Tecnologia

Windows 10 ottiene una nuova funzionalità per risparmiare la batteria dei laptop

Windows 10 ottiene una nuova funzionalità per risparmiare la batteria dei laptop

Quando si tratta di risparmiare batteria, Microsoft Windows 10 è in ritardo rispetto all’efficiente sistema operativo MacOS di Apple.

E con il passaggio di Apple alle macchine alimentate da M1, questo divario si sta allargando.

Mentre Microsoft rimarrà bloccato sui processori x86 per un po’, sembra che ci siano alcune ottimizzazioni su cui la società sta lavorando per ottenere una maggiore durata della batteria dai laptop basati su Windows.

Secondo TechRadar, è attualmente in fase di test una nuovissima modalità Eco che tenterà di ridurre le applicazioni che richiedono molta energia e quindi di ottenere la massima durata dalla batteria.

La nuova modalità di Windows 10 per risparmiare batteria è attualmente accessibile tramite il task manager.

Alcuni utenti di prova sulla build di anteprima 21364 vedranno un’opzione di menu al clic con il pulsante destro del mouse che ti consente di mettere un’app assetata di energia in una modalità limitata.

Questa funzione funziona in due modi, in primo luogo impostando la priorità di un’applicazione su “bassa” e applicando EcoQoS.

Come suggerisce il nome, si tratta di un livello di “qualità del servizio” in grado di gestire applicazioni che non richiedono bassa latenza o prestazioni elevate.

Ciò significa che non funzionerà se stai modificando un video o stai giocando a un gioco, ma potrebbe essere un’ottima opzione per gli utenti Windows più generici.

Sebbene gli utenti siano in grado di gestirlo manualmente, esistono anche API per sviluppatori
che possono essere chiamate per impostare i processi su questa modalità a basso consumo.

In sostanza, un’app può ridimensionare il suo consumo energetico in determinate circostanze.

Ciò potrebbe significare che il tuo browser web attiverà la modalità quando è ridotto a icona.

Microsoft sottolinea che questo è “l’ideale per servizi in background, aggiornamenti,
motori di sincronizzazione, servizi di indicizzazione e altro,
in cui l’efficienza energetica è al centro dell’attenzione”.

Porterà vantaggi come la riduzione del calore e del rumore della ventola, nonché una riduzione del throttling termico.

Microsoft afferma che nelle giuste circostanze può creare una riduzione del 90%
del consumo energetico e può eseguire le stesse attività utilizzando meno
della metà dell’energia della CPU.

Con i processori Intel e AMD che migliorano continuamente anche nella gestione dell’alimentazione, potrebbero esserci grandi guadagni ottenuti con questa nuova funzionalità.

Il supporto per la modalità è attualmente limitato dall’hardware.

Avrai bisogno di una CPU mobile Intel di decima o undicesima generazione o di un processore mobile Ryzen 5000.

C’è anche il supporto per i processori Qualcomm, per le macchine Windows basate su ARM.

Microsoft afferma anche che alla fine estenderà questo sistema ai PC desktop in cui il consumo di energia è meno critico, ma la riduzione del consumo di energia è ancora enormemente preziosa da una prospettiva finanziaria e ambientale.

Playblog.it

Apple        Android        Tecnologia        Netflix        Prime Video        Offerte

Seguici su Telegram       Canale Netflix     Offerte Amazon     Prime Video
seguici anche su Facebook       Instagram       Twitter         Pinterest

POST CORRELATI

Xiaomi K30 in uscita nel mese di gennaio 2020

La migliore attrezzatura fotografica per il tuo smartphone

L’hack ai danni Capcom ha colpito più persone del previsto

Lascia un commento