Tecnologia

Le ricadute di Musk continuano mentre il CEO di Twitter Parag Agrawal licenzia i dirigenti

Elon Musk, maggiore azionista di Twitter, chiede se gli utenti desiderano un pulsante di modifica

Twitter ha licenziato due dei suoi massimi dirigenti sulla scia delle polemiche in corso sull’acquisizione pianificata dell’azienda da parte di Elon Musk.

Giovedì, il direttore generale di Twitter Kayvon Beykpour ha annunciato che avrebbe lasciato l’azienda dopo sette anni, affermando che il CEO Parag Agrawal “mi ha chiesto di andarmene dopo avermi fatto sapere che vuole portare la squadra in una direzione diversa”.

“Spero e mi aspetto che i giorni migliori di Twitter siano ancora davanti a sé… con la giusta cura e gestione, l’impatto non potrà che crescere”, ha aggiunto Beykpour.

Inoltre, anche Bruce Falck, responsabile delle entrate e dei prodotti di Twitter, è stato licenziato. Allo stesso modo, Falck ha risposto tramite Twitter dove ha ringraziato i suoi ex colleghi e ha aggiunto che “non vede l’ora” di vedere cosa costruisce l’azienda.

Giovedì Agarwal ha affrontato le mosse in una serie di tweet , in cui ha tentato di affrontare la questione del perché un “CEO zoppo farebbe questi cambiamenti” se la società è sul punto di essere acquisita da Musk.

“Anche se mi aspetto che l’accordo si concluda, dobbiamo essere preparati per tutti gli scenari e fare sempre ciò che è giusto per Twitter. Sono responsabile della guida e della gestione di Twitter e il nostro compito è costruire un Twitter più forte ogni giorno”, ha affermato Agrawal .

“Indipendentemente dalla futura proprietà dell’azienda, stiamo migliorando Twitter come prodotto e attività per clienti, partner, azionisti e tutti voi”.

Nel frattempo Musk ha allertato i suoi follower domenica con la notizia che “La parte legale di Twitter ha appena chiamato per lamentarsi di aver violato il loro NDA rivelando che la dimensione del campione del controllo dei bot! Questo è successo davvero”.

Musk, in un tweet, si era precedentemente collegato a una storia di Reuters in cui si affermava che Twitter stimava che gli account falsi o spam costituissero meno del 5% dei suoi utenti attivi giornalieri monetizzabili durante il primo trimestre.

Il miliardario ha proseguito osservando che l’accordo su Twitter era “temporaneamente sospeso in attesa di dettagli a supporto del calcolo che gli account spam/falsi rappresentano effettivamente meno del 5% degli utenti”, prima di affermare in un tweet di follow-up che era ancora impegnato a l’acquisizione.

Musk ha quindi annunciato come il suo team avrebbe valutato la stima, sostenendo che avrebbero compilato un “campione casuale di 100 follower” prima di invitare gli altri “a ripetere lo stesso processo e vedere cosa scoprono”.

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Aggiornamento Windows consente di rispondere alle chiamate Android su un PC

La terza stagione di In the Dark, in prima visione su rai4

playblog.it

Semantic Machines per rendere l’intelligenza artificiale più umana

Lascia un commento