La vera storia dietro la serie Baby Netflix è ancora più inquietante

La vera storia dietro la serie Baby Netflix: Non sopportando più la famiglia e i compagni di scuola, due ragazze della Roma bene iniziano frequentazioni poco raccomandabili, conducendo una doppia vita.

Baby | Official Trailer [HD] | Netflix

Per quelli di voi che sono stati risucchiati nel mondo paranoico dell’Elite di Netflix , potreste trovarvi affascinati dalla sua ultima serie in lingua straniera, Baby.

Simile al sapone teen spagnolo, Baby è una finestra sporca di sporcizia nelle vite di vari studenti che frequentano un’esclusiva scuola superiore romana.

Per lo più, la serie si concentra su Chiara (Benedetta Porcaroli) e Ludovica (Alice Pagani), che si rivolgono alla prostituzione di fascia alta per fare soldi.

Ma, a differenza di Élite, Baby è stata oggetto di un massiccio ritiro dal Centro Nazionale per lo Sfruttamento Sessuale per “incantare” la vera storia dello scandalo “Baby Squillo” (che si traduce approssimativamente in prostituta).

LA VERA STORIA:

Nel 2014, è stato scoperto (grazie a un genitore preoccupato) che due ragazze delle superiori del ricco quartiere dei Parioli, a Roma, vendevano i loro corpi per il sesso per comprare prodotti di lusso come abiti firmati ed elettronica.

Secondo il Daily Beast , una dozzina di ragazze sono state coinvolte nella prostituzione minorile, ma “si concentra su un quattordicenne e un sedicenne che ha detto alla magistratura inquirente Cristina Macchiusi che sono entrati in gioco cercando ‘soldi facili’ su Google. “

Risultati immagini per baby netflix img

“Volevo un sacco di soldi e non volevo perdermi per avere qualcosa,” Angela – ad entrambe le ragazze sono stati dati nomi falsi nel rapporto – ha detto durante un’intervista con la procura d’inchiesta Christina Macchiusi.

Angela e Agnese (anche un nome falso) hanno seguito un annuncio online e hanno trovato Nunzio Pizzacalla, un ufficiale del servizio militare alpino italiano e Mirko Ieni, che sarebbero diventati i loro protettori.

Ma un aspetto del caso che lo rende così scioccante è stato il modo in cui le madri sono state coinvolte.

LE LORO MAMME ?!

Mentre la ragazza più grande, che presumibilmente ispirava Baby’s Chiara, era semplicemente innamorata del denaro, la più giovane, Agnes, era spinta più avanti da sua madre.

Secondo quanto riferito, Agnes ha dato i suoi soldi per aiutare a pagare i conti dopo che sua madre fu lasciata da suo marito e se ne andò vicino ai bisognosi.

Risultati immagini per baby netflix img

In una conversazione disturbante sul cellulare che è stata registrata dalla polizia durante le indagini, è stato rivelato che il bambino avrebbe chiesto a sua madre di lasciarla “lavorare” perché non riusciva a concentrarsi sui suoi compiti scolastici e non si sentiva bene.

Sua madre la spingeva a continuare, suggerendole di “studiare due o tre ore prima o dopo il lavoro” o “alternare tra giorni”.

LO SCANDALO POLITICO:

Mentre la prostituzione è legale in Italia, il sesso con minori (di età inferiore ai 18 anni) non lo è.

A parte Ieni e Pizzacalla, che hanno allestito un appartamento con due camere da letto per le ragazze per incontrarsi con i clienti dopo la scuola, una lista di 50 clienti maschi è stata raccolta dalla polizia.

Nella sua deposizione, Ieni ha confermato che questi uomini sapevano che le ragazze erano minorenni, considerando la loro giovinezza “è stata la vera attrazione che ha aiutato ad attirare i clienti.”

Ieni è stato condannato a 10 anni di carcere, mentre Pizzacalla, il cui ruolo era quello di trovare i clienti in cerca di minorenni sesso, è stato condannato a sette.

Risultati immagini per baby netflix img

Uno dei clienti più importanti è stato l’ufficiale di polizia Mauro Floriani , sposato con la senatrice italiana Alessandra Mussolini , ed è proprio la nipote del dittatore Benito Mussolini. A giugno 2015 , 11 clienti avevano ricevuto pene detentive di un anno e multe.

ALLORA, PER QUANTO RIGUARDA LO SHOW NETFLIX?
Mentre NCOSE ha respinto con forza contro Baby , affermando che la serie “normalizza gli abusi sessuali su minori e il traffico sessuale di minori come ‘prostituzione'”, i creatori della serie sostengono il loro prodotto.

Uno sceneggiatore, Re Salvador, ha assicurato al pubblico che la serie è in definitiva “una storia sull’amore, non sulla prostituzione”.

“La prima cosa che cerchiamo sempre è l’autenticità, e questo spettacolo lo ha”, ha dichiarato il vicepresidente Netflix degli International Originals Kelly Luegenbiehl.

https://www.netflix.com/it/title/80211634

Apple        Android        Tecnologia        Game        Netflix

Seguici su Facebook


Leave A Reply

Navigate