Prime Video

Il finale del film Catherine: perchè è stato cambiato il finale del libro?

catherine finale film birdy

Il finale del film Catherine: perchè le scene finali del film non sono coerenti con quelle del libro? In questo articolo analizziamo le differenze anche con riferimento ai personaggi grazie a degli elementi rilasciati in un’intervista da Dunham, la sceneggiatrice e regista del film.

Il film Catherine (“Catherine Called Birdy”) è un nuovo film adattato dall’omonimo romanzo per giovani adulti di Karen Cushman del 1994. Il libro, su un’adolescente ribelle che viveva nel sistema feudale inglese del 1290, è stato amato dai lettori per quasi tre decenni.

Uno di quei lettori è la sceneggiatrice e regista del film, Lena Dunham. All’età di 10 anni “Era la prima volta che leggevo un personaggio, forse dai tempi di Eloise, che sentivo rispecchiasse davvero chi ero e chi volevo essere”, ha detto Dunham.

“E così il libro era sempre con me. Lo leggerei un paio di volte all’anno. Era come il mio libro di conforto, il mio libro di intimità. Quando ero al college, ho iniziato a leggere molto di donne che si ribellavano alla cultura medievale come Christine de Pizan – mi sono appassionata alla sua poesia – e ho iniziato a pensare a quel periodo.

Poi quando qualcuno mi ha chiesto, intorno a “Girls”, “C’è un pezzo di – per usare una parola molto hollywoodiana – proprietà intellettuale che vorresti adattare?” Ho pensato: “Oh, sì, penso di sapere Cos’è.'”

Dunham ci ha guidato attraverso il processo di portare il libro sullo schermo, dal casting della sua eroina unica al dare la sua personale interpretazione al finale.

Dunham inizialmente si è assicurato i diritti sul romanzo di Cushman 10 anni fa. A quel tempo, i film basati su libri per giovani adulti erano fantastici o distopici, come “The Hunger Games” o “Twilight”.

Dunham non era sicuro se ci fosse spazio per qualcosa di più radicato nella realtà con un protagonista adolescente che non aveva poteri speciali. “Era di un’altra epoca, letteralmente e figurativamente”, ricorda Dunham. “E così ci è voluto un po’ di tempo per trovare il partner, che si è rivelato essere la Working Title, che capisse cosa doveva essere”.

Poiché il romanzo è stato scritto come un diario da Birdy per suo fratello, Edward, un monaco, Dunham ha usato la voce fuori campo per mantenere il senso del personaggio che parla direttamente allo spettatore.

Com’è nato l’adattamento del film Catherine

Ha aggiunto nuove scene e ne ha rimosse altre. Ad esempio i lettori noteranno che, in particolare, Birdy non salva un orso nell’adattamento di Dunham.

“In un certo senso, con i cambiamenti, ho pensato che fosse solo un’elaborazione della storia di Karen”, dice Dunham. “Non necessariamente cambiandolo, ma semplicemente espandendolo, perché è un personaggio così facile da immaginare sempre di più da quello.

Quando c’è una scena o un personaggio che non esiste nel libro, non è che io prenda il lavoro di Karen e lo modifichi. È più solo costruire il mondo. E quindi mi piace pensare che se il film ti è piaciuto, il libro può essere un pezzo di accompagnamento e viceversa”.

L’intenzione era di girare nella primavera del 2020 – il piano è stato ovviamente ritardato – e Joe Alwyn, che interpreta l’amato zio George di Birdy, è stato il primo attore nel cast (Dunham ha scritto il ruolo appositamente per lui).

Birdy interpretata da Bella Ramsey

Il successo dell’adattamento, tuttavia, dipendeva dalla ricerca dell’attore giusto per interpretare Birdy, un’adolescente coraggiosa che non è solo disordinata, caotica ed emotiva, ma anche empatica e intelligente. Dunham ha incontrato una sola persona: Bella Ramsey, nota per aver interpretato Lyanna Mormont in “Il Trono di Spade”.

“Nina Gold, la nostra direttrice del casting, ha detto: ‘Penso di sapere chi sia’, e ha tirato fuori una foto di Bella”, ricorda Dunham. “Ero tipo, ‘Sì, ecco chi è.’ Prima che Bella entrasse e leggesse, c’era sempre stato un punto sfocato in cui si trovava la faccia di Birdy e ora potevo vedere la faccia.

E sapevo che il film è vissuto e morto da Birdy perché lei è in ogni fotogramma, [perché] anche quando non la guardiamo, guardiamo attraverso i suoi occhi. Richiedeva solo qualcuno che avesse la profonda empatia e umanità di Bella. E anche Bella è davvero fottutamente divertente.

Il casting è particolarmente efficace perché Ramsey, che ora ha 18 anni, era un vero adolescente durante le riprese del film all’inizio del 2021. “Era davvero importante, perché si tratta solo di essere un’adolescente disordinata, come ha detto Lena, senza abilità o passioni speciali, a parte evitare le sue faccende, o una grande storia d’amore oltre a schiacciare lo zio George”, osserva Ramsey.

“È più solo esistere da adolescente. Penso di aver imparato anche che i tempi possono cambiare, il mondo può cambiare intorno a te, ma l’esperienza di essere un adolescente è la stessa in qualsiasi periodo di tempo. Solo con sfide diverse, a seconda dei diversi tempi”.

Le differenze nei personaggi tra il libro e il film Catherine

Nel romanzo, il padre di Birdy, Lord Rollo, è un uomo bruto, spesso descritto come rialzista e disgustoso. Nel film, è interpretato da Andrew Scott, che offre un lato più sensibile del personaggio. È un marito devoto di sua moglie, Lady Aislinn (Billie Piper), e gira per il loro maniero in abiti eleganti.

