NetflixNews

Le nuotatrici: la vera storia dietro al film di Netflix

le nuotatrici vera storia netflix

Ecco la vera storia sul film Le nuotatrici ora in streaming su Netflix. La storia raccolta la sfida per la libertà di due rifugiate siriane. In questo film Hosaini ha tentato di far luce sulla più ampia crisi dei rifugiati attraverso la storia di Yusra e Sarah Mardini.

Il film Netflix si basa su fatti realmente accaduti, Le nuotatrici di Sally El Hosaini fa luce sulle vite di Sarah Mardini ( Manal Issa) e Yusra Mardini ( Nathalie Issa ), due profughe siriane che fuggono dal loro paese devastato dalla guerra per trovare una nuova vita in Europa.

Quest’ultima ha poi rappresentato la squadra olimpica dei rifugiati alle Olimpiadi di Rio 2016 e alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Ma la parte migliore del dramma biografico di Hosaini non è solo la grandezza del successo e del coraggio delle sorelle Mardini.

Ci sono molti momenti stimolanti nel film che rendono “Le nuotatrici” un dramma commovente con la crisi dei rifugiati al centro. Mentre la nuotata di tre ore attraverso il Mar Egeo è il momento decisivo della trama del film, ci sono anche molti altri eventi che ispireranno soggezione e shock da parte del pubblico.

Con la storia di una rifugiata che sta diventando grande sul palcoscenico olimpico, vale la pena chiedersi quanto il film Le nuotatrici sia lontano dalla storia vera.

Sebbene Hosaini abbia acconsentito a fare finzioni per onorare la più ampia crisi dei rifugiati , vale la pena esplorare quanto di queste finzioni faccia deviare la rappresentazione del film dalla vera storia dei Mardini.

La storia vera del film Le nuotatrici

Sally El Hossain e Jack Thorne iniziano la storia di Yusra e Sarah Mardini molto prima che fuggissero dalla Siria. Il film Le nuotatrici inizia nel 2011 quando le fiamme della primavera araba avevano appena iniziato a raggiungere la Siria e la rivoluzione siriana aveva iniziato a prendere forma.

Sullo sfondo del caos che ne deriva, Mohamed Ezzat Mardini ( Ali Suliman ), lui stesso ex nuotatore nazionale, continua ad allenare sua figlia, Yusra e Sarah, nella speranza di farle rappresentare la Siria alle Olimpiadi un giorno.

Mentre la seconda media Yusra è concentrata sull’obiettivo di suo padre, Sarah mostra di essere politicamente consapevole della crisi che si sta sviluppando nel paese.

Il film poi avanza rapidamente di quattro anni nel 2015. Yusra e Sarah lasciano la Siria per raggiungere in qualche modo l’Europa e cercare rifugio per la loro famiglia nell’ambito della politica di ricongiungimento familiare.

La scena della piscina è realmente accaduta? La storia vera del film Le nuotatrici

Le condizioni in Siria erano abbastanza simili (o probabilmente peggiori) in Siria nel 2015, quando i Mardini decisero di inviare Yusra e Sarah in Europa insieme a due loro cugini.

Si può dire però che il film abbia tralasciato alcuni dettagli sulle condizioni in cui Yusra e Sarah sono state allontanate dalla Siria. Un particolare che il film non mostra è che la casa di famiglia è stata distrutta. Ezzat Mardini è stato arrestato e torturato dai paramilitari dopo essere stato scambiato per qualcun altro.

Nella scena forse di maggior impatto del film, si vede una bomba inesplosa attraversare il tetto della piscina dove Yusra si stava allenando.

Questo evento, che di fatto fa scattare la decisione dei Mardini di mandare Yusra e Sarah in Europa, si è verificato nella realtà.

Anche se potrebbe non essere così drammatico come raffigurato da Hosaini, il contatto ravvicinato di Yusra con la morte in questa scena è stato ispirato da un vero incidente, e prosegue descrivendo le condizioni in Siria all’epoca.

Il viaggio delle sorelle in Europa

Il viaggio delle sorelle in Europa è ritratto in modo abbastanza realistico nel film. Durato 25 giorni, è iniziato con le suore che hanno preso un volo da Damasco attraverso il Libano verso la Turchia.

Una volta raggiunta la Turchia, entrano in contatto con un contrabbandiere che le ha aiutate a raggiungere Mitilene, la capitale dell’isola greca di Lesbo.

Proprio come si vede nel film, le due sorelle hanno dovuto aspettare un bel po’ prima di partire in barca per l’isola greca. In realtà sono stati ben quattro giorni.

Al tempo stesso il viaggio inizia con una nota disastrosa, quando un piccolo gommone le aspettava per portarle in Europa. A circa 20 minuti dall’inizio del viaggio, il motore del gommone sovraffollato si è rotto.

