Netflix News

Revival degli anni ’80 in Stranger Things 3

starcourt stranger things

Stranger Things stagione 3 è ambientata nel 1985 e i fratelli Duffers in questa stagione hanno omaggiato i propri fans con una sterminata sequenza di riferimenti ai mitici anni ’80. Un revival di marchi, brand, film e ispirazioni di vario tipo.

In questo articolo concludiamo l’elenco dei riferimenti agli anni ’80 di Stranger Things 3 con gli ultimi due episodi. Nei precedenti articoli vi abbiamo presentato i riferimenti dal primo episodio, vedi qui sotto:

Stranger Things stagione 3: tutti i riferimenti agli anni 80 – 1° parte

Tutti i riferimenti ai mitici anni ’80 di Stranger Things 3 – 2° parte

ATTENZIONE SPOILER STAGIONE 3!

La terza stagione è ambientata nel 1985 e questa stagione include molti cenni del decennio, oltre a vari film horror e fantascientifici che hanno influenzato gli elementi più mostruosi del Sottosopra.

“Capitolo sette: Il morso”

  • “Back to the Future” (1985) – Avere un cinema al centro commerciale dove si svolgono tutte le azioni è abbastanza utile soprattutto per vedere “Ritorno al futuro” (“Back to the Future”), che è stato rilasciato il giorno prima degli eventi dell’epico finale di questa stagione. Il Team Scoop Troopers si intrufola nella sala del cinema dopo essere fuggito dai russi nel luogo segreto del sottosuolo. Più tardi, Steve e Robin discuteranno di come sia assurdo che il personaggio di Lea Thompson voglia dormire con il personaggio di Michael J. Fox, senza rendersi conto che è suo figlio che viene dal futuro.
  • “Evil Dead” (1981) e “Evil Dead II” (1987) – Quando si parla di cabine remote e horror, i film di Sam Raimi con Bruce Campbell nei panni di Ash Williams sono dei classici. La storia ricorda il momento in cui la banda è intrappolata in cabina quando il Mind Flayer attacca. Jonathan si arma anche di un’ascia, che ricorda il film. Inoltre, tagliando uno degli arti di Flayer, questo striscia anche via, allo stesso modo della mano malvagia di Ash.
  • “The Thing” (1982) – Nel caso in cui i riferimenti non fossero abbastanza chiari, Lucas si deve confrontare con gli altri per il suo impopolare amore per la New Coke con il remake di “The Thing”. La scena è come “The Thing” di Carpenter”. La frase che viene detta è: “L’originale è un classico; nessuna domanda al riguardo. Ma il remake è più dolce, più audace, migliore. “
  • Marchi e Brand – La navata laterale dei cereali nel negozio in cui entrano i bambini mostra molti dei cereali a tempo limitato che sono stati predati dai giovani consumatori, come i cereali Pac Man (1983), Smurfberry Crunch (1983), Mr. T cereal (1984), i cereali Rainbow Brite (1985), GI Joe Action Stars (1985), Ghostbusters cereal (1985).
  • “Magnum P.I.” – Alla festa, l’operatore di giro dice a Hopper, “Non sulla tua vita, Magnum”. I suoi baffi evocano sicuramente l’aspetto di Tom Selleck, ma la sua camicia è più pastello delle audaci stampe hawaiane che il detective preferiva.
  • “D.A.R.Y.L.” (1985) – Appare sul tendone del teatro. Rilasciato il 14 giugno, il film parla di un robot AI creato dal governo che assomiglia a un bambino di 10 anni che viene rilasciato da uno scienziato gentile e viene catturato da una famiglia adottiva.
  • “Return to Oz” (1985) – Appare sul tendone del teatro. Rilasciato il 21 giugno, questo sequel live-action vede recitare Fairuza Balk nei panni di Dorothy, che fugge dal trattamento con elettroshock e viene spazzato via da un fiume e si sveglia a Oz con il suo pollo Billina.
  • “Cocoon” (1985) – Appare sul tendone del teatro. Rilasciato il 21 giugno, il film parla di residenti in case di riposo che vengono ringiovaniti attraverso una forza vitale aliena in una piscina.
  • “Fletch” (1985) – Appare sul tendone del teatro. Rilasciato il 31 maggio, il film presenta uno dei ruoli più iconici di Chevy Chase come reporter che viene assunto da un milionario per ucciderlo.
  • “The Stuff” (1985) – Appare sul tendone del teatro. Rilasciata il 14 giugno, questa satira horror di Larry Cohen parla di una sostanza dolce e cremosa come un gelato che non ha calorie ma crea dipendenza. In seguito viene rivelato che è un organismo parassitario che prende il controllo del cervello di una persona.
  • Hall of Mirrors trope – Grigori si confonde mentre insegue Hopper attraverso questa stanza del funhouse. Questa base di inseguimenti cinematografici aumenta la confusione poiché l’inseguitore spesso non sa cosa sia reale o meno. Non si svolge sempre nei parchi di divertimento (vedi: “Enter the Dragon”), ma spesso accade in film come “La signora di Shanghai”, “L’uomo con la pistola d’oro” e “L’ospite”.
  • “Gremlins” (1984) – Un Gremlin imbottito di giocattoli può essere visto tra i premi alla sagra.
  • “Dawn of the Dead” (1978) – Il secondo della serie “La notte dei morti viventi” di George A. Romero, questo si svolge in un centro commerciale dove si nascondono molti sopravvissuti. Non solo include anche macchine da esposizione al piano principale (come quella che Eleven lancia ai russi con i suoi poteri), ma Robin & Co. scivolano anche lungo la parete centrale della scala mobile, proprio come fanno nel film.

