Tecnologia

Libra: perché Mark Zuckerberg vuole lanciare la sua criptovaluta?

facebook libra criptovaluta moneta virtuale

Perché Mark Zuckerberg vuole lanciare Libra la sua criptovaluta per competere con i bitcoin?

Facebook sta ancora riflettendo sull’avvio della propria criptovaluta, con l’obiettivo di lanciarla il prossimo anno, secondo un rapporto.

Ma come ha gestito il gigante dei social media la questione relativa alla criptovaluta Libra fino ad ora e perché vuole così tanto farla?

Nel gennaio 2018, Facebook ha annunciato che ci sarebbe stato il divieto generale di fare annunci sul bitcoin. Era una posizione forte contro il non regolamentato, cosiddetto mondo selvaggio-occidentale della criptovaluta, e alcuni temevano che fosse un tentativo di mettere a tacere lo spazio nascente.

Ma segretamente, il social network stava pianificando la propria versione della valuta virtuale.

Meno di un anno dopo la revoca del divieto, sono emersi dettagli su come potrebbe apparire questa criptovaluta. GlobalCoin, come viene chiamato, potrebbe essere in procinto di rovesciare l’intero settore dei pagamenti.

Perché Mark Zuckerberg vuole portare avanti la criptovaluta Libra? Come funzionerà?

Il social network, utilizzato da oltre due miliardi di persone in tutto il mondo, ha chiesto consulenza alla Banca d’Inghilterra e al Ministero del Tesoro USA su come la valuta virtuale potrebbe integrarsi con i sistemi di pagamento esistenti.

Il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha persino consultato i vecchi rivali Cameron e Tyler Winklevoss, 15 anni dopo che i gemelli lo avevano denunciato per presunto furto dell’idea per il social network.

Le voci sulla nuova criptovaluta hanno iniziato a circolare non molto tempo dopo l’annuncio del divieto. Alcune testate giornalistiche americane lo ha segnalato per la prima volta a maggio 2018, anche se il gigante della tecnologia è rimasto segreto sui suoi piani.

Facebook ha rifiutato di commentare le ultime rivelazioni che provengono da un rapporto della BBC. Anche se in precedenza la stessa Facebook ha affermato di essere interessato alla tecnologia di base del bitcoin e di altre criptovalute.

“Come molte altre aziende, Facebook sta esplorando i modi per sfruttare il potere della tecnologia blockchain”, ha dichiarato l’azienda a The Independent a dicembre. “Questo nuovo piccolo team sta esplorando diverse applicazioni.”

Come funzionà Libra o GlobalCoin?

Sembra che il valore di GlobalCoin sarà ancorato a una manciata di valute consolidate, come il dollaro USA e l’euro, al fine di evitare i problemi di volatilità dei prezzi che continuano ad affliggere il bitcoin.

Non è chiaro se la criptovaluta di Facebook sarà decentralizzata come bitcoin. Gli esperti del settore si sono chiesti se il social network avrebbe lanciato una valuta digitale che era fuori dal suo controllo.

Nonostante i sostenitori considerassero il decentramento un principio chiave della criptovaluta, questo non sembra ancora essere certo.

Mark Zuckerberg però sembra non avere ancora un’idea chiara di come implementarlo. Su questo aspetto Facebook è stata ostacolata dalle banche centrali, per la paura che andasse oltre a quanto previsto dalle norme.

L’idea delle criptovalute vs Facebook

“Le criptovalute sono aperte, decentralizzate, resistenti alla censura e senza confini: questo è completamente antitetico all’attuale modello di business delle grandi aziende tecnologiche, i cui giardini recintati significano che essenzialmente possiedono i loro clienti.”

Non è chiaro infatti come Facebook ne potrebbe trarre vantaggio se realizzasse una criptovaluta aperta e decentralizzata. Infatti va detto che la società sta pianificando una fusione delle sue altre piattaforme di social media, che includono Instagram e WhatsApp.

Questo significa che Libra potrebbe essere trasferita tra una varietà di app. Sia la fusione che il lancio della criptovaluta ora sono incerti ma il 2021 potrebbe essere l’anno in cui se ne saprà di più.

Anche le app di messaggistica rivali stavano lavorando sulle proprie criptovalute. Ma ad esempio Telegram che doveva lanciare la sua cosiddetta criptovaluta GRAM entro la fine dell’anno, ha abbandonato il progetto.

Facebook e la competizione con la Cina

Una spiegazione del perché Facebook sente il bisogno di avere una propria valuta si trova in un paese in cui Facebook e le sue varie app non sono nemmeno ammesse: la Cina.

Per competere su scala globale con i social network e le app di messaggistica che si stanno diffondendo dalla Cina, la sua stessa forma di valuta potrebbe dare a Facebook il sopravvento.

L’avvocato aziendale ed esperto di fintech Tim Bird, che ha lavorato a stretto contatto con Facebook in passato, ha affermato di ritenere che GlobalCoin avrebbe dato a Facebook una nuova presa sui ricavi pubblicitari grazie alle enormi quantità di dati che poteva generare.

“Da quando ho trascorso una giornata a lavorare nel quartier generale di Facebook a Menlo Park, in California, tre anni fa, è stato evidente che sentono il bisogno di sfidare la Cina”, ha detto Bird a The Independent.

“Per fare questo, Facebook ha bisogno di una propria piattaforma di pagamento o di valuta”. Però ora visto i vari limiti della Regolamentazione, le cose non saranno di certo facili per Facebook.

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

Scarica la nostra App

app per iphone ios App Netflix news app per android

POST CORRELATI

Intel Xeon Gold U-series per combattere Epyc P-series

Windows 10 ottiene una nuova funzionalità per risparmiare la batteria dei laptop

playblog.it

WhatsApp: Ora puoi inviare adesivi ai tuoi amici

Lascia un commento