Netflix Netflix Documentari

Maradona in Messico: la serie documentario su Netflix

maradona in messico mexico netflix

Maradona in Messico (Mexico) è la serie documentario in arrivo su Netflix che vede Diego Armando Maradona alla guida dei Dorados a Culiacán, in Messico.

Dopo la sua esperienza nel recente documentario della HBO, Diego Maradona torna con un documentario su Netflix. Diego Maradona guida i Dorados a Culiacán, in Messico, proprio nel cuore del territorio del cartello di Sinaloa, in questa docuserie in uscita su Netflix.

La serie Maradona in Messico arriva il 13 novembre su Netflix con la stagione 1

Trailer ufficiale del docufilm Netflix Maradona in Messico (Mexico)

I Dorados sono una squadra di calcio a Culiacán, in Messico, proprio nel cuore del territorio del cartello di Sinaloa – un sindacato criminale internazionale.

Maradona ha allenato la squadra da settembre 2018 a giugno all’inizio di quest’anno, dopo di che si è dimesso per motivi di salute.

Probabilmente il più grande giocatore di calcio, Diego Maradona, viene a Culiacán, il cuore del cartello di Sinaloa, per salvare la squadra locale, e forse anche se stesso.

Diego Maradona ha guidato i Dorados a due finali consecutive del campionato durante le due stagioni in cui era al comando. Prima che Maradona iniziasse a lavorare con la squadra, i Dorados erano stati in fondo alla classifica della serie per due anni consecutivi. Entrambe le volte, i Dorados hanno perso con la squadra dell’Atletico San Luis.

All’inizio di quest’anno, Maradona ha annunciato attraverso il suo avvocato che si sarebbe dimesso da allenatore, citando motivi di salute. Secondo il suo avvocato, Maradona dovrà fare un intervento chirurgico alla spalla e al ginocchio.

Il suo ritorno a Sinaloa era stato ritardato all’inizio di quest’anno, a causa delle complicazioni derivanti dal sanguinamento interno.

Diego Armando Maradona a Culiacan in Messico

Diego Armando Maradona è ampiamente considerato come uno dei più grandi giocatori di calcio di tutti i tempi. È stato uno dei due vincitori congiunti del premio Giocatori FIFA del 20° secolo.

La decisione di mettersi in gioco e allenare una squadra di calcio è stata una sfida personale e una sfida anche per la città di Culiacan.

Culiacan, Sinaloa, Messico – la casa di Diego da quando ha assunto la direzione di Dorados a settembre – era sinonimo di narcos e cartelli internazionali della droga. La comunità di intelligence degli Stati Uniti considera il cartello Sinaloa, di cui Joaquin “El Chapo” Guzman era il leader, come la più potente organizzazione di traffico di droga del pianeta.

Questo è un luogo dove pochi turisti osano andare. Culiacan è una città di 785.000 abitanti. Quasi ogni menzione di Sinaloa, lo stato di cui Culiacan è la capitale, si riferisce al crimine. Ad aprile, gli Stati Uniti hanno imposto il loro livello più alto di quattro avvisi “Non viaggiare” su Sinaloa a causa del pericolo per i visitatori.

Dorados ha chiuso la stagione con forza per raggiungere i play-off, battendo il Cimarrones de Sonora 3-0 sul totale nei quarti di finale. Dopo di questa, un’altra partita contro i Mineros de Zacatecas 5-1 per arrivare in semifinale.

Il presidente Dorados ha detto di conoscere Diego Maradona

“Il Messico è enorme e ogni partita richiede un volo, quindi passiamo molto tempo insieme. La partita più vicina in pullman sarebbe di nove ore di distanza.”

“La gente dice che Maradona è pazzo, ma mentre è tutt’altro che rilassato alla fine delle partite, lo abbiamo visto arrabbiarsi solo una volta. Era a metà tempo contro Hermosillo – era 0-0 e ha gridato: “Non è la mia squadra.” Era furioso, ma abbiamo vinto 2-0 “.

Maradona ha minacciato di smettere un mese fa, suggerendo che gli arbitri non hanno trattato la sua squadra equamente perché era al comando. Diego è stato anche multato dopo aver dedicato una vittoria al presidente venezuelano Nicolas Maduro, e ha anche criticato Donald Trump.

I Dorados giocano nell’Ascenso MX a 15 squadre, il secondo livello del Messico. Il salario annuale è di $ 4 milioni. Club America, la più grande squadra del Messico, spende circa $ 80 milioni.

In una recente intervista a Diego Armando Maradona in Messico

“Il Manchester United è stata la mia squadra inglese preferita per così tanto tempo”, afferma Maradona. “Così tanti grandi giocatori e una grande squadra sotto Alex Ferguson. Ma ora devo dire Man City. So che non dovresti cambiare così, ma è a causa di Kun [Aguero]. Parliamo molto e gioca in un’ottima squadra. La sua squadra è atletica ma usano ancora la palla in modo intelligente.

“Il calcio dovrebbe essere tutto incentrato sulla palla. A volte mi sento frustrato quando guardo il calcio inglese. Mi piace ma può essere troppo atletico – troppa potenza e troppa poca bellezza. ”

Chissà come Netflix avrà rappresentato la sfida personale di Maradona in Mexico, come il Messico l’ha accolto..

Guarda subito la docuserie in streaming su Netflix

Playblog.it

Apple        Android        Tecnologia        Game        Netflix        Prime Video        Offerte

Seguici su FacebookTwitterPinterest
Seguici su Telegram: Netflix, Offerte Amazon Prime, Prime Video

Related posts

2006: On Top of the Word – Serie TV- Netflix

Da oggi sarà possibile vedere Revolutionary Road su Netflix

Leonardo Playblog.it

Raising Dion: la nuova serie di supereroi di Netflix

Alessio PlayBlog.it

Lascia un commento