Dunham lo paragona a quel papà che indossa un sacco di Gucci e una catena d’oro. “È quello che è cambiato di più rispetto al libro”, dice. “È un uomo molto brutale, quasi come un uomo primitivo nel libro.

E qualcosa di cui io e Andrew abbiamo parlato all’inizio era l’idea che non volevamo che nessuno dei personaggi maschili si sentisse come questi stereotipi di maschilità antifemminista. Andrew ha davvero sollevato questa idea [che] ogni singola persona in questo mondo è intrappolata dalle convenzioni a modo suo”.

“Una delle conversazioni iniziali, [che] in realtà è continuata molto, riguardava il modo in cui potevamo personalizzare ancora di più la relazione tra Birdy e il padre”, aggiunge Scott.

“E come le persone che si sono scontrate di più a volte nelle famiglie sono quelle che sono più simili. Mi interessava anche l’idea di come potesse soffrire sotto questa società maschilista. E come sarebbe se fosse un po’ meno maturo di quanto appare nel libro?

Che era qualcuno a cui piacciono le cose belle della vita, indossare pigiami di seta e gioielli. Per renderlo qualcuno che non è un buon combattente con la spada.

Il personaggio di George

George, l’oggetto dell’affetto di Birdy nel romanzo e nel film, non è cambiato così drasticamente, ma Alwyn voleva assicurarsi che il rapporto del personaggio con Birdy fosse chiaro.

Inizialmente, non c’è stato un momento nella sceneggiatura in cui George ha avuto una conversazione franca con sua nipote, dicendole che non poteva salvarla dal suo destino di essere sposata per soldi.

Ma dopo qualche discussione con Alwyn, Dunham ha aggiunto quella scena verso la fine. “L’ho interpretato come quella figura molto riconoscibile nella vita di un giovane, per quanti anni hai, quando hai qualcuno, che sia un vicino o un amico o un familiare o un insegnante o chiunque sia, quello è completamente il cavaliere in un’armatura splendente nella tua vita”, dice Alwyn.

“Quella sensazione era così riconoscibile. Come è stato il momento in cui quella facciata cade. O ti rendi conto, o ti viene detto, o un po’ di entrambi, che in realtà sono semplicemente abbastanza normali.

E disordinato e talvolta infelice come la prossima persona. Mi piaceva molto l’idea di quella relazione”.

Il finale del film Catherine e le differenze con il libro

Nell’intervista Dunham ha spiegato che trovare il finale giusto di Catherine ùdeve necessariamente riuscire a trovare sfumature di emozione simili a quelle del romanzo. Ed è forse questo il più grande cambiamento apportato da Dunham.

Nel libro, il corteggiatore designato di Birdy – un uomo grottesco ma ricco che lei chiama Shaggy Beard – muore e si riconcilia con suo figlio.

Il film è più aperto all’interpretazione, lasciando Birdy in un luogo di accettazione di sé. “Mi piace quanto sia ambiguo”, dice Ramsey.

“Permette la libertà. [Si tratta] dell’idea di avere le conoscenze e gli strumenti ora per affrontare questa [realtà]… È lei che si rende conto che può essere libera entro i confini del suo tempo”. “Pensavo che la vera arte significasse che tu scegliessi il finale duro e difficile”, aggiunge Dunham.

“E spesso mi appoggiavo a cose che pensavo fossero scomode o oscure. Ricordo che Judd Apatow diceva: “A volte va bene che le persone siano dolci l’una con l’altra”. [Ma] c’era qualcosa nel creare qualcosa che fosse più destinato a un YA e inclinarsi verso la gioia che mi ha fatto capire che è davvero bello da fare Quello.

I film hanno lo scopo di portarci da qualche altra parte”.

Il finale del film Catherine

Il romanzo di Cushman è clamorosamente femminista, soprattutto per quando è stato pubblicato (1994). Solleva interrogativi sui ruoli in cui le donne sono costrette e perché sono costrette a ricoprirli.

Rispetto al libro, e grazie anche al finale di Catherine, la versione di Dunham amplifica queste domande con un tocco più contemporaneo. Mantiene l’ambientazione del 1290 e i dettagli del periodo, ma utilizza musica moderna, idee attuali e casting inclusivi che riflettono il pubblico di oggi.

Le idee sociali sottostanti, mentre sono presenti, sono secondarie rispetto allo spirito spensierato e cordiale dell’immagine.

“Un film storico non è così accessibile, a meno che tu non voglia davvero sederti e conoscere le cose, il che è totalmente un’opzione e anche qualcosa che ci piace”, dice Ramsey.

“Ma penso che sia semplicemente bello avere qualcosa di così gioioso. Piuttosto che essere qualcosa di serio nel Medioevo ed essere incredibilmente deprimente, è gioioso ed è accessibile, ma sembra anche il momento [periodo] con una nuova interpretazione di esso”.

“Lena ha un’abilità quasi unica di essere in grado di inviare un messaggio attraverso la commedia”, aggiunge Scott.

“È una cosa incredibilmente difficile da fare che le persone sottovalutano davvero, e conosco pochissime persone che sono in grado di farlo. Sei coinvolto nei personaggi e pensi: ‘Oh, quella persona è disordinata, selvaggia e caotica e, in un certo senso, mi dà il permesso di esserlo io stesso.'”

Amazon Prime Video

 

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

 

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Condor la serie in streaming su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Il film commedia Genitori vs Influencer con Fabio Volo è su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Alone (2017) un film sci-fi francese su Amazon Prime Video

Lascia un commento