Tecnologia

Perché Microsoft ha venduto Slack a Salesforce

Perché Microsoft ha venduto Slack a Salesforce

La vita di Slack come un beniamino della Silicon Valley si è concluso il 2 novembre 2016. Questo è quando l’avvio di comunicazione upstart pubblicato una lettera aperta a Microsoft nel The New York Times, che offre la tecnologia gigante un insincero “benvenuto” al mondo del software sul posto di lavoro di chat.

L’occasione è stata il lancio da parte di Microsoft di Teams, un clone di Slack che sarebbe stato fornito in bundle con la famosa suite di prodotti Office 365 dell’azienda.

Nella sua lettera, Slack ha avvertito Microsoft che “Slack è qui per restare”, aggiungendo: “Siamo solo all’inizio”. Ma i 4 milioni di utenti che aveva in quel momento sarebbero aumentati a soli 12 milioni quattro anni dopo, mentre Microsoft – che ha aggiunto Teams al suo bundle 365 senza aumentare il prezzo – ha portato Teams da zero a 115 milioni di utenti .

Questa disparità aiuta a spiegare perché Slack si è venduto questa settimana a Salesforce. L’accordo, che valuta Slack a 27,7 miliardi di dollari su un fatturato di 833 milioni di dollari nell’ultimo anno, è stato ampiamente accolto con applausi.

Ma sembra anche la fine di un’era, in cui i lavoratori hanno acquisito nuovo potere per portare i propri strumenti in ufficio e decidere da soli come volevano portare a termine il lavoro.

Slack ha avuto successo inizialmente con piccoli team che volevano accelerare il proprio lavoro ed è stato spesso trascinato nelle organizzazioni grazie all’adozione anticipata.

Ma oggi, ondate di consolidamento lasciano alle persone meno scelte reali.

L’ascesa degli smartphone all’inizio degli anni 2010 ha portato con sé una nuova ondata di strumenti per la produttività sul posto di lavoro che hanno trasformato in carne e ossa tutto ciò che li aveva preceduti. Box e Dropbox hanno consentito di archiviare e condividere facilmente i file.

Evernote ha introdotto l’idea di prendere appunti onnipresente e sincronizzato con il cloud. Sunrise ha creato un calendario più social, mentre Mailbox e Acompli hanno reinventato la posta elettronica per il telefono cellulare.

Slack è entrato in punta di piedi nella conversazione a metà del decennio e quasi immediatamente è diventato lo strumento software aziendale in più rapida crescita di tutti i tempi.

Nel 2015, a soli 18 mesi dal lancio, Slack ha riferito di avere più di 1 milione di utenti giornalieri , una cifra allora inaudita nel software aziendale.

Aveva un grande retroscena – un ultimo perno di un videogioco fallito chiamato Glitch – e, in Stewart Butterfield, uno dei fondatori più affascinanti del mondo tecnologico.

Aveva anche un tono audace: avrebbe “ucciso la posta elettronica” – o, per lo meno, avrebbe ridotto la tua dipendenza da essa – e lo avrebbe fatto integrando centinaia di altri servizi nella chat di lavoro in tempo reale, creando una sorta della console di comando onnisciente per la tua organizzazione.

Eppure, se c’è una lezione degli ultimi quattro anni, è che la premura e la maestria hanno portato l’azienda solo a circa il 10 percento rispetto a Microsoft, incollando il design di base di Slack. Nella sua lettera aperta, Slack ha detto a Microsoft: “Devi farlo con amore”. Nel 2020, guardando le dimensioni di Slack, l’idea sembra ridicola. Cosa c’entra l’amore con questo?

Ma la lotta di Slack per avere successo come azienda indipendente rispecchia tristemente quella di molti innovatori di una volta nella produttività aziendale. Mailbox morì e Acompli vendette a Microsoft dove divenne l’app Outlook per dispositivi mobili. Evernote è una pallida ombra di se stesso. Di quella prima coorte, solo Box e Dropbox divennero – e rimangono ancora – società per azioni.

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

Scarica la nostra App

app per iphone ios App Netflix news app per android

Related posts

Guardare Netflix a lavoro? Netflix sta testando una nuova funzionalità

Alessio PlayBlog.it

EFF Organizzazione che difende la privacy digitale scrive a Mark Zuckerberg

VR con HTC Vive: la nuova realtà virtuale

Lascia un commento