Netflix News

Lost in Space di Netflix: come modernizzare una serie anni ’60 con gli effetti speciali

lost in space effetti speciali

Lost in Space di Netflix: come modernizzare una serie anni ’60 con gli effetti speciali visivi. In occasione dell’imminente uscita della seconda stagione di Lost in Space, il team che ha lavorato agli effetti speciali ha raccontato un po’ la sfida che hanno dovuto compiere per portare una serie tv anni ’60 modernizzandola senza snaturare l’essenza della storia passata.

Questa sfida è stata vinta grazie al team che ha lavorato sugli effetti speciali. la seconda stagione di Lost in Space torna a Natale 2019.

Non è un’impresa facile aggiornare un film o una serie TV del passato per un pubblico moderno, soprattutto quando il franchise ha avuto successo già la prima volta.

Trovare l’equilibrio tra onorare l’originale e far sembrare moderna la nuova interpretazione è una sfida difficile. Questo era uno dei dilemmi quando si è discusso del riavvio di Lost in Space in streaming ora su Netflix.

Netflix ha apprezzato il fatto che la serie si basasse sull’amata saga di fantascienza degli anni ’60 e il fatto che in questa edizione la reinventasse per essere attuale.

La storia si basa sempre sulla famiglia Robinson, l’iconico compagno robot di Will e l’immaginario, e i vari mondi alieni che incontrano lungo la strada.

È grazie al potere e alla notevole malleabilità degli effetti visivi che una serie così familiare come Lost in Space può tornare in vita oggi. E i creatori possono reinventare con successo concetti e storie di 50 anni per l’era moderna.

Partire dal successo di Lost in Space

Siamo rimasti entusiasti di realizzare lo show. Sapevamo che avremmo lavorato per una serie con cui i nostri genitori erano cresciuti e che avrebbero ricordato con affetto. Ho anche adorato il fatto che Lost in Space sia uno spettacolo per famiglie; Gli spettacoli carichi di VFX sono spesso rivolti a un pubblico più anziano e possono avere varie scene di violenza. Ma come lo spettacolo originale, Lost in Space porta gli spettatori in nuovi mondi abbaglianti e incontri con alieni colorati e unici, ma non perde il suo cuore – o gli spettatori più giovani – lungo la strada.

il team degli effetti speciali della serie Lost in Space

Certo, la serie originale è di mezzo secolo fa, ma se ci sono idee forti, queste possono essere rimodellate e aggiornate. Ed era ovvio che Lost in Space aveva una premessa di successo da cui partire.

Trovare l’equilibrio tra onorare l’originale e far sembrare moderna la nuova interpretazione è una sfida difficile.
 
“Tuttavia, sapevamo che sarebbe stata una sfida affrontare l’aggiornamento del materiale sorgente non solo per i fan esistenti, ma anche per una nuova generazione di spettatori. Le aspettative sono naturalmente accresciute e stiamo lavorando contro i ricordi positivi dei fan che hanno potenzialmente amato la serie per decenni. Avevamo bisogno di rispettarli, ma anche di trovare modi nuovi per far sembrare lo spettacolo attuale.”

“Se la serie fosse sembrata una ricostruzione, allora avrebbe significato che avremmo fallito nella nostra missione. Ma grazie anche alla collaborazione con il team Image Engine siamo riusciti a trovare un nuovo modo di raccontare la storia.”

Reinventare il robot di Lost in Space grazie agli effetti speciali

Il famoso robot di Lost in Space ha visto una completa trasformazione per la nuova serie. Il robot originale rifletteva l’estetica del design e le capacità tecnologiche della sua epoca, ma il personaggio goffo e lento non avrebbe avuto lo stesso tipo di impatto ora.

Oggi, con l’immenso muscolo e la flessibilità dell’arte degli effetti visivi, non siamo limitati dai limiti degli aspetti pratici.

I produttori volevano un robot molto più dinamico, uno che trasformasse e diventasse qualcosa a cui gli umani potevano più facilmente relazionarsi, anche con un tocco alieno.

Il mandato del team degli effetti speciali era quello di creare quella connessione e dinamismo attraverso l’animazione e l’illuminazione. Il nuovo modello di robot costruito da Rhythm & Hues è stato preso come spunto per poi dargli nuova vita.

Il robot doveva essere in grado di trasmettere una vasta gamma di emozioni, da minacciose e arrabbiate all’inizio alla successiva caduta in una modalità più neutrale, oltre a mostrare come appare quando un robot umanoide lotta per la sua vita e sta perdendo energia.

Gli artisti si sono divertiti a sperimentare. Oggi con la flessibilità dell’arte degli effetti visivi, non ci sono più i limiti degli aspetti pratici.
 
Per il primo episodio, in una scena in cui il robot lotta in mezzo a un vasto incendio e sta perdendo energia, il team ha studiato i filmati di riferimento sull’esaurimento umano: movimento laborioso, mani tremanti, ecc.

L’obiettivo comunque era quello di ispirare gli artisti e aiutare il pubblico a stabilire una connessione con il personaggio. Il nuovo robot di Lost in Space potrebbe non assomigliare molto al robot dello show originale.

Gli ambienti di Lost in Space

Anche creare gli ambienti di Lost in Space è stata una sfida unica, ed è una sfida al potenziale artistico per gli effetti speciali visivi. Negli anni ’60, la serie è stata girata su fondali dipinti, il che ha permesso ai Robinson di esplorare diversi tipi di ambienti alieni, e gli spettatori sono rimasti conquistati.

I tempi e le aspettative sono però cambiate. Ma oggi la tecnologia ci consente di mantenere quella sensazione magica e credibile, anche se a un livello completamente nuovo.

Quando lavoriamo sui fondali adesso, iniziamo con qualcosa di reale: filmati reali ripresi di terreni del mondo reale. Nel caso di Lost in Space, l’ambiente nativo era quello di Vancouver. Vancouver è un ambiente molto stimolante perché offre delle bellezze naturali che permettono di giocare e di portarle nello show.

Ovviamente quello è solo il punto di partenza. Grazie agli effetti è possibile trasformare quello che è essenzialmente un cortile in un mondo alieno credibile. Inoltre è possibile ricreare quel realismo fotografico che aiuta a radicare l’ambientazione in questo giorno e momento.

Mentre alcuni film d’azione e serie tv preferiscono l’iperrealismo, In Lost in Space si cerca di mantenere quell’equilibrio del terreno realistico anche se in posti alieni.

In Lost in Space l’impegno sembra aver dato i suoi frutti e la serie nonostante l’ammodernamento è riuscita a preservare la storia e l’essenza della serie anni ’60. La serie è riuscita ad ottenere l’apprezzamento del pubblico ed è stata rinnovata per una stagione 2 in arrivo a Natale in streaming su Netflix.

Playblog.it

Apple        Android        Tecnologia        Game        Netflix        Prime Video        Offerte

Seguici su FacebookTwitterPinterest
Seguici su Telegram: Netflix, Offerte Amazon Prime, Prime Video

Related posts

Guarda Seth Meyers: Lobby Baby su Netflix

Leonardo Playblog.it

Bonding Netflix: la nuova serie sulla dominatrice Tiff

Alessio PlayBlog.it

Stranger Things 3: la lista degli episodi e nuove ipotesi

Alessio PlayBlog.it

Lascia un commento