Revival degli anni ’80 in Stranger Things 3

“Capitolo otto: La battaglia di Starcourt”

  • “National Lampoon’s Vacation” (1983) – Dustin si riferisce al gruppo di Nancy come la famiglia Griswold perché stanno guidando in un vagone della stazione, proprio come i Griswolds hanno fatto in questa commedia di viaggi su strada.
  • “Il mago di Oz” (1939) – C’è un poster di questo film sul muro della camera da letto di Suzie (Gabriella Pizzolo).
  • “Jurassic Park” (1993) – Quando Max, Eleven e Mike si nascondono dietro uno schermo a The Gap, nascondendosi da Mind Flayer, questo echeggia quando il bambino si nasconde dai velociraptor in cucina.
  • “A Wizard of Earthsea” (1968) – Questa è la prima quadrologia terrestre dei romanzi fantasy di Ursula K. Le Guin. Considerato un classico della letteratura per bambini e in seguito abbracciato da un pubblico più vasto, il romanzo è un Bildungsroman su un mago di nome Ged che deve fare i conti con i suoi poteri, l’oscurità che scatena nel mondo e persino la morte. Il romanzo ha temi di antropologia culturale, femminismo e taoismo.
  • “The NeverEnding Story” (1984) – Basato sull’omonimo romanzo di Michael Ende, questo film fantasy della Germania occidentale racconta la storia del “topo” di biblioteca Bastian di 10 anni che sta leggendo un libro magico su un giovane guerriero Atreyu che deve fermare una forza oscura chiamata il Nulla dalla conquista di un mondo mistico. Dustin e Suzie duettano sull’omonima canzone del cantante pop inglese Limahl. Quando spinge il pugno in aria, imita la posa di Bastian mentre cavalca il drago fortunato Falkor.
  • “Superman III” (1983) – In “Superman III”, il programmatore di computer Gus (Richard Pryor) non può inserire entrambe le chiavi per avviare un computer. Improvvisa usando una guardia di sicurezza svenuta e un po ‘di corda. Qui, Joyce deve girare entrambe le chiavi usando una cintura come estensione per un braccio poiché Hopper è abbassato dal dispositivo.
  • “Ritorno al futuro” – La prima ripresa del telegiornale di “Cutting Edge” inizia sulla torre dell’orologio, un importante punto della trama del film sui viaggi nel tempo. Coincidenza? Probabilmente no.
  • Satanic Panic – Negli anni ’80, ci furono una serie di panici morali intorno agli abusi rituali satanici negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Qualsiasi cosa con immagini demoniache, che vanno da album heavy metal e Dungeons & Dragons, era considerata sospetta.
  • “The Apartment” (1960) – Uno dei tre film preferiti di Robin che cita per ottenere il lavoro nel negozio di video. Questo classico vincitore del miglior film di Billy Wilder interpreta Jack Lemmon come un ambizioso impiegato assicurativo che consente al management di alto livello di usare il suo appartamento per le loro relazioni extraconiugali.
  • “Hidden Fortress” (1958) – Uno dei tre film preferiti di Robin. È uno dei film di avventura più visivamente sbalorditivi di Akira Kurosawa con Toshiro Mifune. Questo film ha fortemente influenzato George Lucas quando stava concependo “Star Wars”.
  • “Children of Paradise” (1945) – Uno dei tre film preferiti di Robin. Realizzato da Marcel Carné durante l’occupazione tedesca della Francia durante la seconda guerra mondiale, questa è un’epopea in due parti che racconta la storia della cortigiana del XIX secolo Garance, che è amata da quattro uomini.
  • Video Store Movies – Il negozio di noleggio video era un luogo di lavoro popolare (basta chiedere a Quentin Tarantino), ma ci sono troppi film in questa scena per elencarli tutti. Ecco alcuni dei più in primo piano: “Firestarter”, “16 Candles”, “Scarface”, “The Outsiders”, “The Jerk”, “Private School”, “Vacation”, “Animal House”, “Return of lo Jedi “e” Ritorno al futuro “. Gli ultimi tre sono i preferiti di Steve.
  • “Family Ties” – Nel tentativo di descrivere “Back to the Future”, Steve si riferisce a Michael J. Fox come Alex P. Keaton, il suo personaggio della sitcom “Family Ties”, che risale al 1982-1989.
  • Phoebe Cates – Nel caso in cui gli spettatori arrivassero alla fine della serie senza sapere chi fosse Phoebe Cates o guardarla in su, Steve le cade un taglio di cartone dall’iconica scena del costume da bagno di “Fast Times at Ridgemont High”.

Apple        Android        Tecnologia        Game        Netflix

Seguici su Facebook


Related posts

Elite si rinnova per la stagione 3

Roberta PlayBlog.it

Drive arriva a tutta velocità su Netflix

Leonardo Playblog.it

Ingovernabile disponibile su Netlfix

Lascia un commento