Molte app VPN sull’App Store di Apple non possono essere ritenute attendibili

Apple deve esaminare la sicurezza e la privacy VPN sull’App Store.

Apple sta finalmente esaminando la privacy e la sicurezza delle app VPN gratuite rese disponibili su tutte le sue piattaforme.

Image result for vpn apple

Chi possiede il tuo servizio VPN?

Un ricercatore ha segnalato diverse preoccupazioni che dovrebbero davvero essere riconosciute da chiunque scelga un servizio VPN da Apple e dagli App Store di Google:

Proprietà : quasi il 60 percento delle app VPN più popolari sono in realtà di proprietà (a volte opache) di società cinesi.
Privacy: il ricercatore ha anche scoperto che fino al 77% di queste app VPN potrebbe avere quelli che definisce “gravi difetti di privacy”, tra cui nessuna politica sulla privacy, politiche generiche senza menzione di VPN o nessuna politica di registrazione dettagliata.
Protezione dei dati : Apple non sta applicando il suo divieto di condivisione dei dati di terze parti contro le app VPN, con l’80% delle migliori app VPN gratuite “in violazione delle regole”, ha detto. Molti condividono dati con terze parti, afferma.
Quest’ultima accusa è particolarmente preoccupante.

Image result for vpn

La VPN è diventata una trappola?
Pensa alla natura dei servizi VPN: mentre rendono molto più difficile l’accesso / il monitoraggio del traffico del tuo sito Web da parte di terzi mentre li utilizzi, lo fanno indirizzando il traffico tramite i propri server.

Va bene quando il tuo traffico viene mantenuto in uno spazio privato, ma molto meno quando le informazioni su ciò che stai facendo online vengono vendute a terzi senza alcuna supervisione.

Image result for vpn apple

Questi potrebbero essere aggregatori di dati, hacker o peggio.

Dato che chiunque utilizzi un servizio VPN è in grado di premiare la privacy e potenzialmente cerca di proteggere i segreti commerciali o altri importanti dati riservati, i punti deboli nella fornitura di sicurezza sono una grande preoccupazione.

Il tuo fornitore di servizi VPN ha una buona visione di ciò che fai.

Nel suo rapporto, ha accusato sia Apple che Google di non aver fatto abbastanza per proteggere gli utenti da servizi VPN di seconda categoria.

Apple e Google sono stati informati
“Abbiamo comunicato ad Apple e Google i nostri risultati aggiornati e formalmente richiesto di affrontare i rischi per la privacy identificati”

“Per semplificare il più possibile la risoluzione dei problemi, abbiamo fornito elenchi dettagliati delle app che richiedevano la loro attenzione in quanto rappresentavano ancora un rischio per gli utenti, insieme a raccomandazioni sulle misure correttive da adottare.”

Image result for vpn

Spiega che ora Apple sta esaminando le sue affermazioni, sebbene non sia stata ancora intrapresa alcuna azione.

Ciò segue la decisione di Apple all’inizio di giugno di riconoscere che le app VPN richiedono una regolamentazione più rigorosa rispetto ad altre app.

Apple ha anche vietato a tali app di condividere dati con terze parti, anche se non ha ancora iniziato a far rispettare questa politica, afferma il ricercatore.

Image result for vpn

“Tuttavia, a meno che Apple non intervenga per far rispettare queste nuove regole e scaricare app non conformi dal suo App Store, allora sta semplicemente pagando un servizio labiale alla privacy”, ha affermato.

Nel frattempo, Apple ha assunto un impegno di alto livello nel proteggere la privacy degli utenti e recentemente si è mossa per sospendere i controlli umani sulle conversazioni di Siri .

Centinaia di milioni di dati vengono trasferiti con le VPN sull’App Store


Ciò che lo rende ancora più preoccupante è che quelle app che ha identificato come non sicure sono responsabili di oltre 210 milioni di download su Google Play.

Allo stesso modo, vengono scaricati 3,8 milioni di volte al mese tramite l’App Store di Apple, afferma.

In tutto il mondo, gli utenti di Internet si stanno svegliando alla necessità di proteggere la propria privacy.

Image result for vpn

La protezione della privacy e della sicurezza stanno diventando baluardi essenziali contro ogni tipo di minaccia informatica.

Ciò significa che ha certamente un business case per giustificare l’esposizione di un servizio debole o insicuro, ma può anche significare che i suoi reclami devono essere contestati.

Da parte sua, il ricercatore afferma di non essere coinvolto nella parte commerciale della sua azienda e di non essere coinvolto nelle raccomandazioni che la compagnia formula.

Fortunatamente, se Apple agisce effettivamente su tali affermazioni, le sue affermazioni saranno presto contestate e (se lo riterranno opportuno) ogni utente ne trarrà vantaggio.

Image result for vpn

Come scegliere un servizio VPN sull’App Store

Ecco un piccolo consiglio sulla scelta di una VPN.

  • Controlla sempre le informazioni su un’azienda – è in buona fede?
  • Hanno indirizzi reali, numeri di telefono e persone?
  • Hanno una politica sulla privacy che spiega le loro politiche di registrazione e conservazione dei dati?
  • Proteggono dall’uso improprio dei dati? Ad esempio, potrebbero eliminare tutti i log del server in tempo reale.
  • Forniscono assistenza clienti?
  • I prodotti e la privacy supportati dagli annunci non sono necessariamente compatibili con VPN.
  • “Se fossi pressato per raccomandare una VPN gratuita, sarebbe un gioco da ragazzi tra TunnelBear e Windscribe mentre operano sul modello freemium, il che significa che non hanno bisogno di eseguire tracker di annunci invasivi e avere entrate per finanziare una rete sicura “.

Avanti il ​​prossimo?
Spero che Apple esaminerà queste affermazioni.

Apple        Android        Tecnologia        Game        Netflix

Seguici su Facebook


Leave A Reply

Navigate