Tecnologia

Realme 8i: porta i 120 Hz alla portata di tutti

realme 8i

Realme 8i: porta i 120 Hz alla portata di tutti, tutte le caratteristiche, i punti di forza e i punti deboli del nuovo smartphone con un prezzo di partenza a meno di 200 Euro.

Primo smartphone ad offrire uno schermo a 120 Hz a meno di 200 euro, il Realme 8i prende le solide basi del Realme 8 ed è un ottimo tentativo del marchio cinese di inserirsi nel segmento entry-level.

In assenza di un Realme 9, l’entry level di Realme si amplia con uno smartphone in più nella persona del Realme 8i. Il telefono si aggiunge alla serie Realme 8 , Realme 8 5G e Realme 8 Pr .

Prima dell’annuncio dello Xiaomi Redmi Note 11 Pro e Pro+, è stato addirittura il primo ad offrire una tale frequenza di aggiornamento a questo prezzo.

Il suo numero di fotogrammi al secondo gli ha quindi permesso di attrarre i titoli dei giornali. Ma parte questo, la domanda è il Realme 8i è un buon smartphone entry-level, capace di comportarsi bene in un segmento molto conteso? Questo è ciò che cercheremo di analizzare in questo articolo.

Tutte le specifiche tecniche del Realme 8i

ModelloRealme 8i
Versione del sistema operativoAndroid 11
Interfaccia del produttoreInterfaccia utente di Realme
Grandezza schermo6,6 pollici
Definizione2412 x 1080 pixel
Densità di pixel366 ppi
TecnologiaLCD
SoCHelio G96
Chip grafico (GPU)Mali-G57 MC2
Memoria ad accesso casuale (RAM)4Gb, 6Gb
Memoria interna (flash)128Gb, 64Gb
Fotocamera (retro)Sensore 1: 50 Mpx
Sensore 2: 2 Mpx
Sensore 3: 2 Mpx
Fotocamera (anteriore)16 Mpx
Registrazione video1080p
WifiWi-Fi 5
Bluetooth5.0
5GNon
NFCNon
Sensore di impronte digitali
Porte (ingressi/uscite)USB di tipo C
Batterie5000 mAh
Dimensioni75,5 x 164,1 x 8,5 mm
Peso194 grammi
ColoriNero, Viola
Prezzo179 €

Partiamo dal Display

Non è necessario soffermarsi a lungo sullo schermo da 6,6 pollici di Realme 8i per rendersi conto che si tratta di un LCD. Il rapporto di contrasto e la profondità del colore non hanno paragoni con quello che conosciamo su uno schermo OLED.

Sono davvero caratteristiche che si possono avvertire nell’uso quotidiano. Se la qualità dello schermo è l’aspetto principale, forse è il caso di riflettere e optare per il Realme 8, che potrebbe essere più interessante.

Se effettivamente preferiamo una frequenza di aggiornamento a 120 Hz e le sue 6 diverse frequenze di aggiornamento (30 Hz, 48 Hz, 50 Hz, 60 Hz, 90 Hz e 120 Hz), invece il Realme 8i è la scelta giusta.

Tuttavia il vantaggio teorico che porta non è scontato: uno schermo OLED è in generale più piacevole di uno schermo LCD.

Se entriamo nel dettaglio del display, Realme spinge un po’ troppo i blu nelle sue impostazioni di base. La scala di contrasto di livello, è ovviamente lontana dagli infiniti contrasti di un OLED. Offre un rapporto di contrasto di 1141:1. La luminosità massima corrisponde a 425 cd/m². Anche per uno smartphone entry-level, andare sotto i 500 cd/m² non è una buona prestazione.

Quello che qui potrebbe sembrare l’aspetto più positivo del display (i 120hz) è compensato dallo schermo LCD e una luminosità e un contrasto non ottimi.

Il design del Realme 8i

Il Realme 8i fa un passo avanti nel design. Il Realme 8 e 8 Pro portavano entrambi le cicatrici di un ufficio marketing impazzito che ha fatto inserire lo slogan nel retro dello smartphone.

Il nuovo smartphone rinuncia alla scritta posteriore, ma offre una versione ultra riflettente “Space Violet”. Anche l’altro colore Space Black sembra altrettanto riflettente. Il che quindi comporta un fastidioso effetto delle ditate.

A parte questo dettaglio per uno smartphone venduto a partire da 200 euro, il rivestimento leggermente accattivante ha il merito di distinguersi dalla massa e di dare un po’ di personalità ad un design, se non proprio classico.

