Netflix Serie TV

Feel Good la recensione della seconda stagione di Netflix

Feel Good la recensione della seconda stagione di Netflix

Nella seconda stagione di Feel Good su Netflix la complicata storia d’amore di Mae e George continua, mentre Mae fatica ad accettare gli spettri del suo passato e George cerca di inventare per lei un nuovo presente. Possono crescere insieme o finiranno per separarsi?

La comica Mae Martin affronta una relazione passionale e complessa con la sua nuova ragazza, George, e le sfide della sobrietà.

Stagione 2: Feel Good – Trailer Italiano Netflix

La strana storia d’amore di Mae Martin è una delizia impassibile

Ho divorato tutti e sei gli episodi di Feel Good (Netflix) in una sera, e proprio come la straordinaria prima stagione, non mi ha fatto sentire bene, tutto il tempo, ma mi ha fatto sentire come se mi avessero dato un corso accelerato in empatia e gentilezza.

Co-creato e co-scritto dal comico Mae Martin e dallo scrittore Joe Hampson, questa è la storia semi-autobiografica di Mae, un cabarettista che si innamora del George (Charlotte Ritchie) precedentemente etero, sostituendo le loro altre dipendenze con appassionate, occasionalmente amore ossessivo.

Va oltre nel fango del trauma, pur mantenendo una delle trame romantiche più dolci.

Dopo la fine della prima stagione, in cui Mae si è disfatta, è tornata alle vecchie abitudini e ha imploso la loro relazione con George, c’è un tentativo di reset.

Mae viene portata in riabilitazione dai genitori: Lisa Kudrow è una brillante attrice comica, ed è perfetta qui, come la fragile madre terrorizzata dal ripetersi del passato.

Alla clinica, i demoni riaffiorano, così come un vecchio debito di droga, sotto forma di un altro paziente con una buona memoria.

Se tutto questo suona desolante, beh, lo è e non lo è. In gran parte, lo spettacolo sceglie l’umorismo sulla miseria, la speranza sulla disperazione.

È sensibile e intelligente nella sua rappresentazione del disturbo da stress post-traumatico, e si occupa di sfumature di grigio, esaminando gli eventi con il tipo di complessità che è spesso assente dal dibattito pubblico, ma è il fondamento delle discussioni private.

Siamo consapevoli che qualcosa di brutto è successo a Mae da adolescente, e questo viene gradualmente messo a fuoco, provocando la domanda su cosa significhi essere una brava persona.

C’è una trama più piccola, che ribolle in sottofondo, su Mae che inizia a riconoscere la loro identità non binaria, ma molto di questo riguarda il mettere in discussione i binari in tutte le situazioni che non li richiedono.

C’è un peso emotivo, ma quasi ogni volta che Feel Good si avvicina alla serietà, devia.

Mae sta lottando per trovare qualcosa di divertente, gli spettatori di Feel Good avranno molto da scegliere. La prospettiva da incubo di essere bloccato in una stanza di fuga a tema dell’antico Egitto con il tuo ex si trasforma in una bolgia prevedibile. I genitori di Mae sono straordinariamente impassibili e Kudrow è una delizia. Mae ha un certo numero di soprannomi, molti autoinflitti, da Peewee ad Adam Driver, da John Wick a Little Piss Rat e Vostra Maestà. Ci sono brevi giochi di ruolo sessuali che esistono solo come brevi battute finali, ma rubano un intero episodio.

Martin e Hampson hanno realizzato una commedia delicata e una tenera storia d’amore, innestando entrambi su una corrente sotterranea di dolore, senza mai essere sdolcinati al riguardo. Feel Good è un bel traguardo, gentile, umano, tanto intelligente quanto divertente.

Guarda subito

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Dov’è la tua casa un nuovo thriller psicologico su Netflix

Un paradiso postapocalittico in “Sweet Tooth”, nuova serie Netflix

Il mondo bizzarro, spaventoso ed esilarante di DeadEndia arriva su Netflix in una nuova serie animata

Lascia un commento