Tecnologia

Meta riscrive la politica sulla privacy e afferma che non raccoglierà dati in “nuovi modi”

Meta riscrive la politica sulla privacy e afferma che non raccoglierà dati in "nuovi modi"

La vecchia Informativa sui dati di Facebook è ora l’Informativa sulla privacy di Meta , riscritta “per rendere più facile la comprensione e riflettere gli ultimi prodotti che offrono”. Come accade occasionalmente, la società precedentemente nota come Facebook ha prodotto una nuova revisione dei suoi Termini di servizio e aggiornato la sua politica sulla privacy.

Con questa revisione, Meta “non sta raccogliendo, utilizzando o condividendo i tuoi dati in nuovi modi sulla base di questo aggiornamento della politica e non vendiamo ancora le tue informazioni”, secondo la società. Invece, questo aggiornamento modifica la lingua e aggiunge esempi per aiutare le persone a capire di cosa tratta ogni segmento.

“LO STATUS QUO NON FA BENE ALLA PRIVACY”

Dopo aver letto la nuova politica e confrontandola con quella vecchia, questo sembra reggere, nel bene e nel male. John Davisson, il consulente legale per l’Electronic Privacy Information Center , ha dichiarato in un commento a The Verge che la promessa che questa politica non condividerà i dati in modi nuovi suona bene, ma “il problema è che Facebook incanala già i dati degli utenti a livello industriale scalare in un vasto ecosistema pubblicitario mirato. Quindi lo status quo non fa bene alla privacy”.

Meta ha fatto proposte per rendere le sue politiche più semplici e facili da leggere più di una volta negli ultimi anni (nel 2014 e nel 2018 , per esempio), e questo layout potrebbe fare il miglior lavoro finora, ma per quanto aiuta le persone capiscono cosa stanno accettando: potrebbe aiutare Meta di più. Includere esempi aiuta a prevenire i tipi di incomprensioni e interpretazioni errate delle regole, come l’incidente con l’aggiornamento dei termini di servizio di Instagram nel 2012 , quando le persone pensavano che il servizio avrebbe improvvisamente iniziato a vendere le foto di tutti.

L’attuale politica sui dati di Facebook

La nuova politica si applica a Facebook, Instagram, Messenger e altri prodotti Meta,
ma non ai dispositivi WhatsApp, Workplace, Messenger Kids o Quest utilizzati senza
un account Facebook (questi hanno le proprie politiche sulla privacy).

Meta sta anche lanciando nuovi controlli del pubblico su Facebook che cambiano chi potrebbe vedere i post che pubblichi.

Lo strumento utilizzato per impostazione predefinita sull’impostazione del pubblico utilizzata
più di recente, che fosse Pubblico, Amici (+ amici di chiunque sia stato taggato), Solo io
o una selezione personalizzata di persone a cui mostrare il post o da cui nasconderlo.

Ora, qualunque sia la tua selezione predefinita nelle tue impostazioni sarà inizialmente presente
per ogni nuovo post che fai, anche se hai usato qualcos’altro su quello precedente.

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Microsoft testa la modalità protetta Super-Duper per Edge

Leonardo Playblog.it

Instagram punta sui contenuti video e sfida Youtube

Notizie sulla funzione Elettrocardiogramma di Samsung Galaxy Watch Active 2?

Lascia un commento