Netflix News

L’apparenza delle cose: il finale spiegato del film Netflix

l'apparenza delle cose finale spiegazione del film

L’apparenza delle cose: il finale spiegato del film horror di Netflix. Il film Netflix Original di Amanda è Seyfried su fantasmi e terribili mariti è arrivato recentemente sulla piattaforma riscuotendo un discreto successo.

Il film si basa su un romanzo di 400 pagine, “All Things Cease to Appear” di Elizabeth Brundage. Non si tratta di una semplice storia di fantasmi, ma è anche un film drammatico sulle relazioni, con una lezione di storia dell’arte e una discussione teologica sull’aldilà.

È una narrazione densa, complicata e ricca di sfumature, con molti personaggi (molti dei quali però non faranno una buona fine) e parti in movimento. E in qualche modo, L’apparenza delle cose riesce a comprimere una storia in un film di due ore.

L’apparenza delle cose è un film girato in esterni nella Hudson Valley, nello stato di New York. Un bel film dal finale in cui non tutto è stato chiarito fino in fondo.

La trama del film L’apparenza delle cose

L’anno è il 1980 e Catherine Clare (Seyfried) non ha alcun desiderio di lasciare la sua vita di artista che vive a Manhattan.

Ma quando suo marito George (James Norton) ottiene un lavoro come insegnante di storia dell’arte in un piccolo college privato nella Hudson Valley, lei diligentemente sradica la sua vita.

Si trasferisce con George e la loro giovane figlia Franny in una grande casa inquietante in mezzo al nulla. Non ci vuole molto perché Catherine scopra che la sua nuova casa è infestata dai fantasmi.

Trova una vecchia Bibbia risalente al XVIII secolo, e rintraccia le morti familiari dei precedenti proprietari di casa. Molte di quelle morti sembrano essere mogli che sono state ritenute “dannate” dai loro mariti.

Sembra che gli spiriti di queste mogli siano ancora in giro per casa, facendo cose come accendere la luce notturna nella stanza di Franny e provocare un cattivo odore di benzina dal garage.

Tutta la città sa che c’è qualcosa che si nasconde in quella casa

Nel corso del film, impariamo lentamente che molte persone in questa piccola città credono nei fantasmi e negli spiriti.

Anche il capo di George a scuola ama un artista della vita reale di nome George Inness, che era molto spirituale e superstizioso. Un dipinto di Inness, “La valle dell’ombra della morte”, sarà un tema ricorrente nel film.

Inness e gli abitanti della città sono seguaci di un teologo svedese del XVIII secolo di nome Emanuel Swedenborg, che affermava di poter conversare con angeli, demoni e altri spiriti.

Anche le mogli che vivevano nella casa di Catherine erano seguaci di Swedenborg ei loro mariti disapprovavano. Dopo che le mogli sono morte “misteriosamente” nelle loro case, è implicito che i loro mariti le abbiano uccise. Gli spiriti nella casa di Catherine sono lì per aiutarla, non per ferirla.

La spiegazione del finale del film Netflix L’apparenza delle cose

Questa teoria è confermata quando Catherine scopre che l’ultimo ex proprietario della sua casa erano i genitori dei due ragazzi vicini, che avevano aiutato Catherine con il lavoro a portata di mano e come babysitter.

Il papà dei ragazzi ha somministrato a tutta la famiglia un sedativo, ha sparato a tutte le loro mucche e poi ha gasato la casa chiudendo tutte le finestre e lasciando due camion in funzione nel garage. (Questo spiega i fumi in casa).

Il marito e la moglie, che si chiamava Ella, sono morti. I loro ragazzi sono sopravvissuti. Catherine si rende conto che l’anello che ha trovato in casa apparteneva a Ella.

Nel frattempo, in tutto questo, il marito di Catherine, George, si rivela una persona piuttosto terribile. Tradisce sua moglie con uno studente e apprendiamo che ha forgiato una lettera di raccomandazione per ottenere la posizione di insegnante al college.

Infine, viene rivelato a una cena con la famiglia di George che i dipinti di paesaggi marini che George disse a Catherine di aver dipinto da solo furono in realtà dipinti dal suo defunto cugino, la cui identità fu sostanzialmente rubata da George.

Il finale spiegato di L’apparenza delle cose

Quando il supervisore di George Floyd (F. Murray Abraham) scopre della lettera falsificata, dice gentilmente a George che dovrà denunciarlo alla scuola. Quindi George uccide Floyd annegandolo.