Il resto propone un classico per gli entry level: un blocco fotografico rettangolare, i bordi ben visibili. I pulsanti del volume si trovano sul bordo sinistro, insieme allo slot della SIM. Lo slot può ospitare fino a 2 schede nano e una microSD.

Il pulsante di accensione si trova sulla destra e ospita il sensore di impronte digitali come bonus, che funziona senza intoppi.

Infine, sul bordo inferiore, si nota la presenza della classica porta USB-C, una porta jack da 3,5 mm e l’unico speaker del telefono.

Il software

L’interfaccia di Realme è omonima, poiché si chiama Realme UI 2.0. In realtà, questa è un’interfaccia in esecuzione su Android 11 e simile in molti modi a ColorOS di Oppo.

L’interfaccia integra nativamente tantissimi sfondi. Si può regolare con precisione la dimensione e lo stile delle icone (fino alla dimensione dei nomi delle app), ma anche scegliere tra un’ampia scelta di animazioni quando si cambia pagina nella schermata principale.

Sono disponibili anche molti colori, oltre a simpatiche opzioni come scegliere se attivare o meno lo smartphone quando lo si solleva, premere due volte per bloccare lo smartphone, ecc.

Sono disponibili anche una modalità per i bambini molto facile da usare per proteggere i tuoi piccoli. Ci sono varie scorciatoie per fare screenshot, gesti sullo schermo spento, una modalità schermo diviso facile da avviare, un barra laterale delle scorciatoie senza fronzoli.

Insomma, la promessa di un’interfaccia ricca di opzioni e funzionalità è ben mantenuta ed è un grande punto di forza per questo smartphone, soprattutto al prezzo a cui viene negoziato.

Naturalmente, non tutto è perfetto in questa interfaccia. Si nota qualche mancanza di fluidità nell’esperienza generale e nelle animazioni.

La modalità a 120 Hz è un po’ nascosta in un sottomenu di un menu. Potrebbe essere interessante, visto che si tratta di un punto di forza del telefono, metterlo in evidenza.

Le foto

Il Realme 8i ha tre sensori, ma solo uno è realmente utilizzabile. Ha una fotocamera principale da 50 megapixel (f/1.8); un sensore da 2 megapixel (f/2.4) dedicato alle macro; e un altro sensore da 2 megapixel (f/2,4) per assistenza monocromatica.

C’è poi un sensore selfie da 16 megapixel che non è male.

Il rendering del sensore principale è corretto per un dispositivo di questo prezzo. I colori sono un po’ nitidi. Il sensore selfie manca anch’esso di nitidezza.

Dal punto di vista delle prestazioni, il Realme 8i sostituisce il Mediatek Helio G95 del Realme 8 con un Helio G96. Ci aspettiamo quindi un aumento delle prestazioni. Offre anche da 4 a 6 GB di RAM LPDDR4X e tra 64 e 128 GB di spazio di archiviazione UFS 2.

In uso, il Realme 8i risulta essere uno smartphone un po’ lento. Se vuoi davvero evitarlo o sei particolarmente sensibile alla velocità, potrebbe essere meglio cercare un modello leggermente più costoso.

La perdita di fluidità è comunque accettabile, e l’8i rimane un telefono che può essere utilizzato quotidianamente, purché non si sia troppo esigenti.

La batteria del Realme 8i

Un punto in cui il telefono eccelle è l’autonomia della batteria. Il telefono può arrivare anche a 2-3 giorni di utilizzo molto tranquillo (con 2 o 3 ore di utilizzo dello schermo).

Il telefono si ricarica con un piccolo che raggiunge i 18W e il caricabatterie è incluso nella confezione. Il Realme 8i inoltre incorpora un jack da 3,5 mm.

Il Realme 8i è uno smartphone 4G, con il Wi-Fi 5 e Bluetooth 5.1 ed è disponibile in due colori: Space Black e Space Violet. Vengono proposte due configurazioni a due prezzi: 4 GB di RAM e 64 GB di storage a 199 euro e 4 GB di RAM e 128 GB di storage a 219 euro.

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Il PC da gioco Aurora riprogettato di Alienware celebra 25 anni di gioco

playblog.it

Samsung Smart Home apre le porte al MediaWorld Tech Village di Milano

Samsung Galaxy Watch 3 vs Samsung Galaxy Watch 4: quale smartwatch comprare?

Alessio PlayBlog.it

Lascia un commento