Prime Video

Fleabag il finale spiegato della stagione 2

fleabag stagione 2 amazon prime video finale

Il finale spiegato della stagione 2 di Fleabag, la serie di Amazon Prime Video. Nella seconda stagione abbiamo visto una scena molto sexy che avviene in un luogo inusuale, come quello del confessionale.

Nella stagione 2 di Fleabag, quando Fleabag (Phoebe Waller-Bridge) agisce finalmente sulla sua attrazione per il Prete cattolico (Andrew Scott), che si esibirà cerimonia del matrimonio di suo padre.

Dopo aver girato intorno al problema per vari giorni l’intesa condivisa da Fleabag e il Prete si accende improvvisamente in una tempesta di desiderio e la sensazione dolorosa di sentire Il Prete dire a Fleabag di “inginocchiarsi” prima che la sua benedizione sia abbastanza potente da abbattere gli imperi.

Durante la seconda stagione assistiamo anche ad un’altra interessante scena: Fleabag ha una conversazione con The Priest sul suo voto di celibato. Fleabag si è presentato a casa del prete a tarda notte e non può fare a meno di chiedergli come può sopportare di rinunciare al sesso.

Il suo invito è chiaro: lei vuole che stiano insieme, e lui le ricorda gentilmente che anche se non può succedere tra di loro, spera che possano essere amici.

Fleabag si gira verso la telecamera, parlando direttamente allo spettatore. “Dureremo una settimana”, ci dice. Lei è sia felice che triste per questo.

Fleabag e i dialoghi con la telecamera

Nelle interviste, Waller-Bridge ha spiegato spesso come quello di parlare direttamente alla telecamera sia “il suo amico segreto della macchina fotografica”.

Nella prima stagione, le divagazioni del quarto muro di Fleabag sono spesso spiegazioni o utili note contestuali, come riferimenti ai margini di una storia. A volte sono più come ammissioni di colpa, che contemporaneamente supplicano e sfidano lo spettatore a giudicarla.

Spesso si tratta di un escamotage per consentire a Fleabag di perdonarsi per ciò che farà, includendo lo spettatore in quella scusa, rendendolo complice del suo comportamento. Proprio come Fleabag, noi spettatori sappiamo che andrà a letto con questo prete. Proprio come Fleabag, non possiamo fermarlo.

Mentre Fleabag si rivolge alla telecamera per fare questo ballo con lo spettatore, esce anche brevemente dalla sua interazione con The Priest.

Ci trascina nella sua orbita fantasticamente affascinante e autodistruttiva mentre esce per un momento dalla sua stessa vita. Ci affascina, i suoi amici segreti della macchina fotografica, almeno in parte perché è un modo per prendersi una pausa dall’intensità di questa esperienza con la persona seduta accanto a lei.

L’intimità con il pubblico

Ma poi la scena cambia. Le sopracciglia del prete si corrono per la sorpresa. “Che cos ‘era questo?” chiede, guardando Fleabag. “Sei appena andato da qualche parte”, le dice in tono accusatorio, guardando nella stessa direzione in cui si gira quando guarda la telecamera. Fleabag afferma di non capire e, in preda al panico, guarda ancora una volta lo spettatore, questa volta con l’allarme sul viso.

“Là!” lui dice. “Dove sei appena andato?” Fleabag cerca di scrollarsi di dosso. “Da nessuna parte”, gli dice. Lui accetta solo questo, scrollando le spalle. Fleabag si gira ancora una volta verso la telecamera, questa volta scioccata. L’ha vista . Ha visto noi .

La tendenza furba, riservata, a volte piena di risentimento di Fleabag a rompere la quarta parete della sua stessa storia è una via di fuga. Si dissocia dalla propria vita ogni volta che le cose diventano troppo, allontanandosi da ciò che ha di fronte in modo da poter avere un momento per respirare.

Il prete vede la sua strategia di allontanamento per quello che è: ogni volta che è troppo sopraffatta per essere guardata, fa un passo indietro rispetto alla propria vita. Il prete sente che lei lo lascia, anche se non riesce a vedere bene che lo sta lasciando per poterci parlare.

Il finale della stagione 2 di Fleabag

La sua intimità con noi è anche un modo per prendere le distanze da chiunque possa effettivamente risponderle. La scena in cui Fleabag vede una terapista interpretata da Fiona Shaw sottolinea in modo molto diretto quell’idea: la terapista chiede a Fleabag con chi si confida, chi sono i suoi amici, e Fleabag si rivolge a noi ancora una volta con un sorriso complice e felice.

Siamo suoi amici, perché siamo i destinatari delle sue rivelazioni private. Quella scena è elettrizzante e schiacciante allo stesso tempo. È così lusinghiero essere il suo confidente, e così triste. Il suo rapporto più stretto è con una presenza che non può né vedere né sentire.

Neanche il prete può vederci o sentirci. Ma quando nota che Fleabag ci parla, si intromette nella nostra relazione segreta con lei, indicando esattamente il posto che lei pensava che nessuno potesse vedere – indicando noi, la sua strategia di allontanamento, il suo pubblico che non potrà mai risponderle.

