Prime Video

Le differenze tra la storia vera e il film Tredici Vite

tredici vite film differenze storia vera

Le differenze tra la storia vera e il film Tredici Vite: quanto è accurato il film di Ron Howard, ora in streaming in esclusiva su Amazon Prime Video.

Ron Howard è tornato con un’altra vera storia di sopravvivenza. In Tredici vite il regista di “Apollo 13” segue gli esperti britannici di immersioni Richard Stanton ( Viggo Mortensen ) e John Volanthen ( Colin Farrell ), che con una troupe internazionale di subacquei cercano di salvare 12 ragazzi e il loro allenatore di calcio da una grotta allagata in Thailandia nel 2018.

Attenzione seguono degli spoiler sul film

“Questa non era una circostanza in cui il risultato era garantito. In effetti, il crepacuore era più probabile”, afferma Howard. “Ero molto interessato al dramma di questo eventoi”.

Howard e lo sceneggiatore Will Nicholson analizzano i momenti immaginari e reali più sorprendenti del film. Ecco le differenze tra quanto realmente accaduto e quanto rappresentato nel film Tredici Vite.

La squadra di calcio ha meditato all’interno della grotta?

La squadra di calcio è rimasta intrappolata per più di due settimane prima di essere salvata. In una delle prime scene nella grotta, l’allenatore dei ragazzi (James Teeradon Supapunpinyo) li guida attraverso la meditazione buddista, dicendo loro che la paura è nelle loro menti.

“A detta di tutti, (meditavano) spesso, ed è stato molto costruttivo e molto cruciale”, dice Howard.

Sebbene inizialmente fosse solo menzionato nella sceneggiatura, Howard dice di volere “un’opportunità per vedere questa meditazione”. Quindi Nicholson ha scritto una scena nella grotta in cui “i bambini stanno iniziando a farsi prendere dal panico” e “puoi vedere l’allenatore calmarli”.

Le differenze tra il film e la storia vera di Tredici vite: i braccialetti della buona fortuna erano una cosa reale?

Prima che il salvataggio abbia inizio, la madre di un ragazzo intrappolato (Pattrakorn “Ploy” Tungsupakul) regala a Rick e John un sacchetto di braccialetti di perline rosse per buona fortuna. Rick si infila il braccialetto in tasca, dicendo che non “crede nella fortuna”, ma accetta di darli agli altri subacquei e ragazzi in missione.

Sebbene il personaggio di Ploy sia un composto di molti genitori, i braccialetti stessi erano reali: “È stata una scoperta meravigliosa”, dice Nicholson. “Sono stati benedetti da un monaco buddista” e i subacquei li hanno messi ai polsi dei ragazzi prima di nuotare fuori dalla grotta.

Alla fine del film, Rick torna a casa in Inghilterra e svuota le tasche. Ritrova il suo braccialetto e si ferma a guardarlo. “Sta a te (chiedersi), ‘Pensa che questo avesse un certo potere dopo tutto?’ “dice Nicholson.

Ai ragazzi sono state effettivamente fatte iniezioni di ketamina?

Data la debolezza dei ragazzi e la durata della nuotata fuori dalla grotta, l’unica opzione era che i subacquei mettessero i ragazzi sotto anestetici e li portassero sott’acqua.

Prima del salvataggio, Harry Harris (Joel Edgerton), anestesista e speleologo, racconta al governatore locale (Sahajak Boonthanakit) il loro piano e che si aspettano alcune vittime. “Nessuno deve conoscere il metodo che proponete, nemmeno i genitori”, risponde il governatore.

È vero che “i genitori non hanno mai saputo”, dice Nicholson. E quelli che lo hanno fatto “erano molto ansiosi perché se fosse andato storto, sarebbe stato un intervento artificiale che li avrebbe uccisi. Quel rischio era devastante”.

Scegliere quali farmaci e quanto iniettare era di per sé una sfida: se ai ragazzi veniva somministrato troppo, i loro sistemi respiratori potevano spegnersi; se ricevessero troppo poco, potrebbero svegliarsi sott’acqua e annegare.

“C’erano tre droghe”, dice Nicholson. “C’era un tranquillante per calmarli. Poi c’era un farmaco per asciugare la saliva in bocca in modo che non si soffocassero mentre erano privi di sensi. E poi l’anestetico era la ketamina, ed era molto.

Come vedete nel film, (i subacquei) hanno dovuto somministrare nuovamente la ketamina più volte perché era un viaggio (di circa sei ore) e la ketamina li avrebbe tenuti completamente privi di sensi per una o due ore”.

Le differenze tra la storia e il film Tredici vite: Harry ha davvero preso il posto di un altro subacqueo?

I subacquei hanno utilizzato una fune guida per guidarli nella giusta direzione attraverso i passaggi tortuosi della grotta.

Verso la fine del salvataggio nel film, Rick trova il subacqueo Chris (Tom Bateman) rannicchiato su alcune rocce nella grotta con uno dei ragazzi privi di sensi, dopo aver afferrato un cavo sbagliato ed essere preso dal panico di aver perso la strada.

Dopo aver parlato con Rick, Harry si offre volontario per accompagnare il ragazzo per il resto del viaggio, cosa che Chris accetta con riluttanza. (“Penso che tu abbia fatto la parte più difficile”, gli dice Harry. “Perché non faccio l’ultima parte?”)

“Non so se quella conversazione sia avvenuta esattamente – l’ho inventato io – ma so che ogni battito (di quella situazione) è successo in quel modo”, dice Nicholson.

“Harry ha preso il ragazzo e Chris si è sentito malissimo. Si sentiva come se avesse fallito perché era l’unico a non aver completato la sua missione, per così dire. Ma tutti (gli altri subacquei) lo hanno supportato incredibilmente”.

Quanto tempo avevano effettivamente prima che la grotta si allagasse di nuovo?

Howard dice di voler mettere in evidenza gli sforzi di salvataggio del popolo thailandese e la “risoluzione improvvisata dei problemi”: dividere il bambù a metà per creare tubi che porterebbero l’acqua fuori dalle grotte e sacrificare i loro terreni agricoli per pompare l’acqua.

Gli intitoli alla fine del film affermano che “i volontari hanno deviato circa 56 milioni di galloni d’acqua dalla grotta” e “agli agricoltori che hanno subito perdite è stato offerto un risarcimento dal governo”.

Un’altra carta rivela che pochi giorni dopo il completamento del salvataggio, le piogge monsoniche hanno fatto sì che la grotta fosse “completamente sommersa per otto mesi”. Il film descrive una corsa contro il tempo per completare la missione prima che la grotta si allaga di nuovo.

“Hanno avuto tre giorni per farli uscire e sapevano che il monsone stava arrivando”, dice Nicholson. “La seconda notte del salvataggio, la pioggia è caduta molto velocemente e un’enorme quantità d’acqua ha iniziato a riempire le grotte. L’ultimo giorno l’ha reso molto stressante e, una volta tirati fuori tutti, non avrebbero potuto rientrato.

“Voglio dire, non potresti davvero inventarlo – è esattamente quello che è successo.”

Le differenze tra il film Tredici vite e quanto è realmente accaduto sono davvero poche, infatti Howard ha preferito rappresentare in modo realistico gli eventi che hanno emozionato e tenuto in ansia milioni di persone, in attesa che i bambini fossero salvati.

Amazon Prime Video

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Il cacciatore stagione 3 è ora su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Shameless la stagione 9 su Amazon Prime video

Paper Girls la serie fantascientifica tra gli anni 80 e 90 arriva su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Lascia un commento