Tecnologia

Google prevede di tagliare le commissioni del Play Store per le app basate su abbonamento

Google prevede di tagliare le commissioni del Play Store per le app basate su abbonamento

Google ha affermato che prevede di ridurre la commissioni su Google Play Store che raccoglie dalle app basate su abbonamento dal 30% al 15% a partire dal prossimo anno.

L’annuncio arriva a seguito delle critiche da parte delle autorità di regolamentazione e degli sviluppatori di app sulla sua struttura tariffaria.

In un post sul blog di giovedì, Google ha affermato di aver apportato “importanti cambiamenti”, incluso il passaggio da un modello di tariffa di servizio unico a “più programmi progettati per supportare e incoraggiare il nostro diversificato ecosistema di app”. La nuova struttura entrerà in vigore il 1° gennaio del prossimo anno.

Quest’ultima concessione arriva dopo che Google ha ridotto la sua commissione al 15% dal 30% per il primo milione di dollari di entrate guadagnate dagli sviluppatori di app dalle vendite sul Google Play Store all’anno.

Queste modifiche sono state apportate a marzo e hanno seguito Apple, che aveva fatto una mossa simile lo scorso novembre con il suo app store rivale.

Anche gli ebook e i servizi di streaming musicale on demand riceveranno una tariffa di servizio ridotta del 10% .

Ma i giochi più grandi non trarranno beneficio dall’ultimo cambiamento di politica in quanto tendono a fare affidamento sugli acquisti in-app anziché sugli abbonamenti.

Invece, le app di gioco saranno soggette alla commissione del 15% per i primo milione di dollari guadagnati, quindi saranno soggette a una commissione del 30%.

Le aziende che sviluppano app per il Play Store di Google hanno accolto con favore la notizia.

Google taglia le commissioni del Play Store per le app basate su abbonamento

Questa è una grande notizia! Questa riduzione delle quote di abbonamento aiuterà Duolingo ad accelerare la nostra missione di fornire un’istruzione universalmente disponibile.

“Il cambiamento di prezzo che hanno annunciato ci consentirà di investire meglio nei nostri prodotti e consentirà agli utenti di connettersi con sicurezza online”.

ha affermato Whitney Wolfe Herd, fondatore e CEO, Bumble Inc.

“Questa è una grande notizia!” ha affermato Luis von Ahn, co-fondatore e CEO di Duolingo.
“Questa riduzione delle quote di abbonamento aiuterà Duolingo ad accelerare la nostra missione di fornire un’istruzione universalmente disponibile”.

Secondo la società di analisi Sensor Tower, Google ha raccolto 11,6 miliardi di dollari in acquisti in-app a livello globale nel 2020 da una spesa del Google Play Store di 38,8 miliardi di dollari.

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Il film American Beauty è in streaming gratis su Rakuten Tv

Alessio PlayBlog.it

Microsoft impedisce ai propri dipendenti di utilizzare Slack, Google Documenti e altro

Microsoft presenta il nuovo Surface Go e sfida l’iPad

Lascia un commento