Come visto nel film Netflix, Sarah è stata la prima a saltare in acqua seguita da Yusra. Anche altre due sorelle si sono unite alle sorelle per aiutare a salvare la barca dall’affondare completamente per il bene di coloro che erano nel gommone che non sapevano nuotare.

Il viaggio di Yusra Mardini a Berlino: la vera storia del film Le nuotatrici

Sarah ha detto a Vogue che era più preoccupata per Mustafa, un bambino di 6 anni che li accompagnava. Anche nel film viene rappresentato questo: vediamo un bambino a bordo.

Dopo più di tre ore, riescono finalmente a toccare terra quando raggiungo l’isola di Lesbo. Durante il viaggio, il filmato mostra anche che sono entrati in contatto con un operatore greco che si è rifiutato di aiutare il gruppo. Ma si tratta probabilmente di un’invenzione per aumentare la drammaticità dell’evento.

Nella stessa scena, si vede Yusra lanciare le sue medaglie di nuoto in acqua, un altro incidente immaginario in cui Yusra stessa ha rivelato di aver perso tutti i suoi averi. In realtà questo è successo quando la sua casa è stata distrutta.

Il viaggio continua e le difficoltà non sono finite per le suore che hanno dovuto affrontare la discriminazione e un atteggiamento poco accogliente da parte dei residenti, come mostrato da Hosaini.

Da lì in poi, un viaggio via terra ha portato le suore attraverso la Macedonia, la Serbia e l’Ungheria. Nelle sue stesse parole, Yusra ha ricordato il suo viaggio attraverso l’Ungheria come “orribile”.

Le sorelle trovano finalmente rifugio in Germania quando Angela Merkel ha accolto apertamente i rifugiati siriani nel 2015 .

Il nuoto verso la gloria olimpica per Yusra Mardini

Nel film, si vede Yusra promettere a suo padre che continuerà ad allenarsi quando raggiungerà Berlino. In realtà, ha mantenuto la sua promessa. Dopo aver scoperto di un club di nuoto locale, Wasserfreunde Spandau 04, da un interprete del campo profughi, Sarah e Yusra sono riuscite a fare un provino per se stesse.

Al club, hanno incontrato Sven Spannekrebs ( Matthias Schweighöfer ) che le ha assunte. Inoltre ha anche sbrigato le pratiche burocratiche per aiutarle ad accedere all’alloggio e alle strutture di allenamento.

Secondo il film Le nuotatrici, la carriera di nuoto di Yusra sarebbe stata ridotta alle competizioni di nuoto locali se non fosse stato per la decisione del Comitato olimpico internazionale di formulare la squadra olimpica dei rifugiati nel marzo 2016.

Ma Sven aveva già iniziato a parlare con le autorità delle possibilità di Yusra per le Olimpiadi di Tokyo.

Fortunatamente per Yusra, la decisione del CIO ha contribuito a ridurre l’attesa per il sogno olimpico poiché con l’aiuto del suo mentore Sven, Yusra Mardini ha continuato a rappresentare la squadra olimpica dei rifugiati a Rio nel 2016.

Sarah invece non ha mostrato molto interesse a intraprendere la carriera di nuotatrice. Seguendo il film e la realtà, Sarah ha preso la decisione di voler aiutare i rifugiati come lei che stavano morendo nella speranza di trovare una nuova vita.

Cosa succede dopo gli eventi del film?

Dopo gli eventi del film, Sarah si è iscritta al Bard College di Berlino e ha iniziato a fare volontariato per l’Emergency Response Center International, una ONG con sede a Lesbo.

Nel 2018, poi è stata arrestata dalle autorità greche e rinchiusa nel carcere di massima sicurezza di Koryallos con l’accusa di contrabbando illegale di persone per conto di un’organizzazione criminale. Il suo arresto ha persino suscitato critiche per la Grecia da parte di Amnesty International per aver criminalizzato il lavoro umanitario svolto da Sarah.

Un resoconto di tutto ciò che è rappresentato nel film Le nuotatrici di Sally El Hosaini porta alla conclusione che la maggior parte del film è stata basata su eventi della vita reale.

Alcuni adattamenti sono stati fatti per dar meglio voce agli orrir affrontati dai rifugiati. C’è da notare che tutte le modifiche sono state apportate con l’approvazione di Yusra.

In definitiva quanto visto nel film rispecchia la vera storia delle due nuotatrici.

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Medical Police Netflix cosa sappiamo sulla Stagione 2

playblog.it

Soy Georgina la serie Netflix su Georgina Rodríguez influencer e compagna di Cristiano Ronaldo

playblog.it

Coinquilini impossibili – Miniserie disponibile da oggi su Netflix

playblog.it

Lascia un commento