Siri di Apple o Google Assistant? Il confronto

Uno studio di Microsoft suggerisce che la Siri di Apple è alla pari con Google Assistant per l’utilizzo in tutto il mondo, nonostante quest’ultima sia disponibile su una gamma più ampia di dispositivi.

Image result for Siri di Apple o Google Assistant

Entrambi gli assistenti vocali si sono classificati al 36% in un white paper basato su due sondaggi online. Il primo si è svolto da marzo a giugno 2018, considerando oltre 2000 risposte negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Canada, in Australia e in India. La seconda era solo negli Stati Uniti, ma ha toccato circa 5.000 persone nel febbraio 2019.

Amazon Alexa ha gestito il secondo posto nello studio al 25%, seguito dal 19% di Microsoft Cortana. Pochi diffusori supportano Cortana, ma l’assistente è integrato in qualsiasi cosa con Windows 10.

La predominanza di Siri e Google Assistant è dovuta alla loro presenza nativa sugli smartphone.

Alexa è il giocatore dominante nel mondo degli smartspeakers, ma ha un ingombro relativamente ridotto sui telefoni. Le persone in genere devono installare l’app Alexa da soli.

La privacy è la preoccupazione principale che la maggior parte delle persone ha con gli assistenti AI, ha osservato Microsoft. In cifre sovrapposte, il 52% degli intervistati ha dichiarato di ritenere i propri dati personali insicuri. Il 41% è preoccupato che i diffusori ascoltino e registrino attivamente. Il 36% ha dichiarato di non volere utilizzare dati personali e il 31% ritiene che le proprie informazioni non vengano mantenute private.

Apple ha tenuto la privacy come punto chiave di vendita dei suoi dispositivi, incluso l’HomePod. Il prodotto ha gestito solo l’ 1,6 per cento del mercato mondiale dei smartspeaker nel trimestre di dicembre, tuttavia, probabilmente trattenuto dal suo prezzo. Fino a questo mese un singolo HomePod costava $ 349 da Apple, ed è ancora $ 299 – che si confronta con $ 49 punti d’ingresso per Amazon e Google. Un modello di HomePod a basso costo che si dice deve ancora emergere.

Apple        Android        Tecnologia        Game        Netflix

Seguici su Facebook

Lascia un commento

Navigate