Quella falsa intimità che condivideva con noi? Improvvisamente è reale, e non è tra Fleabag e i ​​suoi spettatori silenziosi. È tra Fleabag e l’unica persona che può ancora vederla ogni volta che cerca di fare un passo indietro.

Il rapporto tra Il Prete e Fleabag

In una scena successiva nel caffè di Fleabag, The Priest la sorprende ancora una volta a dissociarsi. Sente che se ne va, e la richiama. Per Fleabag, e per noi spettatori, sembra un’intrusione.

Siamo stati una coppia per così tanto tempo, una coppia disfunzionale di oratore e osservatore. Ma ora The Priest è entrato nella nostra relazione, è piombato là dove nessuno gli aveva chiesto di essere.

La nostra relazione con Fleabag ha ora una terza persona; siamo un trio, un triangolo sbilenco, poco comunicativo, dolorosamente crudo di conoscenza condivisa, umorismo e bisogni, e il fatto che alcuni di noi siano immaginari e altri no non fa nulla per diminuire l’intensità di tutto questo sente.

La scena del confessionale – il momento in cui la loro attrazione finalmente va fuori controllo – arriva più tardi nello stesso episodio. Spinto dalle domande di The Priest, Fleabag fa ciò che lui e l’ambientazione le chiedono, e lei confessa.

È una scena travolgente, un capolavoro di scrittura e cinematografia e la magia combinata delle performance di Phoebe Waller-Bridge e Andrew Scott.

Ma il suo potere narrativo si basa su ciò che è accaduto prima, quando The Priest ha visto Fleabag scivolare via e le ha chiesto dove fosse andata. La sua intensità deriva dalla nostra consapevolezza che quando Fleabag si siede in quella cabina e confessa a The Priest, in realtà sta confessando, in un modo che non è mai stata in grado di fare in modo così diretto o onesto quando parla con i suoi amici segreti della telecamera.

La spiegazione della seconda stagione di Fleabag

Quando Fleabag e The Priest finalmente fanno sesso, però, è pronta a escluderci. Boccheggiano insieme a letto e, a differenza di una sequenza precedente in cui Fleabag interrompe una scena di sesso con un idiota per dirci come va, non vuole testimoni quando fa sesso con The Priest. Spinge via la telecamera.

Noi spettatori non siamo gli unici osservatori invisibili e onniveggenti di Fleabag ; l’altra figura onnipotente e incombente della stagione è Dio.

Dio sarebbe un’alternativa appropriata per Fleabag, un modo per rinunciare ai suoi amici segreti della macchina fotografica e rivolgersi invece a Lui. Lei vuole .

Quando racconta a The Priest dei suoi desideri più profondi nella scena confessionale, Fleabag implora fondamentalmente una figura simile a Dio che possa sollevarla dal fardello della sua stessa agenzia, e la sua abitudine di rompere il quarto muro non è poi così diversa dalla preghiera .

Si rivolge a noi come un modo per ottenere una prospettiva e una distanza dalla propria vita, e se potesse sentirsi così riguardo a un potere superiore, se potesse trasformare le sue conversazioni con noi in conversazioni con Dio, forse sarebbe più salutare per lei. Ma lei non può.

Il finale della stagione 2 di Fleabag

Alla fine della serie, Il Prete ammette di aver scelto Dio a lei, e la sua decisione costringe Fleabag a fare una scelta simile. Ha per lo più rinunciato alla falsa intimità che ha costruito con i suoi spettatori a favore di una vera intimità con il Prete; man mano che si avvicinano, lei si rivolge a noi meno ed è in grado di essere onesta con lui.

Cosa dovrebbe fare senza di lui? Potrebbe facilmente tornare alle sue vecchie abitudini, qualcosa in cui noi spettatori potremmo davvero sperare.

Dopotutto, l’infelice Fleabag dissociativo è anche il nostro Fleabag, la persona che ci dona la sua vita avvolta in un inchino autoironico e selvaggiamente affascinante.

Quando The Priest rompe con Fleabag, c’è una possibilità che possiamo riavere il nostro rapporto con lei. Ancora una volta sarà in intimità con “noi”.

Fleabag fa però l’altra scelta. Invece di rivolgersi ancora una volta alla telecamera e scherzare sulla sua devastazione, se ne va.

Scuote la testa, dicendoci che non possiamo seguirla, e ci saluta con un gesto triste, rassegnato, speranzoso mentre si allontana. Conclude la storia che ci ha raccontato mentre si rivolge anche alla sua vita, alla sua famiglia, alle sue relazioni con persone che possono risponderle.

È per questo che il finale è una conclusione così perfetta per la serie, e perché è anche così schiacciante. Alla fine, Fleabag ci lascia.

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Motherland: Fort Salem stagione 2 su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

La spiegazione del finale di Bliss su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Tutte le novità disponibili sul Prime Video – settembre 2019

Lascia un commento