. Il nuovo documentario di Netflix racconta la storia di un famigerato truffatore che avrebbe usato l’app di appuntamenti Tinder per vivere una vita di lusso mentre frodava le donne in tutta Europa.

la storia vera Allora, chi è il truffatore di Tinder?

Il cosiddetto Truffatore di Tinder è Shimon Hayut, un truffatore condannato nato in Israele . Hayut ha utilizzato le app di appuntamenti per incontrare più donne, quindi ha aperto delle linee di credito e prestiti a loro nome, lasciandole alla fine a ripagare i conti.

Quello che si sono chiesti in diversi, è com’è riuscito a farla franca se era già stato condannato per frode.

Hayut sembrava felice di passare da un’identità all’altra per mantenere il suo piano. È stato condannato per frode in Finlandia con il suo nome di nascita, ma ha eseguito la sua truffa su Tinder sotto il nome di Simon Leviev, sostenendo di essere il figlio del ricco magnate dei diamanti Lev Leviev.

Una volta che il suo nome è stato rivelato in una denuncia VG , presumibilmente ha preso il nome di David Sharon per eludere le autorità.

Che tipo di truffa ha architettato?

Apparentemente Hayut ha seguito uno schema: si sarebbe abbinato a una donna su Tinder, l’avrebbe portata a un primo appuntamento costoso e impressionante (nel caso di Cecilie Schrøder Fjellhøy, un viaggio su un jet privato).

E poi avrebbe costruito lentamente la loro relazione mentre volava in giro per il mondo e frequentava segretamente altre donne. I suoi accusatori affermano che, a un certo punto, Hayut avrebbe confidato loro di essere preoccupato che un gruppo nebuloso dei suoi “nemici” fosse proprio dietro l’angolo.

Alla fine, avrebbe inviato una foto della sua guardia del corpo sanguinante, presumibilmente ferita da questi nemici, per suscitare ulteriore preoccupazione.

Una volta gettate le basi, inviava urgentemente un messaggio a ciascuna “fidanzata” per dire che la sua carta di credito non poteva essere utilizzata per motivi di sicurezza e le chiedeva di aprirne una nuova a suo nome affinché lui potesse usarla. Da lì è partito per le gare.

La vera storia – Chi è il truffatore di Tinder? Quanti soldi ha rubato?

Si stima che siano 10 milioni di dollari la cifra che è riuscita a truffare. Hayut sarebbe sfuggito al rimborso lusingando, minacciando e bloccando in altro modo le sue vittime: aveva preso l’abitudine di inviare messaggi vocali WhatsApp sempre più sconnessi, inviandone persino uno ai realizzatori quando ha saputo dell’esistenza di The Tinder Swindler.

La cattura del truffatore

Alla fine, una delle fidanzate di lunga data di Hayut, Ayleen Koeleman, ha visto il pezzo VG e ha ribaltato la situazione su di lui. Dopo che la storia è diventata virale, Hayut ha dovuto prendersi una pausa dal jet-set e restare nascosto.

Si rivolse a Koeleman, l’unica donna che sembrava fidarsi di lui, per chiedere aiuto, ma era molto più avanti di lui. Koeleman alla fine lo convinse che avrebbe potuto vendere i suoi abiti firmati per fare soldi e semplicemente tenne i soldi, truffando lei stessa il truffatore di Tinder.

Dopo un rapido lavoro investigativo, ha dedotto che Hayut stava volando in Grecia e ha fornito le informazioni sul suo volo alle autorità. È stato arrestato nel 2019 e subito dopo condannato a 15 mesi di carcere per frode in Israele.

Hayut è stato rilasciato dalla prigione dopo soli cinque mesi. Alla fine del documentario, vediamo Hayut continuare lo stesso stile di vita sontuoso che conduceva prima della prigione, insieme a una nuova ragazza..

 

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Rick e Morty – L’attesa per la Stagione 3 è finita!

Guida alla famiglia perfetta un film su Netflix sull’essere dei genitori “perfetti”

Alessio PlayBlog.it

La casa di carta: Corea il remake coreano sbarca su Netflix

playblog.it

Lascia un commento