Sulla via del ritorno a casa, incontra un’amica di Catherine di nome Justine (Rhea Seehorn). Justine, che già non ama George, lo vede bagnato fradicio, e George si rende conto che sospetterà di lui quando le autorità troveranno il corpo di Floyd.

Così George allontana Justine dalla strada, causando un incidente con la sua macchina e mettendola in coma. Le cose stanno rapidamente andando fuori controllo per George, e c’è ancora una persona che sa che George ha mentito: sua moglie, Catherine.

Incidente o omicidio: George riuscirà a farla franca?

All’inizio, sembra che George potrebbe farla franca con un omicidio: la morte di Floyd è considerata un incidente e a George viene offerta la posizione di Floyd come capo del dipartimento al college.

Nel frattempo, George escogita un piano per uccidere sua moglie: droga la bevanda proteica di Catherine con un sedativo. Cerca di scappare con sua figlia, ma il sedativo la colpisce e lei perde conoscenza.

George uccide brutalmente Catherine con un’ascia mentre è priva di sensi. George dice alla baby sitter che sua moglie è malata e di non essere disturbata.

Si dà un alibi andando a lavorare, poi denuncia l’omicidio alla polizia. Qui, otteniamo la scena che ha aperto il film: George vede il sangue che gocciola dal soffitto e corre con sua figlia attraverso i giardini.

La polizia sospetta che George sia colpevole, ma non ha alcuna prova, fino a quando Justine non si sveglia dal coma. Come si sveglia? Con una piccola spinta dagli spiriti di Ella e Catherine. Sembra che Catherine si sia unita alla squadra di mogli vendicative assassinate dal marito in quella casa inquietante.

La fuga di George nel finale – L’apparenza delle cose

George, rendendosi conto di essere fregato, fugge su una barca a vela. Mentre naviga attraverso una tempesta, il cielo sembra essere consumato dal fuoco dell’inferno, mentre Ella e Catherine sussurrano sui cancelli dell’inferno.

Una croce capovolta appare nel cielo, la barca prende fuoco e George praticamente naviga verso i cancelli dell’inferno, imitando il dipinto di Inness, “La valle dell’ombra della morte”.

Nella ripresa finale del film L’apparenza delle cose, le mogli morte dicono all’unisono: “Grazie a te, siamo uniti nello spirito. Grazie a te, i nostri poteri crescono. Da minuscole gocce, a un mare infinito. “

La telecamera ingrandisce un’immagine dei proprietari originali della casa e vediamo che anche la moglie originale indossa l’anello, il che significa che è stato tramandato dalle mogli della casa.

C’è indubbiamente molto di cui tenere conto negli attimi finali del film L’apparenza delle cose. Il tutto ha un senso se si tiene traccia di tutti i dettagli.

Una teoria sul finale del film Netflix L’apparenza delle cose

Un aspetto interessante è il dipinto che è una transizione verso l’aldilà. George Inness che ha realizzato questo dipinto era un devoto di Swedenborg. Questo era il suo sistema di credenze.

Ha dipinto il momento in cui ci spostiamo nell’aldilà: questo è ciò che voleva esprimere. Uno dei mariti originali della casa decise che sua moglie era dannata perché ai suoi occhi era un’eretica. Stava esplorando idee che lui non approvava.

Se qualcuno è dannato in questa storia, come può correggere l’universo? Negli attimi finali si può credere che gli spiriti delle mogli stiano portando George all’inferno in quella scena finale sull’acqua.

Il regista ha dichiarato che “Alla fine stanno sicuramente dirigendo l’azione, sì. Voglio dire, puoi sentirli e stanno consegnando George al posto che gli spetta “.

“È una specie di metafora per tutte le donne che sono state abusate da mariti, padri e predicatori – e insegnanti e tutti gli uomini d’affari, i produttori e tutto il resto. Forse non durante la loro vita, ma nel senso metafisico dell’eternità che ha una sorta di voce in capitolo, o potere. “

Quindi il gioco è fatto: le mogli morte della casa, inclusa Catherine, hanno assicurato George alla giustizia consegnandolo all’inferno!

Il regista ha poi dichiarato che consiglia di guardare il film una seconda volta: “Una delle cose per cui abbiamo realizzato questo film è guardarlo due volte. Adoro i film che mi fanno guardare due volte per catturare le cose con un occhio diverso. Guarda come Justine esce dal coma: c’è una linea con il potere delle donne dappertutto.”

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Rapunzel – L’intreccio della torre

Lost in Space Video Seconda Stagione

Hero Mask – Anime di fantascienza

Lascia un commento