Netflix News

The Sandman episodio 11: la spiegazione del finale

the sandman episodio 11 calliope finale

La spiegazione del finale dell’episodio 11 della serie Netflix The Sandman: lo showrunner Allan Heinberg rivela interessanti dettagli sulla conclusione dell’episodio bonus.

Lo showrunner Allan Heinberg ha rivelato in un’intervista che cosa succede a Calliope e cos’è un tricobezoario.

L’episodio bonus di  The Sandman porta sullo schermo altre due storie del fumetto di Neil Gaiman: “A Dream of a Thousand Cats” e “Calliope”.

“Calliope” è la storia finale della Stagione 1 e forse la più inquietante. Attenzione seguono spoiler importanti sul finale.

La storia ruota attorno alla musa greca Calliope (interpretata da Melissanthi Mahut), che viene imprigionata magicamente da uno scrittore di nome Erasmus Fry (Derek Jacobi). Fry si impone su Calliope per decenni, ricevendo in cambio ispirazione creativa.

Verso la fine della sua carriera e della sua vita, Fry cerca di scambiare Calliope con un altro autore di nome Richard Madoc (Arthur Darvill) in cambio di un tricobezoar, una palla di capelli non digeriti che si ritiene abbia proprietà curative.

Il finale dell’episodio 11 della prima stagione di The Sandman

All’inizio, Madoc esita ad abusare di un altro essere per il suo tornaconto personale, ma con la scadenza del suo secondo romanzo scaduta e nessuna parola sulla pagina, Madoc stringe un oscuro accordo con Fry e rende schiava Calliope.

Come Fry, Madoc rinchiude e abusa di Calliope, e questo gli consente di consegnare il suo secondo libro a recensioni entusiastiche. Calliope chiede aiuto al suo ex marito e amante, Dream (Tom Sturridge).

Dream viene in suo aiuto e maledice Madoc con troppe idee per la storia. Madoc inizia a impazzire e ordina a una delle sue ammiratrici, Nora (Amita Suman), di liberare Calliope. Quando Nora apre la stanza in cui era imprigionata Calliope, tutto ciò che trova è una copia di  Here Comes a Candle , uno dei libri di Fry che è andato fuori stampa anni fa.

Una Calliope liberata ringrazia Morpheus e gli chiede di rimuovere la maledizione su Madoc. Chiede a Morpheus se può fargli visita nel Dreaming in modo che possano addolorarsi per la perdita del loro figlio, Orpheus. Ma Morpheus non è pronto ad affrontare il suo passato, dicendole: “Un giorno, forse”.

Il finale spiegato dell’episodio 11 di The Sandman dal produttore esecutivo Allan Heinberg

In un’intervista il produttore esecutivo Allan Heinberg ha parlato di “Calliope” e del suo finale.

Cosa c’era dietro la decisione di non mostrare sullo schermo Madoc che aggredisce Calliope? Lo vedi emergere con la camicia sbottonata e una cicatrice sanguinante sulla guancia. È stato preso dai fumetti?

Nei fumetti, Madoc è una persona così depravata. È uno stupratore seriale. Sapevo che volevamo affrontare il materiale in modo sensibile.

E sapevo che volevo creare una versione di quel personaggio che potesse essere compresa dal pubblico e che fosse riconoscibile, [qualcuno] si è ritirato in un angolo in modo da non poterlo liquidare come un mostro. Altrimenti, la storia non ha potere.

[L’assalto]  è raffigurato nel fumetto e Neil [Gaiman] non ha mai voluto che quel momento fosse disegnato. È assolutamente brutale. E qualcosa che non vogliamo in alcun modo drammatizzare o rendere glamour; non è solo qualcosa che ho bisogno di vedere in televisione rappresentato.

Penso che sia molto più orribile se è implicito, e lo spettatore deve fare i conti nella sua testa [piuttosto] che guardare quest’uomo imporsi violentemente su un essere eterno.

E ho pensato che il modo in cui Louise Hooper ha diretto quel momento, con la telecamera che ingrandiva lentamente lo schermo vuoto del [computer] mentre lo ascoltavamo bussare alla porta di Calliope ed entrare con la forza, fosse molto più inquietante. E ha raccontato la storia, ovvero che lo sta facendo perché lo schermo è vuoto. Non lo sta facendo per nessun altro motivo se non per la sua disperazione.

Il finale spiegato dell’episodio Calliope di The Sandman

Quando Nora va a liberare Calliope, tutto ciò che trova nella stanza è una copia di  Here Comes a Candle , il romanzo che Erasmus cercava disperatamente di tornare in stampa. Cosa pensi che ci sia il simbolismo dietro?

Quella scena viene dal fumetto . Penso che in quel momento la musa se ne sia andata e il prodotto del suo tempo è ciò che è rimasto nel mondo.

Penso che lettori e spettatori possano interpretarlo in molti modi diversi: questa creatura è stata tenuta prigioniera per decenni e decenni solo per questo: questa cosa che non è stampata o che la gente non sta nemmeno leggendo.

Oppure può anche essere preso come un segno che la letteratura sopravvive e, si spera, invii un messaggio alle generazioni future sui pericoli di sacrificare gli altri a proprio vantaggio.

“Calliope” rispecchia molto il primo episodio “Il sonno dei giusti”, in cui lo stesso Dream è imprigionato da un mortale per oltre un secolo. C’erano dei parallelismi che volevi tracciare tra l’Episodio 1 e l’Episodio 11?

È tutto molto intenzionale e tutto nel testo di partenza per noi. Nei fumetti precedenti, Dream ha avuto una brutta rottura con Calliope a causa della violenza che accade al loro figlio, Orfeo. E non le ha mai mostrato compassione verso la fine del loro matrimonio.

Ma a causa di quello che gli è successo, la sua risposta [alla sua richiesta di aiuto] è molto diversa se non fosse stato catturato e imprigionato.

 

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Lord of War – Film – Netflix

Space Sweepers su Netflix disponibile un nuovo Film di fantascienza

playblog.it

Neymar: il caos perfetto la nuova docuserie in streaming su Netflix

playblog.it

Lascia un commento